sabato 20 ottobre 2018

Post Twit Accedi o iscriviti

Fiab ha lanciato la sua “campagna elettorale”: prima tappa sul treno di Renzi

Riceviamo da Fiab e, molto volentieri pubblichiamo, con un …asterisco di carattere locale: per Crema, senza pensare ad una ….”bicipolitana”, è ora e tempo di pensare ad un piano organico della mobilità in bici in città!!!!
Venerdì, 01 Dicembre 2017
L’obiettivo è in cifre: “-20%: la dieta del traffico”. Per città più a misura di persona, e per rispettare l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. La Fiab è entrata in campagna elettorale con un programma d’azione per la prossima legislatura da sottoporre a tutte le forze politiche in campo.

Quel venti per cento è il punto di arrivo: la rinuncia, una volta su cinque, all’auto in favore della bici, ma anche del mezzo pubblico, per avvicinare l’Italia a stili di mobilità più vicini agli standard europei. “Per arrivarci chiediamo una iniziativa forte del governo che uscirà dalle prossime elezioni entro i primi due anni dall’insediamento”, sottolinea Giulietta Pagliaccio, presidente Fiab “e per questo abbiamo selezionato una rosa di azioni concrete da mettere nell’agenda dei lavori”.

In sintesi: istituzione del servizio nazionale per la mobilità ciclistica, “per una chiara governance delle politiche per la ciclabilità”; riforma del codice della strada, con i suoi punti chiave (30 all’ora come standard nelle città, controsenso ciclabile nelle strade a senso unico; semafori avanzati per le bici); incentivi per chi acquista bici, sia muscolari che a pedalata assistita, per negozi che attrezzano spazi pubblici per le biciclette, per imprese che promuovono il bike to work. “Infine – evidenzia la presidente Fiab – chiediamo di rivedere obsoleti standard urbanistici che obbligano a dedicare ampie superfici ai posti auto, e privilegiare invece servizi per bici, pedoni, trasporto pubblico”

Come primo atto della ‘campagna’ Fiab è salita ieri sul treno del Pd ‘Destinazione Italia’ e ha presentato il programma a Matteo Renzi. Alla presenza di Paolo Gandolfi, relatore alla camera della Legge quadro sulla mobilità ciclistica fresca di approvazione, il segretario Pd ha ricordato le cifre messe in campo per la bici nell’ultima legislatura. La delegazione Fiab ha dato atto del cambio di passo degli ultimi governi. Ma sulla dieta non sembra disposta a transigere.

Articolo di Michele Bernelli, da BC

Commenti

2 risposte a “Fiab ha lanciato la sua “campagna elettorale”: prima tappa sul treno di Renzi”

  1. Sicuramente non era un treno transitato da Crema, auguriamoci solo che sia quello giusto. Comunque, al di là dell’iniziativa cara alla presidente della FIAB (20mila aderenti, per lo più cicloturisti: basteranno?), ritengo che la nostra Crema sia una città inadatta allo sviluppo della bicicletta. Inadatta perché si continua a sostenere la bontà (bontà dove?) della promiscuità ciclista-pedone e ancor più perché le strade del centro sono strette, frequentate in ogni ora della giornata da auto, furgoni e camioncini (persino nelle vie Mazzini e XX Settembre) e “non si vuole” studiare una nuova forma di limitazione agli stessi veicoli a motore. E poi… vi immaginate i commercianti? salirebbero a Palazzo con il forcone e ci metterebbero sopra anche il carico da undici: mercatini, plateatico, centri commerciali e così via. E avrebbero ragione. La bicicletta è bella – mi piace un sacco – è ecologica (ti credo), ti rafforza la muscolatura (ma attenti alla schiena)… ma lo sviluppo al suo utilizzo potrà avvenire solo in campagna e con nuove piste ciclabili. Diversamente – lo fanno anche quelli della FIAB – dovremmo caricare la bici sull’inquinante auto e salire almeno sino a Urago (per la ciclovia dell’Oglio), oppure a Trezzo (per quella dell’Adda) o fino a Mantova (per poi pedalare sino a Peschiera). Nel nostro territorio siamo messi male. Purtroppo.

  2. MAH, IN UN ANNO I PEDONAGGIO E BICI PER LA SPESA NON ME LA SONO CAVATA MALE, MA LA CONTENZIOSITA’ E’ CRESCIUTA, PEGGIORATE LE CONDIZIONI. PREFERISCO LE SUOLE, PERCHE’ DI AUTOMOBILISTI ISPETTOSI DEI CICLISTI COME ME NE VEDO POCHI.
    APPUNTO, C’E’ TROPPA INTERFERENZA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

Ultimi twit

Ultimi post

Politica, Società

Santi subito

Pietro Martini

13/10/2018

16 Commenti

Leggi »

CONTRIBUTI E COMMENTI

Puoi segnalare una situazione critica, avanzare una proposta, dare il via a un dibattito. Il tema è completamente libero e ciò che conta è che abbia un interesse collettivo; puoi anche postare una storia significativa, una recensione di un libro o di un film, una produzione letterario-artistica, un’immagine-simbolo, un video. Clicca su "Post" o su "Twit" in alto a destra (devi essere registrato) per partecipare alla discussione.

Puoi commentare se sei registrato (consigliato) oppure indicando nome ed email nei campi previsti.

Contatti: redazione@cremascolta.it

Seguici su facebook

designed by Mattia Bressanelli