venerdì 23 febbraio 2018

Post Twit Accedi o iscriviti

Promesse demagogiche? Ragioniamo.

Come difenderci?

È il tempo – quello della campagna elettorale – delle promesse. Ed è giusto così: le forze politiche non possono che promettere. Ciò che conta è che le promesse siano credibili: se non lo fossero, non ci troveremmo di fronte a demagoghi? Ma… come stabilire la credibilità delle promesse elettorali? Come, cioè, difenderci, dai demagoghi? Sono demagogiche le promesse del reddito di cittadinanza del M5S, della flat tax della Lega e di Forza Italia, dell’abolizione delle tasse universitarie di Liberi e uguali? Non ho certo la pretesa di stabilirlo io. In questo post io mi limito a segnalare fonti che, in tema di compatibilità economica, hanno di sicuro una maggiore attendibilità: giusto per “ragionare”, per soppesare vantaggi e svantaggi. L’Osservatorio di Carlo Cottarelli, il noto ex commissario alla spending revew, creato dall’Università Cattolica di Milano, in primo luogo, che ha affrontato in questi giorni la promessa della flat tax, un’imposta ad aliquota fissa per tutti i tipi di reddito (la Lega propone un’aliquota del 15%).

Nessuna correlazione automatica

  • È vero che tale aliquota fissa, che sostituirebbe le aliquote “progressive”, sarebbe in grado di incentivare la crescita e quindi di far crescere il gettito fiscale? L’Osservatorio di Milano né condanna né assolve, ma esamina la proposta con attenzione. Ci sarebbe indubbiamente una semplificazione del sistema fiscale, ma – si puntualizza – l’attuale complessità non deriva tanto dalla diversità di aliquote, ma dalla “pletora delle agevolazioni varie”.
  • Verrebbe meno l’incentivo ad evadere con un’aliquota più bassa? Non è automatico, ma anzi potrebbe accadere il contrario: considerato che la multa se si è scoperti è “proporzionale alle tasse che si sarebbe dovuto pagare […], una riduzione della imposta implica una multa minore, che a sua volta potrebbe incentivare l’evasione fiscale”.
  • Ma… non sarebbe assicurata una maggiore crescita economica e di conseguenza un gettito superiore al costo della riforma fiscale (che, per quanto riguarda la proposta della Lega, sarebbe di circa 40 miliardi)? L’Osservatorio di Carlo Cottarelli, sulla base dei dati che provengono dai Paesi dell’Est europeo che hanno applicato tale flat tax, evidenzia il fatto che solo la Russia, la Lituania e la Lettonia hanno registrato un gettito maggiore rispetto al Pil (tre su 8 Paesi) e che “è difficile provare empiricamente la correlazione tra maggiore crescita e nuovo sistema di tassazione”.

Un principio sacrosanto

Rinvio al sito della Cattolica l’analisi ragionata più dettagliata. Da parte mia solo un’osservazione. A prescindere dalle implicanze economiche, la progressività delle imposte è un principio che ritengo sacrosanto di una democrazia (è stato recepito, come sappiamo, dalla stessa nostra Costituzione). Con questo non intendo dire che non si debba semplificare ed, eventualmente, riequilibrare le aliquote, ma sempre nel rispetto del principio: di fronte a disuguaglianze crescenti, non sarebbe scandaloso introdurre riforme destinate ad accrescere ulteriormente tali disuguaglianze.

Commenti

85 risposte a “Promesse demagogiche? Ragioniamo.”

  1. Ho trovato pacata l’analisi dell’Osservatorio curato da Cottarelli: una pacatezza che non riscontro (se non raramente: penso, ad esempio, al ministro Beatrice Lorenzin) nella campagna elettorale.
    Dovrebbe essere un buon costume quello di abituare la gente a “ragionare”, a vedere i pro e i contro: non ci sono ricette magiche, ma tutti i politici presentano le loro proposte come, appunto, miracolose!

    • Io credo che sia normale che in campagna elettorale escano proposte strampalate e demagogiche. Chi vota in base alle parole di une mese prima delle elezioni non ha nessun interesse a ragionare sui problemi e sulle soluzioni. Il cittadino consapevole si è informato molto prima e ha già deciso chi votare, se lasciare la scheda in bianco o se stare a casa (atteggiamento che ritengo ipocrita, ma è una possibilità scelta dalla maggioranza).

      Certo non è bello vedere la corsa a chi la dice più grossa, ma conosciamo i personaggi pre campagna elettorale per giudicare.

  2. La Costituzione, continuamente citata e invocata, non parla affatto (né mai si sarebbe sognata) di una tassazione al 68%!!! Perché è questa l’aliquota che pagano i lavoratori non-dipendenti. Si tratta di una rapina in piena regola. Tant’è vero che i negozi chiudono, le partite Iva cessano l’attività, gli artigiani cercano di fare una parte di nero per sopravvivere e pagare l’unico dipendente che hanno, le aziende delocalizzano, i pensionati emigrano all’estero e così via.

    Tutti in fuga dal fisco più rapace del mondo.

    E’ chiaro che serve una “rivoluzione fiscale”, non un ritocchino all’italiana.

    Come dici tu, Piero, l’osservatorio di Cottarelli “né condanna né assolve” la flat tax (come potrebbe prevederne gli effetti?, non è solo una questione di numeri, le variabili sono molteplici) e perciò non ci resta altro che provare. Abbiamo un’altra scelta?

  3. Provo a entrare nel merito con i miei poveri mezzi (vedo che tu, Rita, dimostri sicurezza su tutto: io so benissimo invece di sapere poco e solo solo di alcuni settori).

    In tema del prelievo fiscale in rapporto al Pil – leggo – l’Italia è al quinto posto in Europa: in testa è la Francia.
    A proposito di aliquote fiscali marginali l’Italia è leggermente al di sotto di Francia, Germania, Spagna e di altri Paesi (noi siamo al 43% contro il 50%, ad esempio, della Spagna).

    Con questo non intendo per niente dire che non si debba toccare il nostro sistema fiscale (tutt’altro).
    Io ho provato (sempre con i miei pochi mezzi) ad esaminare la promessa della flat tax, giusto per “ragionare”: non dico che si tratti di una “promessa irrealizzabile” e di conseguenza, se vogliamo usare l’espressione del card. Bassetti, “immorale”.
    Quello che invito a fare è “ragionare” sui pro e i contro. Tutto qui.

    • Sicurezza su tutto?
      Ma se ho detto “non ci resta altro che provare”!
      Via, non giriamo sempre la frittata.

  4. Riprendo ad analizzare la proposta della Lega che, tra l’altro, prevede di eliminare l’obbligo, per i lavoratori dipendenti, della trattenuta alla fonte: non siamo in presenza di una misura destinata a incentivare l’evasione fiscale?
    Oggi i lavoratori dipendenti sono gli unici che pagano le imposte fino all’ultimo centesimo (a meno che, nelle ore libere o durante la cassa integrazione facciano lavoro nero). Domani si comporterebbero che molti evasori di oggi.
    So bene che si debba eliminare la discriminazione tra lavoratori dipendenti e lavoratori autonomi, ma con un sistema che “incentivi” tutti a non evadere il fisco.

  5. Una ulteriore considerazione a proposito della proposta di Forza Italia e della Lega.
    Si tratta di una proposta seria, non irrealizzabile, se è vero che è già stata applicata in 8 Paesi dell’Est europeo. Non solo: l’idea della flat tax è stata proposta anche da un istituto prestigioso che è la Fondazione Bruno Leoni (con delle varianti rispetto alle due formulazioni di Forza Italia e della Lega).
    Stando, comunque, all’Osservatorio curato da Cottarelli, solo in 3 Paesi su 8 si è verificata una crescita del gettito fiscale e a proposito dei 3 che invece hanno registrato tale aumento, non vi è alcuna evidenza empirica che questo sia il prodotto della riforma fiscale introdotta.

    Non c’è, quindi, alcuna garanzia che che il gettito fiscale aumenti e neppure che vengano recuperati i 40 miliardi che sono il costo della riforma.

  6. La Flat Tax è un falso mito:

    1. A livello concettuale non rispetta il principio costituzionale di progressività della tassazione, magari non formalmente, ma sostanzialmente; come giustamente sottolineava Piero.

    2. Senza essere grandi economisti, è sufficiente dare un’occhiata ad un grafico che compara il sistema attuale (cattivo finché si vuole) con le proposte elettorali della destra.

    [ https://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2018/01/22/baldini1-660×385-630×368.png ]

    La curva verde parte dallo stesso punto ed è coincidente con la blu fino a redditi di 15-20 mila euro. Il vantaggio parte dopo, in quelle fasce di reddito che possono tranquillamente pagare una percentuale più alta.

    3. Sempre guardando il grafico si vede che, più che di flat tax (che sarebbe una linea orizzontale) parliamo di un tetto massimo alla tassazione (un taglio alla parte destra della curva), che di nuovo è a beneficio delle fasce alte di reddito.

    4. Che ci siano o meno le coperture, rimane il fatto che servono un sacco di soldi per finanziare una riforma che non ha necessariamente impatto sull’economia reale.
    Il problema si chiama LAVORO, non TASSE. Meno TASSE implica più LAVORO? Non credo sia così semplice; soprattutto se, dopo aver dilapidato tutte le coperture disponibili per la flat tax, ti ritrovi a dover riformare il sistema lavoro col cerino in mano.

    5. Ricordiamo sempre chi ci sta proponendo questa cosa: Lega Nord (Anche se Nord l’han tolto sono quelli di prima) e Silvio Berlusconi. Come ricorda una simpatica vignetta che gira su facebook in questi giorni: “Quando vai a votare, se metti la testa sotto la sabbia, ricorda che il culo resta fuori (ti fidi di avere intorno Berlusca in tale circostanza? Mah… XD)”.

    • Beata gioventù: l’Età delle Certezze.

      Fortuna che poi passa. Quelli come me che di certezze non ne hanno più, possono solo considerare che “in campo” non c’è una rosa di cinque-dieci progetti di riforma fiscale tra i quali poter scegliere il meno peggio. Anzi, non ce n’è proprio. Tutti offrono buoni-premio ma di tasse non se ne parla. E le tasse, insieme al problema sicurezza/immigrazione selvaggia, sono esattamente ciò che fa vivere male gli italiani.

      Come si superano questi due ostacoli?

      Dai politici in corsa sento dire ogni giorno (sic!) nient’altro che baggianate.
      Continuo ad aspettare la proposta intelligente, se mai arriverà.

  7. …..bella palla “padron Piero”; come si suol dire “sembran palle, ma a ….stringerle fan male”!!!!
    Entriamoci dentro in questi “programmi elettorali”, argomento per argomento” e quello che hai scelto come entrée è di quelle che ….contano!
    Mattia ci ha dato un bello ….spintone e la voglia di capirci un pò di più sta salendo!
    Vien voglia quasi di dimenticare che per questa nuova sceneggiata di Marzo (che già è ….pazzerello di suo!), non si capisce bene chi sono i “personaggi” e, invece purtroppo (salvo rare eccezioni), si conoscono assai bene gli “interpreti” (tralascio per …amor di patria considerazioni su “copione” e “sceneggiatura”).
    Certo è che l’incipit: il “berlusca” (vera e propria “maschera” della nuova “commedia dell’arte”!) che va a Bruxelles a “tranquillizzare” l’EU, è al di la di ogni fantasia del più ….spinellato Goldoni! Lui, condannato definitivo, nemmeno candidabile che va a ….tranquillizzare sul futuro del “buffo stivale” a ….. sipario della “sceneggiata” chiuso!
    Dai che oggi c’è il sole…..

    • Sotto questo aspetto siamo un Paese unico al mondo: l’incandidabile Berlusconi va a Bruxelles non si sa bene a quale titolo e in veste di cosa mentre il comico Grillo, che si è premurato persino di far togliere il suo nome dal simbolo pentastellato e non vede l’ora che arrivi il 4 marzo per andare fuori dalle balle, dà indicazioni sul voto da un blog che non è il suo bensì di una società di marketing.

      Mi chiedo cosa li paghiamo a fare tanti deputati e senatori.
      Anche loro sono lavoratori socialmente inutili.

      Ieri sera mi è capitato di vedere (10 minuti perché di più non reggo) un’intervista alla Lorenzin che, dopo aver attraversato tutti i partiti dell’arco istituzionale e siccome nessuno la voleva, ha fondato il Partito Petaloso (la definizione è sua). Una nullità assoluta. Ecco chi va in politica oggi in Italia.

  8. Grazie, Mattia, per le tue osservazioni.
    Io mi limito ad aggiungere, sempre sulla scorta dell’Osservatorio dell’Università Cattolica, che a non avere alcun beneficio dalla flat tax è proprio il ceto medio che Forza Italia e la Lega vorrebbero rappresentare. In effetti ad essere avvantaggiati sono naturalmente i ricchi, ma sono anche, per via dell’estensione della “no-tax area”, i cittadini di redditi bassi, mentre i redditi medi pagherebbero sostanzialmente l’aliquota attuale.

    Dopo i dati forniti l’altro ieri da Oxfam, a mio avviso (e lo ripeto), sarebbe scandaloso fare ulteriori regali fiscali ai ricchi (all’1% che possiede l’equivalente di quanto posseduto dal restante 99%).
    Sulla base poi delle ricerche del Premio Nobel Stiglitz (in questi ultimi mesi sto letteralmente… sbranando i suoi libri), la teoria secondo cui tagliando le imposte ai ricchi si incentivano gli investimenti e quindi l’occupazione è stata dimostrata falsa da quando la svolta è stata applicata dalla Thatcher e da Reagan e lo è a maggior ragione oggi in un mondo in cui a prevalere non è l’economia reale, ma l’economia finanziaria.

    • E’ il mantra di Renzi che la flat tax dia ai ricchi per togliere ai poveri. Detto da uno che ha salvato le banche per affondare i piccoli risparmiatori, è tutto un programma. E difatti, nessuno gli dà retta.

      Se poi, come dici tu, Piero, “i redditi medi pagherebbero sostanzialmente l’aliquota attuale”, mi chiedo cosa abbia da perdere la maggioranza degli italiani. Tanto vale provare.

      http://www.brunoleoni.it/tagliare-le-tasse-per-aiutare-il-ceto-medio

  9. ….e dopo che “don berlusca” si è ….speso per rassicurare(sic!) Bruxelles, il suo “co leader” dichiara con iattanza da Roma (oramai sdoganata da ogni sospetto di essere “ladrona”!) che , se del caso, dei limiti di Bruxelles ….. se ne fa un baffo, con lo stantuffo!
    Pare che da Buxelles abbiano commentato: “….stamo bbbene”!!!
    Non si può neanche più dire “siamo alle comiche finali”, perchè il “già doppiopettato” che aveva coniato questa sprezzante sentenza (indirizzata al suddetto don berlusca che fondava il “partito del predellino”) stanno cercando di ….”metterloo dentro” per riciclaggio!
    Dai, che ….nemmeno i Simpson!
    Insomma, coi “circenses” siamo al massimo, è con il “panem” che …..andiamo così/così!

  10. Come avrai notato, Rita, ho proprio citato il prestigioso Istituto Bruno Leoni tra coloro che propongono la flat tax (c’è anche “Energie per l’Italia”): si tratta di proposte con formulazioni diverse anche se tutte vanno nella stessa direzione. Quanto scrive l’Osservatorio della Cattolica – che ho citato – riguarda la “versione Lega” che estende l’area della non tassazione e quindi salvaguarda i redditi più bassi, avvantaggia i redditi alti, ma non avvantaggia per nulla il ceto medio.

    • Ho linkato Bruno Leoni perché mi sembra giusto dare dei riferimenti a chi vuole approfondire la conoscenza della flat tax aggirando l’ostacolo pernicioso della stampa istituzionale. Un altro blog da tenere in evidenza, per quanti s’interessano di economia, è quello di Alberto Bagnai, a lungo corteggiato (e pluricitato) dal M5s e oggi candidato nelle file della Lega.
      http://albertobagnai.it/blog/

      Non essendo nati ieri sappiamo benissimo quale “mercato” ruota attorno agli economisti, che si arrabattano continuamente tra carriere accademiche, consulenze milionarie e cadreghe politiche. E’ dunque meglio sentirli tutti e non fidarsi di nessuno. Tanto, la ricetta perfetta non la sanno, altrimenti non regnerebbe il caos che c’è nel mondo economico.

  11. INVIO QUI, TRA TANTI POST O TEMI CHE SI ACCAVALLANO TUTTI.
    Tradizioni: rassegne eno-gastronomiche? Non facciamo gli ipocriti, cari signori. Il problema non sono le nostre radici, che con il mondo globalizzato abbiamo ormai azzerato, il problema è che non ne vengano ad impiantare altre. Tutto questo mi pare solo un immobilismo culturale che non è mai esistito in nessuna epoca, magari oggi con qualche accelerazione, e soprattutto paure in più, rispetto ad altri secoli, dove il cammino della Storia ci appare più lento, perché se qualcuno provasse a definire l’identità occidentale credo che si perderebbe in mille rivoli da non raccapezzarsi più. Valuti ognuno se poi le nostre tradizioni siano servite o meno a costruire ad esempio un’identità italiana oltre gli stereotipi del belpaese. Del resto le differenze sono tali, nonostante la massificazione di cinquant’anni di televisione, che vien da chiedersi cosa mai ci sia da conservare. L’identità cristiana o quel poco di benessere (malessere) economico che ci è rimasto? Perché, guarda caso, il problema “razziale” emerge sempre in momenti di grave situazione economica, in un paese dove le disuguaglianze economiche stanno crescendo a dismisura, dove studi di settore descrivono disuguaglianze tali ben peggiori di tante invasioni, dove l’Italia è in 24esima posizione rispetto a quanto altri paesi europei han fatto per arginare il disastro. Sono questi i problemi di cui dobbiamo occuparci, non di folcloristiche processioni, di sagre di paese, di festicciole fuori porta, tra tartufi, radici, quelle da mangiare, torta Pasqualina o sbrisolona, torrone e tortelli cremaschi, festa del barolo o della frittura. Che van bene naturalmente, il mercato da quel punto di vista funziona, insieme al turismo, al mare, alle città d’arte, ai musei, ma ricordiamoci che è tutta Storia, in una società così frammentata, tra nord e sud, ancora adesso, e terre di confine assolutamente autoctone, tra isole e continente, istruzione e abbandono scolastico, tra ricchi e poveri, giovani e vecchi, e lasciamo stare la politica, quella forse l’unica categoria identificante, ma sarebbe meglio il contrario di questi tempi. Cosa sono quindi queste tradizioni? Non è forse l’economia globalizzata che ne ha decretato l’azzeramento? Del resto basta scorrere i dati di Davos per vedere quanto le rivendicazioni economiche a cui gran parte della popolazione mondiale avrebbe diritto saranno determinanti in questo sovvertimento geografico, dove in molti rinuncerebbero benissimo ai loro usi e costumi in cambio di una vita dignitosa. Popolazioni apparentemente forti se si vuol parlare di identità, ma per carità. Allora cosa invidiare? La nostra identità, se mai etichettabile, cosa mai sarebbe in un disastro economico prossimo venturo? Vorrebbe dire solo arretratezza culturale, che poi è quello che succederà all’occidente, e sempre è successo in altre aree geografiche, nonostante un pil mondiale in crescita ancora da un punto percentuale, che però nelle tasche della popolazione non ha distribuito un bel niente: l’82% della nuova ricchezza prodotta è finita all’1% della popolazione, ogni quattro giorni in questi anni è nato un miliardario che ha fatti i soldi nello sfruttamento intensivo del lavoro mondiale, ci sono ancora bambini che spaccano pietre e cercano cibo nelle discariche delle grandi megalopoli (SimoneWeil aveva visto bene), dove l’intero guadagno di una vita di un lavoratore del terzo mondo corrisponde a quattro giorni di retribuzione di un grande manager. Allora? Difesa delle tradizioni o regole economiche mondiali? Basta prendersela con quattro poveracci quando ormai nel mondo economico vige un’anarchia di regole che avvantaggia sempre di più i pochi a discapito dei molti. Perché quando saremo tutti morti di fame cosa ce ne faremo di quel folclore che sono diventate le nostre tradizioni?
    Traduzione per i paladini delle nostre tradizioni, prima che mi si accusi del solito rebelot: QUALCUNO MI VUOLE SPIEGARE COS’E’ L’IDENTITA’ ITALIANA? E anche difese, delle nostre tradizioni, se l’economia non riprendesse, nonostante i proclami ottimistici e le promesse elettorali, cosa ce ne faremmo? Perché ricordiamoci che un’economia sana ha garantito in questi decenni uno sviluppo culturale, almeno rivendicato da alcuni, che possiamo benissimo chiamare libertà e democrazia, o diritti civili, che piacciano o non piacciano, e che non sono stati promossi o garantiti in tante altri parti del mondo, ma che rischierebbe di venir meno anche da noi se ritornassimo poveri. Allora, cosa sono le tradizioni di fronte ad un mondo economico e finanziario come questo? Un fico secco! E ancora, chi determina le trasformazioni identitarie se non le leggi dell’economia?

  12. Ulteriore sintesi: i problemi vanno affrontati globalmente, non localmente, e i miei discorsi contro i separatismi o campanilismi di questi anni di blog trovano ormai conferma nel “così va il mondo”. Che piaccia o no.

  13. Era più ottimista Winston Churchill nel discorso del dopo guerra a .Zurigo:
    “…Questo nobile continente,che comprende nel suo insieme le più belle e coltivate regioni della terra,che gode di un clima regolare e temperato,è la casa di tutte le razze imparentate del mondo occidentale.E’ la fonte della fede Cristiana e dell’etica Cristiana. E’ il luogo d’origine della maggior parte della cultura,delle arti,della filosofia e della scienza dei tempi antichi e moderni”.

  14. Mai, amici, avrei immaginato di approfondire così una promessa elettorale. Lo devo a CremAscolta, un blog che, se non ci fosse, bisognerebbe inventare (quanti libri ho letto in questi tre anni grazie – o anche grazie agli stimoli del blog!).

    Un conto è la flat tax di Berlusconi (con un’aliquota del 23%) e un conto quella di Salvini (col 15%) e un conto ancora quella dell’Istituto Bruno Leoni.
    Il 23% è, grosso modo, l’aliquota mediana (quella più alta è del 43%), mentre quella di Salvini è notevolmente più bassa. La formulazione poi dell’Istituto Leoni è diversa da quella dei partiti in questione perché non solo prevede un’aliquota fissa del 25%, ma estende tale aliquota anche all’Iva.

    Una considerazione sull’estensione all’Iva che è una domanda: è giusto che chi acquista una Ferrari o una Lamborghini paghi la stessa aliquota di chi compra una Panda? è giusto non prevedere alcuna differenza tra chi acquista un bene di largo consumo e chi un bene di lusso?

    Un’altra considerazione: la flat tax non viola del tutto il principio della progressività delle imposte prevista dalla Costituzione in quanto prevede un’ampia “no-tax area” e, quindi, l’aliquota unica costituirebbe una “progressività”.

  15. Continuo ad approfondire per i miei 3-4 lettori.
    Sulla base dei dati forniti in questi giorni dall’Oxfam (e che lo stesso Ivano ha citato in un suo ampio commento), mi permetto una ulteriore domanda: non è immorale prevedere in generale regali fiscali per i redditi dell’1% più ricco e, in in particolare, una medesima aliquota fiscale per il reddito da lavoro e per il reddito da capitale? Non regaleremmo ulteriori soldi a chi specula sulle Borse?
    La flat tax non fa che inasprire le già scandalose disuguaglianze sociali.

    E c’è dell’altro (già detto e che qui mi pare doveroso sintetizzare): la flat tax
    – non garantisce per nulla una crescita del gettito fiscale (il caso della Russia va visto nella sua peculiarità: la riforma, infatti, ha allargato la base imponibile tagliando esenzioni e deduzioni fiscali),
    – non garantisce neppure il recupero dei 40 miliardi che rappresenta il costo della flat tax stessa (nella versione Lega),
    – potrebbe incentivare la stessa evasione a causa della minore “multa” che si avrebbe in caso si sia scoperti.
    – non dà alcun vantaggio alla middle class, una classe che – come è noto – sta soffrendo non poco.

    Tutti rilievi che ho trovato nell’Osservatorio in questione.
    Rilievi più specifici, poi, andrebbero fatti a proposito delle singole formulazioni (quella più complessa è quella dell’Istituto Bruno Leoni).

    • Difatti Piero, rubo una frase a te cara, il problema è complesso. Molto di più dell’idea della lavagna divisa in due con a destra i “pro” e a sinistra i “contro”, poi alla fine si vede chi ha totalizzato più punti e tiriamo le somme.

      Abbiamo capito che non ti piace la flat tax, tuttavia non puoi negare che ogni economista stia tirando l’acqua al suo mulino enfatizzando certi aspetti per nasconderne altri. In questa scalcinatissima campagna elettorale la flat tax è inoltre l’unica proposta fiscale presente, altre non ce ne sono, quindi direi che vale la pena di tentare e poi, con tutti i cervelloni di cui disponiamo, si faranno i correttivi necessari per la sua applicazione. E’ così per ogni legge che viene varata.

      D’altro canto escludo categoricamente, per quanto mi riguarda, la possibilità di continuare con il tran tran attuale, come auspica il Pd, che dove ci ha portato è sotto gli occhi di tutti.

      Quanto all’Oxfam, diciamo anche che è una cordata che raccoglie una ventina di Ong. Sarà mica un po’ parte in causa? No, vero. Non c’è pericolo.

  16. Mi sono proposto, Rita, con questo post, di “ragionare”, di ragionare con i miei pochi mezzi culturali e sulla base di analisi di sicuro più “credibili” (di sicuro un’Osservatorio di una università ha più carte di un provinciale come che ha solo la passione per l’economia e non le competenze).
    Ragionare: è quello che dovrebbero fare tutti gli elettori avveduti (quelli cioè che non “bevono tutto ciò che esce dalla bocca dei loro politici di riferimento).

    Vedo allora di scavare ancora un po’ (sempre con i miei pochi strumenti a disposizione).
    Ho sondato i sistemi fiscali dei Paesi europei e scopro che tutti quelli “occidentali” hanno adottato, anche molto più di noi, il criterio della “progressività”: ce n’è uno che ha addirittura 18 aliquote e noto che l’aliquota più alta è… più alta (rispetto all’Italia) in Germania, in Gran Bretagna, in Spagna, in Grecia, in Belgio, in Olanda, in Svezia, in Austria.

    La cosa che sorprende è che i Paesi con più tradizione “capitalista” hanno un regime fiscale più “socialista”, mentre i Paesi ex comunisti hanno un regime fiscale più “capitalista”.

    • Si, Piero, però di “Osservatori” ce n’è di tutti i generi, tutti sono titolati e tutti fan parlare questo o quel docente universitario che dice la sua (e fa il suo gioco, perché non è che ai prof non piacciano le cadreghe, tutt’altro).

      Qui ci vorrebbe un pool di fiscalisti, altro che “ragionare”. Che poi, probabilmente non basterebbe neppure quello. Il mio discorso è molto più semplice: quante proposte fiscali ci sono sul tappeto in questa campagna elettorale?; una, la flat tax. Proviamola.

      Non abbiamo assolutamente niente da perdere, mal che vada continueremo a pagare il 68% sul reddito. Di più, è umanamente impossibile.

  17. Io, Rita, non intendo… bere nulla, ma semplicemente ragionare, capire i pro e i contro per poter decidere.
    Non intendo qui entrare nel merito dei diversi sistemi fiscali in vigore in Europa (non solo le aliquote sono diverse, ma diverse sono pure gli scaglioni di reddito su cui vengono applicate). Ho voluto solo sottolineare il fatto che la “progressività” delle imposte è la regola di tutti i Paesi dell’Europa occidentale, che la pressione fiscale italiana è perfettamente allineata con quella di Paesi come la Francia, la Germania e la Gran Bretagna e che l’aliquota marginale è, in alcuni casi, decisamente meno elevata rispetto ad altri Paesi (43% contro il 52% dell’Olanda, il 50% del Belgio, il 55% della Svezia solo la Svizzera e il Lussemburgo si permettono aliquote marginali più basse, il 39% il Lussemburgo e l’11,5% la Svizzera).
    E’ chiaro, poi, che la pressione fiscale andrebbe confrontata con la qualità dei servizi offerti, ma questo discorso ci porterebbe molto lontano.
    Cominciamo a sgombrare il campo dalle… bufale o dalle mezze verità che si mettono in circolo!

    • Si certo, in Francia ti rimborsano anche lo scontrino della carta igienica e in Olanda sono compresi nella spesa sanitaria anche i cerotti. Noi paghiamo tutto!!! La pressione fiscale italiana è totalmente ingiustificata, serve solo ad alimentare il magna magna statale. Sono soldi portati via, punto e basta.

      E basta con la bufala delle bufale!! Non se ne può più di questa caccia alle streghe 2.0. Dai comunisti che mangiavano i bambini siamo passati a siti e blog (i giornali no, sono la voce del padrone) da mettere all’indice. Non è che abbiamo fatto tanta strada, ci siamo fermati ai roghi.

  18. ….. sto pagando una bolletta gas di 315,75 € che si articola in queste voci:
    – spesa per la materia gas naturale 116,08
    – spesa per il trasporto e la gestione del contatore 58,16
    – spesa per oneri di sistema 20,67
    – imposte 81,92
    – altre partite 0,50
    – IVA 38,42
    E vi assicuro che il fornitore non è uno di quelli che ci…..specula!
    Per via della ….pressione!

  19. Non entro nelle polemiche politiche, Rita, tanto più nella campagna elettorale.
    A me interessa solo sforzarmi di capire perché lo ritengo un dovere per poi votare con un minimo di libertà.
    A questo punto della mia ricerca posso solo dire che la tassazione italiana (mi riferisco alla tassazione statale: immagino che anche in altri Paesi ci siano tasse locali, in primis la tassa sulla casa) è in linea con quella dei Paesi europei con una popolazione affine e che l’aliquota marginale non è certo tra le più alte (e l’ho puntualmente riferito in questa ricerca che mi sta appassionando: ringrazio sempre i miei tre-quattro lettori che mi stimolano).

    Con questo non intendo affatto dire che il sistema attuale non vada riformato (finora mi sono convinto, sulla base dell’analisi dell’Osservatorio della Cattolica) che le varie formulazioni della flat tax presentano molte pecche. Spero di poter esaminare anche altre proposte e lo farò con mente aperta, come vorrei esaminare con mente aperta anche la proposta del M5S del reddito di cittadinanza e quella di Liberi e Uguali a proposito della soppressione delle tasse universitarie.

    La cosa che non sorprende affatto è che tutte le forze politiche promettono di tagliare le tasse. Ora, ciò che mi incuriosisce è il “come”. Ho già ampiamente esaminato il “come” delle proposte di Forza Italia, della lega e dell’Istituto Bruno Leoni (che è quella sposata da Energie per l’Italia di Parisi).

    Non ho ricette (ci mancherebbe!), ma quello che mi pare di poter dire è quanto segue (che mi pare né di sinistra né di destra, ma di buon senso):
    se vogliamo (e tutto lo vogliamo) abbassare le tasse – in particolare a favore dei ceti medio-bassi – due sono le opzioni:
    – tagliare drasticamente la spesa pubblica,
    – o/e riuscire a contenere il più possibile l’evasione fiscale.

    Tagliare la spesa pubblica (che non incida, naturalmente, sull’Welfare) è possibile (Ivano Macalli ha elencato proprio oggi alcuni tagli necessari), ma è un’impresa tutt’altro che agevole: l’hanno dimostrato tutti i commissari alla spending revew, tra cui Carlo Cottarelli. Ed è un’impresa difficile anche perché i tagli comportano quasi sempre tagli anche all’occupazione. E’ lo stesso Cottarelli che l’ha sempre detto. Tagliare la spesa pubblica poi deprime la domanda e quindi i consumi.
    Le difficoltà, comunque, non dovrebbero fermare iniziative legislative (su questi temi – tagliare sprechi e privilegi – io vedrei uno sforzo unanime di tutto il parlamento).

    La lotta all’evasione fiscale, poi, pare sia un’impresa ancora più ardua (è da almeno dagli anni Settanta che tutte le forze politiche insistono su tale lotta).
    Il maggiore gettito sarebbe enorme: sempre l’Osservatorio di Cottarelli parla di un’ammontare dell’evasione di “almeno 130 miliardi”, vale a dire l’8% del Pil.
    l’Osservatorio in questione ci informa che se l’evasione fosse stata “anche solo di un ottavo più bassa di quella effettiva, le entrate pubbliche sarebbero state di almeno 1 punto percentuale di Pil più elevate di quelle effettive”. Ora, un punto percentuale in più ogni anno a partire dagli anni Ottanta avrebbe prodotto a fine 2017 un rapporto tra debito pubblico/Pil introno al 70% (contro un valore di oggi che è di 131,6%!).
    Immaginiamo quanti miliardi di interessi passivi avremmo risparmiato. Non avremo subito neppure il ciclone speculativo nel 1992 e sotto il’ultimo governo Berlusconi con tutte le conseguenze disastrose sia economiche che politiche che ancora stiamo pagando ora (pensiamo alla legge Fornero, ad esempio).
    E questo… “se l’evasione fiscale fosse stata anche solo di un ottavo più bassa”!

    • Piero, io ho solo risposto al tuo invito che recitava “ragioniamo”. Chi se ne frega della campagna elettorale, né tu né io siamo candidati. Se i tuoi “ragionamenti” prendono in considerazione soltanto la tassazione statale, questo non è “ragionare” poiché la tassazione locale, ormai, se non è allo stesso livello di quella statale forse la supera.

      Sono sempre soldi che escono dalle nostre tasche.

      Le iper-tasse sugli immobili volute fortemente dall’ala sinistra del Pd e concesse dallo stesso in cambio di altri “favori” politici hanno avuto il merito di bloccare l’edilizia (per trasferire gli investimenti immobiliari sui prodotti finanziari), e tu sai, visto che t’interessi di economia, che un Paese senza cantieri è un Paese morto. Non parlo ovviamente di nuove costruzioni, non ne abbiamo bisogno, ma di ristrutturazioni dell’esistente, che nessuno ormai fa più perché oggi in Italia ereditare una casa equivale all’essere stati colpiti da una maledizione divina.

      La flat tax, come dici tu, “presenterà anche molte pecche (la legge perfetta non è ancora stata inventata), tuttavia è l’unica proposta fiscale in campo. Vogliamo gettare via anche questa? Per fare cosa, poi?

      Di spending review si parla ormai da vent’anni, ma nessuno “osa”, là dove volano le aquile. E dunque, che si fa? Una vera lotta all’evasione fiscale non ci sarà mai, altrimenti al sud morirebbero di fame. Ci resta la flat tax: un pochino, ma tutti. E quando dico tutti, intendo proprio tutti. Perché quelli che presentano un modello Isee al minimo sindacale, di solito, non fanno parte della schiera dei 10milioni di poveri (che con la flat tax sarebbero comunque salvaguardati) bensì dell’altra schiera, quella dei lavoratori in nero.

      Sarà anche una goccia nel mare (all’inizio), ma è pur sempre una goccia.

  20. Io continuo a studiare, Rita, e mi auguro che tutti lo facciano.
    Tu mi stimoli a studiare la tassazione locale e vedrò di farlo: tutti i Paesi, a maggior ragione i Paesi a struttura federale (pensiamo, ad esempio, alla Germania) hanno – oltre alla tassazione statale, quella locale (su quella statale ho già riferito quanto ho “trovato” nella mia ricerca).

    Sulla spending revew sentivo ieri da una trasmissione una considerazione che io avevo esposto proprio su questo post: le forze politiche non ne parlano in campagna elettorale perché i tagli comportano tagli all’occupazione e questo non porta voti, mentre tutti sono interessati a promettere tagli alle tasse (che portano voti).

    Pur sostenendo che si debba avere il coraggio di spazzar via tutti gli sprechi (e ce ne sono, e non solo nella sanità: il nostro blog è nato con una battaglia sugli sprechi al museo di Crema) e tutti i privilegi (un’impresa perché nessuno riconosce i propri privilegi, neppure gli ex parlamentari che prendono la pensione col sistema retributivo e, a maggior ragione, gli amministratori delegati che dopo 16 mesi di “lavoro” hanno una buonuscita di milioni di euro!), io ritengo che la via maestra sia la lotta all’evasione fiscale (ho riportato quanto scrive l’Osservatorio di Cottarelli: anche solo con un ottavo in meno di evasione oggi avremmo un rapporto debito pubblico/Pil del tutto normale risparmiando ogni anno decine e decine di miliardi di euro che ci impediscono di abbassare le tasse.
    Non sono, certo, un esperto del settore, ma da quel poco che so di economia (ho solo una grande passione e qualche esame universitario alle spalle) posso dire dobbiamo fare tutti gli sforzi per accrescere il livello dei pagamenti elettronici (non ne sento parlare in campagna elettorale), in altre parole non investire enormi cifre per “controllare” ex post l’evasione, ma eliminare alla radice i fattori che portano a evadere.
    Pensiamo solo a un dato: nel 2009 le transazioni in contanti erano in Italia 90 su 100 contro una media europea di 70; nel 2012 siamo scesi a 87 e la media europea è scesa a 60.
    E’ qui che dobbiamo “investire” (ma chi ne parla?).
    Pensiamo che ci sono certi paesi (non solo in Europa, perfino in Africa!) in cui i pagamenti elettronici arrivano all’80%.

    • Stai sicuro, Piero, che la materia fiscale è la più studiata dagli italiani, non fosse altro che per riuscire a capire “come salvarsi” dalle grinfie del fisco. Al contrario di te, non credo nella maniera più assoluta che la lotta all’evasione fiscale (che è sicuramente da perseguire) sia il problema dei problemi, anche perché i “numeri” che dà lo Stato (è la sua specialità) sono nient’altro che proiezioni e statistiche, non c’è niente di sicuro, né potrebbe esserci: che ne sanno gli organi burocratici di chi lavora in nero, come quando e perché?

      I pagamenti elettronici servirebbero soltanto a fare l’ennesimo favore alle banche che incassano le commissioni e a diminuire i consumi interni, già al lumicino. Manca solo questo!!! Un colpo mortale per i negozi e un aumento esponenziale del commercio abusivo che non ha il registratore di cassa. Io mi chiedo dove le pensano.

      Sarebbe una genialata alla Bersani come gli studi di settore, che adesso tolgono perché si sono accorti che metà delle partite Iva ha cessato l’attività (che continua in nero) negli ultimi 7/8 anni. Sono incredibili, nel senso che proprio non ci si crede.

      La madre di tutte le battaglie è invece la chiusura dei rubinetti dello Stato: basta ministeri che costano come regni, basta regioni a statuto speciale, basta funzionari passacarte che guadagnano più del presidente americano, basta enti inutili (500!), basta pensioni d’oro e d’argento (con reversibilità ai figli!!!) e basta un sacco di altre cose che adesso non ho voglia di scrivere.

      Hai sentito un partito che parla di questi argomenti in campagna elettorale?
      Sono tutti indaffarati a spartirsi le cadreghe.

      Ne consegue, e poi non lo dico più, che la flat tax è l’unica proposta fiscale in campo.
      Almeno una c’è, teniamocela.

  21. Non siamo certo noi due a stimare l’evasione fiscale e quindi non possiamo che affidarci ad enti preposti.
    Tra evasione fiscale e corruzione superiamo di gran lunga i 200 miliardi. E’ qui che dovrebbero concentrarsi le “promesse” di taglio delle tasse: è solo riducendo anche “solo un ottavo” (lo stesso Osservatorio Cottarelli ammette che è pressoché impossibile eliminare totalmente l’evasione fiscale) di tale evasione che si libererebbero ingenti risorse che servirebbero a ridurre le imposte (altrimenti, saremmo proprio di fronte a “promesse irrealizzabili” e quindi, come direbbe il card. Bassetti, “immorali”).

    I pagamenti elettronici, è vero, arricchirebbero le banche (ma dipende sempre “come” vengono governati” dal potere politico), ma sarebbero una misura micidiale contro l’evasione fiscale e la corruzione.
    In testa alla classifica per i pagamenti elettronici è la Svezia (continuo a “studiare”, Rita) – un Paese che di sicuro registra una versione di capitalismo ben lontano da quello made in Usa o anche solo di tipo inglese), seguita da Singapore, Olanda, Francia.
    Pensiamo che la Cina (la patria del capitalismo rosso) ha in programma di eliminare totalmente i contanti entro il 2012 nei centri principali.
    La stessa Turchia è molto avanti nei pagamenti elettronici (il 40%) e ha in programma di eliminare completamente il contante entro il 2023.
    E in Italia tutto va a rilento: se in Svezia un cittadino fa in media 290 volte i pagamenti elettronici, in Italia solo 104.
    Ma di questo non si parla in campagna elettorale.

    • Spiacente ma io non mi affido, né mi fido.
      Dimostrino come hanno estratto i loro numeri, immancabilmente diversi a seconda di chi li dà. Né servono granché i raffronti con questo o quel Paese straniero poiché ognuno ha le sue peculiarità e l’Italia è “speciale” in tutto. Ciò che funziona in Cina, o in Svezia, qui fallisce quasi sicuramente. Ormai la storia è vecchia, la conosciamo. Se un giorno qualcuno dovesse imporre agli italiani il pagamento elettronico, cosa che peraltro non accadrà mai, l’indomani avrebbero già trovato la maniera di aggirare l’ostacolo e il “nero” crescerebbe a dismisura.

      “Ragionare” significa espressamente considerare questi fattori, collezionare numeri e statistiche è un’inutile perdita di tempo se non si fanno poi i conti con la vita reale. E comunque il principale problema dell’Italia non è certo il lavoro nero bensì il pozzo di San Patrizio che divora soldi a palate e si chiama “macchina statale”.

      I partiti sono così lontani dalla prospettiva di possibili riduzioni dell’ingranaggio, che non ne parlano neppure in campagna elettorale. Avrebbero potuto prendere qualche voto in più, ma probabilmente sembra “troppo grossa” (la fake in questione) anche a loro.

  22. E parlare di evasione fa perdere un sacco di voti. Basta comparare l’evasione e fare un piccolo, anche se approssimativo calcolo. In Italia le tasse le pagano solo i dipendenti pubblici a fronte di lavoratori privati che non so quanti sono. Ovviamente molti di più, parandosi il culo, piccoli esercenti, artigiani, professionisti…dietro il solito: “altrimenti non ci staremmo dentro”! E quindi, se si vogliono vincere le elezioni, meglio tartassare i soliti noti.

  23. Qualche correzione: intendevo “dipendenti”, pubblici o privati che siano. E nell’elenco degli evasori mancano ovviamente gli imprenditori, grandi o piccoli che siano. Scusate, era la foga del voler dire che per la maggior parte della gente pagare le tasse non è un problema morale, anzi.

    • Certo, il problema morale e’ diventato dove vanno a finire le tasse. Un patema di coscienza ben piu’ .

      Imprenditori grandi o piccoli? Ma non si sono estinti? Prova a chiedere ai pochi rimasti come si fa a “non pagare le tasse” con il fiato sul collo di Agenzia delle Entrate ed Equitalia h24. La solita leggenda metropolitana. Alimentata dai “dipendenti”, che non sanno cosa vuol dire lavorare in proprio. Son buoni tutti a ritirare lo stipendio a fine mese.

  24. Rita, come hai sempre fatto tu e sto facendo ancora io. Comunque, senza tante polemiche, chi evade le tasse in Italia? E di più, esiste davvero l’evasione o è una gran balla? Quanto alle entrate spese male poi non si può che essere d’accordo. Ma anche utilizzate meglio, disincentiverebbero forse il mal costume? Non credo proprio.

    • Chi evade le tasse è ovviamente chi lavora in nero (quindi, non i piccoli imprenditori con dipendenti in carico) e chi commercia abusivamente senza registratore di cassa (quindi, non i commercianti e i negozianti). L’evasione c’è senz’altro, ed è fisiologica in un Paese che esige il 68% di quello che guadagna il cittadino, che dovrà pur vivere dopo aver tanto lavorato. Che i numeri siano quelli che dà lo Stato è improbabile, il dato viene pompato per depistare l’individuazione dei veri colpevoli dello spreco nazionale, peccato che ormai non ci crede più nessuno.

  25. Sono quasi quarant’anni che mi occupo di evasione fiscale, da quando ne ho parlato su “Ipotesi 80” (articolo che è costato a me e ad Antonio Grassi una condanna in primo grado – siamo stati poi assolti in sede di Appello di Brescia). Qualcosa (qualcosina) so, almeno per quanto riguarda l’evasione nel nostro territorio (ho fatto parte anche del Consiglio tributario e ho toccato con mano la miriade di proprietà di contribuenti che denunciavano meno di un dipendente).
    Da allora ho letto le fonti più disparate (non quelle del Padrone) e tutte hanno stimato l’evasione fiscale e contributiva (più la corruzione) per almeno duecento miliardi di euro. Non mi si chieda “come”: si tratta di dati che vengono elaborati sulla base di “incroci di dati” da parte di enti specializzati (compresi centri universitari).
    Preferisco fidarmi di questi dati rispetto a quelli dei “politici” (di ogni colore politico).

    Evadono in primo luogo coloro che hanno la possibilità di evadere, cioè coloro che “dichiarano” il loro reddito, vale a dire i lavoratori autonomi.
    Evadono anche quei lavoratori dipendenti che lavorano in nero durante il loro tempo libero (tra cui anche non pochi insegnanti che arrotondano lo stipendio con un altro stipendio).
    Evadono anche non pochi medici (anche dentisti) che lavorano in nero o che rilasciano ben poche ricevute fiscali…
    Non so se a Crema ci siano persone che spostano i loro soldi nei paradisi fiscali, ma non lo escludo.

    L’evasione fiscale non è un fantasma inventato dalla voce del Padrone (semmai il Padrone dovrebbe diffondere la notizia che i ricchi non evadono), ma la “tocchiamo con mano” noi stessi quando ci fa comodo non chiedere l’evasione fiscale, anche quando vengono a casa nostra gli imbianchini, gli idraulici, i falegnami, gli elettricisti o quando andiamo a fare una visita da qualche specialista (è noto che a Crema la Guardia di finanza ha… pizzicato negli ultimi mesi due cardiologi). I Padroni poi hanno tutto interesse a giustificare l’evasione sparando aliquote che non esistono (ho riportato la pressione fiscale in Europa e le aliquote marginali; andate poi a vedere la tassazione sulle case in Europa).

    Da qualche tempo su questo blog mi sono permesso di lanciare un “Osservatorio” sulla mancata emissione di ricevute fiscali, ma sempre l’idea è… caduta nel vento (noi continuiamo ad affrontare mille temi, ma senza mai concludere con qualche proposta “credibile” e “realizzabile”). Certo, occorrerebbe “incentivare” i… clienti a chiedere la ricevuta fiscale (fino ad ora alcuni incentivi ci sono, ma sono ancora troppo pochi).

    • Quasi quarant’anni sono passati dagli Anni 80 e l'”Italia da bere” è morta e sepolta. Chi a quei tempi faceva i soldi, si è poi trovato in braghe di tela. Basta paragonare i capannoni che allora brulicavano di vita, nel cremasco come altrove, e quelli di oggi semi-inghiottiti da rampicanti ed erbacce, in attesa della ruspa.

      Se la “stimata evasione fiscale e contributiva per almeno duecento miliardi di euro” fosse reale, non ci sarebbe in giro la miseria che invece c’è ma decine, o centinaia, di persone che viaggiano per la città in Ferrari. Tu Piero avrai anche fatto parte di una commissione tributaria e avrai visto cose che voi umani ….. eccetera, ma io ho fatto statistiche Istat per decenni, so benissimo come si gestiscono i numeri ufficiali. Dai quali escono poi notizie schizofreniche del tipo che in Italia ci sono 10,5 milioni di persone che vivono in povertà ma, sempre in Italia, andiamo alla grande con un aumento del prodotto interno lordo (Pil) pari all’1,5% e inoltre abbiamo recuperato più di un milione di posti di lavoro. Quale tipo di lavoro non c’interessa perché non fa parte della statistica.

      I numeri restano numeri e come tali vanno presi. Quello che “tocchiamo con mano” noi stessi è che si sta molto peggio di quanto non stessimo tutti quanti 10anni fa. Se ci fossero in circolazione tutti questi soldi “in nero” io dico che qualcosa si vedrebbe, o no? Ovvio che ci sarà l’insegnante che fa ripetizione a casa o il dentista che non rilascia la fattura in cambio di uno sconticino (sempre meno, anche loro adesso stanno alla gatta), ma ce ne vuole per arrivare a duecento miliardi di euro!!

      Chi fa queste stime dovrebbe spiegare anche il motivo per cui, se in Italia è così facile evadere il fisco, e alla grande, tutti i piccoli imprenditori hanno tagliato la corda e delocalizzato le loro attività all’estero. Non potevano stare qui, a denunciare dieci dipendenti se ne avevano venti? A evadere tranquillamente il fisco?

      A mio avviso il focus va spostato. Non serve correre dietro alle allodole (il disgraziato idraulico o elettricista, non ce n’è quasi più, tutti chiudono perché non ci stanno dentro) e non vedere il paracarro (la voragine della spesa pubblica).

  26. Ritengo sia impossibile metter d’accordo i nostri 4 competitor di questo tema e la cosa varrebbe anche per altri argomenti riguardanti la chiamata alle urne del prossimo marzo. La lavagna di Cremascolta è proprio divisa in 2 parti… senza bisogno di titolare i settori “buoni” o “cattivi”.
    Per votare bene dovremmo analizzare punto per punto quanto sviluppato in campagna elettorale dai contendenti (e se mentissero?) per poi scrivere sulla lavagna (di Cremascolta oppure quella casalinga-virtuale) e tirare le somme. Andrebbe a finire in parità (o giù di lì), ve l’assicuro… Entreremmo allora nella cabina elettorale e tappandoci il naso (con gli occhi ben chiusi) assegneremmo il voto pensando: “Mi chiedo cosa li paghiamo a fare tanti deputati e senatori”. Rita docet! Anche loro sono (quasi tutti) lavoratori socialmente inutili (sempre by Rita). Rimanendo in argomento, mi rifaccio a quanto scritto da Piero: “E’ chiaro, poi, che la pressione fiscale andrebbe confrontata con la qualità dei servizi offerti, ma questo discorso ci porterebbe molto lontano”. Sono d’accordo che dovremmo votare con cognizione di causa, ma le informazioni che ci propinano non fanno altro che confonderci… e se poi anche i gli Osservatori raccontan balle – beh! – evadiamo. Pardon, intendevo dire “espatriamo”.

  27. Grazie, Altwar, per esserti inserito nel confronto: abbiamo bisogno tutti di “ascoltarci”, ciò che invece non fanno i nostri politici (a maggior ragione in campagna elettorale).

    Ho sempre dedicato tante energie per comprendere i pro e i contro in occasione dei referendum (in modo particolare a proposito della Legge 40 – forte è la mia passione per le problematiche bioetiche – e della riforma costituzionale del 2016), ma mai forse ho dedicato così tanta attenzione alle “promesse elettorali”.
    E finora mi sono limitato alla promessa della flat tax (so che tu, Rita, metti sempre tanta carne al fuoco, ma io ho bisogno di affrontare un problema alla volta e, quindi, una promessa alla volta: arriverà presto il momento di affrontare le promesse dei Liberi e uguali, del M5S e del Pd).

    Sia chiaro: non ho alcuna pretesa di convincere chicchessia, tanto più chi ha già deciso chi votare, ma solo di trovare argomenti forti che convincano me stesso: tocca a ciascuno di noi votare e ciascuno di noi deve essere convinto).

    Sintetizzo i passaggi principali del mio “ragionare”:
    – la flat tax presenta una serie di problemi: non solo, a mio avviso, è immorale perché viola il principio non soltanto previsto dalla nostra Costituzione e anche applicata in tutti i Paesi dell’Europa occidentale, come ho documentato, ma pure incentiva la stessa evasione e non garantisce affatto quello che promette perché non ci sono evidenze empiriche tra il taglio di imposte, la crescita dell’economia e la conseguente crescita del gettito fiscale (tesi ampiamente documentata dal Premio Nobel Stiglitz in numerosi suoi libri);
    – per ridurre le imposte occorre o tagliare la spesa pubblica o/e contenere l’evasione fiscale e contributiva: di sicuro la prima strada è in salita (tagliare la spesa significa per lo più tagliare occupazione – non è un caso che nessuno in campagna elettorale ne parli); non si tratta di tagliare la “spesa sociale” già ridotta all’osso, quanto gli “sprechi” e i “privilegi” (è questa la via maestra, ma anche questa com’è difficile!);
    – la riduzione di solo un ottavo dell’evasione fiscale (l’eliminazione totale è impossibile, stando all’Osservatorio di Cottarelli), dall’80 in poi, ci avrebbe fatto risparmiare non solo due bufere speculative pesantissime, ma anche il conseguente incremento ipertrofico degli interessi passivi sul debito pubblico);
    – è sull’evasione fiscale e contributiva, quindi, che occorre concentrarsi se si vuole davvero ridurre le imposte;
    – l’evasione fiscale, l’evasione contributiva, il lavoro nero, la corruzione, sono un cancro della nostra società: lo dicono (e io ci credo) da decenni istituti autorevoli (anche la Corte dei Conti);
    – l’evasione fiscale e il lavoro nero sono diffusi anche sul nostro territorio: non c’è bisogno di aspettare che la Guardia di finanza pizzichi alcuni medici perché lo verifichiamo tutti (tutti abbiamo a che vedere con idraulici, elettricisti, dentisti…),
    – so bene che l’evasione di casa nostra è ben poca cosa rispetto alla rande evasione o elusione dei big mondiali dell’informatica o delle grandi corporations che hanno scelto come sede legale dei paradisi fiscali, ma questo non è un buon motivo per tollerare l’evasione… nostrana;
    – il contrasto all’evasione fiscale è estremamente costoso (sappiamo tutti il lungo iter processuale e quanto poco arriva di fatto nelle casse dello Stato); per questo io ritengo che si debba puntare molto sui “pagamenti elettronici” (ho documentato che l’Italia è un po’ la cenerentola non solo in Europa, ma perfino rispetto alla Cina, alla Turchia, alla Nigeria. Sappiamo bene come anche questa misura – che potrebbe essere di buon senso (arricchirebbe di sicuro le banche, ma consentirebbe anche di ridurre drasticamente l’evasione fiscale) è davvero difficile far approvare: abbiamo visto i tentativi abortiti a causa della levata di scudi di commercianti e di liberi professionisti.

    So bene che ognuno di questi passaggi richiederebbe (come chiede giustamente Rita) degli approfondimenti, ma è quello che mi accingo a fare.
    Step by step e un problema alla volta (se si mescolano tanti, poi, si confondono).

    Sia chiaro: io non ho deciso chi votare (perché allora mi sarei messo a “studiare” le varie promesse elettorali?) e quindi sono disposto a fare dei passi indietro se qualcuno dei blogger mi convincesse con forti obiezioni (obiezioni che, finora, non mi sono pervenute).

  28. Dopo la flat tax, è il momento di iniziare a “ragionare” (per convincere me stesso, non altri) sulle altre promesse elettorali.
    Provo a cimentarmi con la promessa di Liberi e uguali di cancellare le tasse universitarie.
    Confesso: non mi sono ancora documentato e quindi esprimo solo le prime reazioni a caldo:

    – mi pare una intelligente furbata per catturare il consenso dei giovani: in una fase in cui i giovani si sentono sempre più lontani dalla politica e sempre più disertano le urne, una proposta tagliata su misura per loro mi sembra davvero espressione di un buon fiuto politico;
    – mi sembra una promessa di sapore sessantottino, ma adattata all’oggi e questo mi pare positivo;
    – si tratta di una proposta in sintonia con scelte fatte da altri Paesi europei: non è quindi irrealistica;
    – una proposta che non comporta gli ingenti costi di altre promesse (sia del M5S che del centro Destra)
    – una proposta che si propone di sottolineare come l’istruzione sia “un bene comune”, tanto più in un Paese che, in quanto a numero di laureati, è in fondo alla classifica in Europa;
    – una promessa che, tuttavia, suona contraddittoria in bocca a chi ha tuonato e sta tuonando contro i regali che vengono fatti ai ricchi: pensiamo all’abolizione dell’Imu sulla prima casa pere tutti;
    – perché mai i ricchi non dovrebbero pagare le tasse, tanto più per una istruzione universitaria che non rientra nella scuola dell’obbligo?

    • A me pare invece che una roba del genere possa interessare al massimo uno zero virgola di italiani. Come Liberi e Uguali, probabilmente. Non ho mai sentito lo straccio di un dibattito sull’argomento.

  29. Io prendo tutte le proposte sul serio.
    Già, non sono un politico che ridicolizza le proposte altrui.
    Sono solo un “elettore” che vuol capire, “studiare”, analizzare i pro e i contro di ogni “promessa elettorale”.

    Ho considerato “dignitosa” la proposta della flat tax (tutt’altro che da disprezzare (anche se, studiandola, ho trovato dei limiti considerevoli che ho scritto) e considero dignitosa anche la proposta di Liberi e uguali, “ugualmente degna di essere presa in considerazione”.

    Qualche ragione, indubbiamente, ce l’hanno i proponenti se è vero che in Europa in 9 Paesi su 28 l’università è gratuita. E in questi 9 non troviamo solo Paesi piccoli (come Malta, Cipro e Slovenia), ma anche la stessa Germania e nazioni nordiche come la Svezia, la Danimarca e la Finlandia.

    Laddove, poi, vengono fatte pagare le tasse, le borse di studio per le fasce più deboli sono in percentuali maggiori: noi abbiamo solo il 9,4%, mentre in Olanda, Belgio e Portogallo la percentuale sale al 20%.

    Le nostre tasse, poi, sono tra le più alte d’Europa: solo in Gran Bretagna si arriva a 13.000 euro l’anno per la laurea triennale.
    In Francia le tasse sono decisamente più basse che da noi.

  30. Mettere a confronto i programmi elettorali è valutarne la credibilità è impresa non da poco; ben vengano le analisi sul blog. Grazie Piero.
    Le promesse elettorali, purtroppo, restano promesse perché servono solo ad acchiappar voti.
    Comunque provo a dire qualcosa sull’evasione. Personalmente penso che manchi la volontà a voler risolvere il problema; basterebbe un misurato tornaconto economico all’ultimo anello della catena, da dichiarare sul 730, che il nero sparirebbe. L’idea è così elementare che evidentemente mi sfugge qualcosa.
    Una proposta del genere non sarebbe premiata dagli aventi diritto al voto, incluso gli astensionisti?

    • In realtà noi tutti noi, credo, avremmo anche avuto voglia di “confrontare i programmi elettorali”, ma non ne abbiamo avuto l’occasione, se si escludono un paio di cosette.

      Fino a ieri gli argomenti di punta sono stati le distribuzioni delle cadreghe, vediamo da domani. Chissà che cambi qualcosa. Per la prima volta in vita mia sto “ragionando” sull’astensione.

  31. Concordo con te, Renato: anch’io ho fatto un cenno, seppur di sfuggita.
    So, ad esempio, che negli Usa, c’è la possibilità di detrarre delle spese che da noi non sono consentite. Occorre “incentivare” il contribuente, altrimenti diventa oggettivamente complice degli evasori: il contribuente cioè deve avere “convenienza” (o, come dici tu, un tornaconto economico”) a richiedere le ricevute fiscali al professionista, all’idraulico, all’elettricista…
    Non ho visto finora una proposta del genere in campagna elettorale, ma immagino che ci sia da qualche parte.
    “Studiare” i programmi elettorali, Renato, è quello che mi sono proposto con questo post: troppo spesso si sbeffeggiano i programmi altrui, ma io credo che un elettore serio, prima di condannare, deve conoscere. Più conosceremo i programmi (e gli stessi comportamenti dimostrati dai vari partiti) e più saremo liberi di scegliere al momento del voto.

  32. Non si impara mai a sufficienza, Renato.
    Ho letto un intervento del blog Il Post è ho scoperto che negli Usa non è affatto vero che il sistema fiscale consenta la detrazione di tutto: le detrazioni consentite sono sostanzialmente le stesse che abbiamo noi.
    L’autore del testo, poi, sostiene, al di là del confronto con gli Usa, la strada delle detrazioni non ci porta per nulla a combattere l’evasione.

    Io la mia convinzione me la sono fatta (posso, naturalmente, abbandonarla se mi si convincesse con degli argomenti forti): lavorare per accrescere sempre di più il livello dei pagamenti elettronici che, proprio perché sono tracciabili, consentono di meno di evadere.

    • Concordo Piero.
      Nell’ultimo episodio di “Dataroom”, la serie che Milena Gabanelli tiene per il Corriere della Sera, si parla proprio dell’eccessivo uso di contante.

      http://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/perche-pagare-contanti-non-conviene-nessuno/a7458654-02b5-11e8-b05c-ecfd90fad4de-va.shtml

      Fino ad ora non c’è stato l’interesse a combattere l’evasione. Le tre misure del governo uscente sono state: amento del tetto massimo per i pagamenti in contanti (da 1000 a 3000 €), rottamazione degli interessi sulle cartelle esattoriali pendenti e Voluntary Disclosure, ovvero sconti sulle sanzioni per chi riporta in Italia fondi esteri fin’ora non dichiarati all’Agenzia delle Entrate.

      Se queste sono le misure contro l’evasione stiamo freschi… a me sembrano più degli incentivi.

  33. Mi fa piacere, Mattia, che siamo in sintonia.
    Se vogliamo ridurre le tasse e, soprattutto, se vogliamo impiegare massicce risorse negli investimenti pubblici (si legga il bel libro della Mazzucato sullo “Stato innovatore”) – investimenti sulla “ricerca di base” – che sono il volano di ogni innovazione (da Internet in poi).

  34. Ho individuato una tabella del 2006 che dimostra, numeri alla mano, perché il contrasto di interessi non può arginare l’evasione. Era l’informazione che mi mancava, nel post precedente, quando ho lanciato l’idea del misurato tornaconto economico all’ultimo anello della catena per evitare il nero.
    Ecco il blog che spiega i motivi arricchito anche da diversi commenti
    http://www.lavoce.info/archives/23954/come-funziona-o-non-funziona-il-contrasto-di-interessi/

  35. E se la sinistra stesse sbagliando strategia elettorale? Ieri sera da Gramellini vedo una scritta sui muri di non so quale città che invoca: “ basta fatti, vogliamo promesse”. Che è una simpatica provocazione ovviamente. Però non distante dalla realtà. Leggo poco fa, perché il problema sta tra realismo ed utopia, di uno studio pubblicato nel 2017 dal National Bureau of Economic Research, a firme varie, dove viene analizzata l’ascesa elettorale del Partito nazista negli anni trenta a seguito delle misure di austerità attuate in Germania tra il 1930 e il 32. Dall’analisi risulta che ad un punto di restrizione corrispondeva l’aumento di due punti e mezzo di voti ai nazisti. L’aumento, addirittura fino a cinque punti in più, si registrava anche coi tagli alla sanità. Ora, siccome qui si sta parlando di promesse elettorali, e convinto onestamente che il buon senso e la concretezza siano le migliori armi etiche, dopo aver letto di questo studio cominciano però a serpeggiarmi dei dubbi. E siccome immagino che il centro-sinistra voglia vincere le elezioni, e il senso comune si può ingannare come si vuole (Hitler diceva “È più facile ingannare le masse con una fandonia esagerata che con una piccola bugia.“ ) mi pare, non sarebbe opportuno che anche la sinistra cominciasse a sparane di grosse? Anche più delle università senza tasse da pagare propagandate da Grasso?

    • Da ormai un ventennio la cosiddetta “sinistra italiana”, che sinistra non è poiché il popolo non la vota, sta sbagliando tutto. Dalle vecchie categorie sinistra-destra il conflitto di classe è passato oggi alla semplificazione alto-basso: in alto abbiamo l’alta borghesia finanziaria con la sua corte d’intellettuali pagati per elaborare teorie che ne difendano i privilegi (che votano PD-Forza Italia), in basso ci sono le masse precarizzate che sono il risultato della pauperizzazione del ceto medio e della classe lavoratrice (che votano Lega e M5s).

      Da morir dal ridere che due individui che guadagnano al mese rispettivamente 35mila euro (Grasso) e 25mila (Boldrini) abbiano avuto la brillantissima idea di chiamarsi “Liberi e uguali”. Ma uguali a chi? Ancor peggio l’abbreviazione Leu, che ricorda una malattia venerea.

  36. Rispetto a Grasso, forse Crozza, libero senz’altro, libero di non restituire al Pd quanto dovuto una volta eletti. Uguali poi è anche peggio.

  37. Le elezioni si avvicinano e il mio compito non l’ho ancora svolto del tutto.
    Ho “ragionato” ampiamente (documentandomi) sulla flat tax e pure, seppure in modo meno approfondito sulla proposta dei Liberi e Uguali di eliminare le tasse universitarie.
    E’ il momento di esaminare la promessa del reddito di cittadinanza dei penstastellati.
    La pausa che mi sono preso è stata utile, perché oggi sono meno scettico rispetto a una quindicina di giorni fa.
    Sono meno scettico perché il reddito di cittadinanza non è per nulla incondizionato, ma soggetto a determinate condizioni ed è temporaneo.
    La mia perplessità riguarda il reddito di cittadinanza senza condizioni perché so che in Francia (l’ho già scritto su un altro post) numerose sono le persone che, con un sussidio statale di 700 euro, non cercano neppure un lavoro e vivono sulle spalle della collettività come dei parassiti.

  38. Sentiamo oggi che la soppressione della riforma Fornero verrebbe a costare 85 miliardi.
    Non mi scandalizza per niente la cifra. Il problema non è il contenuto della “promessa” elettorale, ma la sua copertura.
    Ma, nel caso di Salvini, c’è un altro problema grande come una casa: come può il leader della lega “promettere” di eliminare la riforma Fornero quando il suo principale alleato (Forza Italia) l’ha approvata?

  39. Ho assistito al match televisivo Salvini-Boldrini (su La7).
    Ho scommesso che Salvini – conoscendo la sua dialettica – avrebbe vinto a 10 a 0, ma ho perso: Salvini ha dimostrato (la prima volta che mi capita di vedere) la sua estrema fragilità, il suo fuggire le domande.
    La Boldrini non ha nulla della dialettica di Salvini, ma ha avanzato una serie di obiezioni – soprattutto in merito all’immigrazione – a cui il leader della Lega non ha saputo rispondere.

    Il punteggio che darei?
    1 a 1.

  40. Piero, nonostante numero e potere degli ebrei non siano aumentati l’antisemitismo ritorna, come monta l’onda xenofoba. Eppure gli immigrati non stanno aumentando. Non sono i problemi che creano inquietudine, è il contrario. E’ la voglia biblica del capro espiatorio che invece dovrebbe far riflettere. Tornando invece alla demagogia tipica delle campagne elettorali, il mio giornale di riferimento, da alcuni, forse due su questo blog, coconsiderato di regime, non ho ancora capito quale, molto critico anche nei confronti del Pd, denuncia da tempo l’inconsistenza economica di tali promesse. Tutte! Parlando invece di politica, ho sentito ieri mattina un esponente di Forza Italia sparare a zero contro Casa Pound, appellandone gli esponenti come ignoranti che avrebbero bisogno di studiare la Storia. Nonostante questo la Lega strizza l’occhio verso questi gruppetti. Qualora la destra vincesse vorrò vedere come faranno a conciliare tali diverse vedute, almeno apparenti. A meno che….e in questo caso speriamo che predomini il “migliore”. Quanto allo scontro Boldrini/Salvini, torno ora dal bar dove bevo il caffè, e tra gli avventori, non troppo schierati in genere, vinceva la tua impressione. Mi spiace non aver assistito.

    • Neppure io ho assistito al match (in compenso ho ascoltato la Bonino, completamente fuori dal mondo), ma su youtube ci sono diversi filmati, quindi sei ancora in tempo.
      La mia impressione è che Salvini abbia strategicamente scelto il “profilo basso”, pacato, scusante e remissivo per offrire al pubblico di La7, che probabilmente non è il suo ma potrebbe diventarlo, una faccia inedita della sua leadership. Con l’arroganza che le è propria la Boldrini è stata invece particolarmente aggressiva, anche se in definitiva ha detto niente, se si escludono i soliti chichè femministi e le bambole gonfiabili che poco importano agli italiani senza lavoro. Valuteranno i cittadini il 4 marzo.

  41. Invece Berlusconi vorrebbe cancellare la legge sulle Unioni civili, nonostante Carfagna e fidanzata frenino. Non importa se riguarda uno zero percentuale, ma l’elettorato cattolico conta ancora un casino. Gomez dice che le ideologie non ci sono più? Sbagliatissimo, a me pare che stiano ritornando alla grande.

    • …hai ragione Ivano, mi sono espresso male io (la fretta è quasi sempre cattiva consigliera e quando ho scritto era notte e il sacro letto mi chiamava!) sono gli ideali che sono caduti, non le ideologie!
      Le ideologie hanno avuto un “riassetto”, assieme alle “classi”, ai gruppi di interesse si, ma non sono affatto cadute, certo. Chi fa del “populismo” proprio li dentro si butta!

  42. Bonino fuori dal mondo? Nessuno più dei Radicali si è occupato di cose terrene. Tutte le loro battaglie hanno riguardato e riguardano l’uomo. Lontanissime da pericolose ideologie. E io non conosco altra concretezza.

    • Ivano, hai sbagliato partito. Bonino non c’entra nulla con i Radicali, il suo partito si chiama non a caso “+ Europa” e anche tu come tutti saprai che da decenni Pannella e Bonino non si guardavano neanche in faccia. E te credo! Mentre il folkloristico Marco, un personaggio che se non ci fosse stato bisognava inventarlo, faceva i suoi discorsi peace & love e andava a trovare i carcerati, Bonino partecipava alle riunione annuali del Gruppo Bilderberg e andava a trovare il suo caro amico George Soros.

      Non abbiamo dimenticato che grazie al potere concesso dai suoi incarichi Bonino era tra quelli che invocavano l’intervento militare in Afghanistan, Iraq e Libia. Una vera donna di pace. E’ un caso che la Open Society Foundations appoggiasse questi interventi? Bah! Sempre dalla Fondazione sono arrivati finanziamenti alla campagna “Cannabis Legale” promossa dal Senatore Benedetto Della Vedova, all’Associazione Luca Coscioni e a “Rientro Dolce”, il gruppo nato per sponsorizzare la pianificazione demografica mondiale. Cito solo notizie arcinote perché non vorrei sorbirmi il solito rosario del gombloddo.

      Ha comunque superato se stessa con la retorica immigrazionista (sempre dalla stessa parte arrivano i soldi alle Ong, finalmente in fase di smascheramento), con gli immigrati che producono l’8% del Pil, che fanno i lavori che gli italiani non vogliamo più fare, che pagano la pensione a più di 600.000 italiani, che senza i loro figli chiuderemmo migliaia di classi, che “abbiamo bisogno di 160.000 immigrati all’anno” per l’industria. Peccato che gli unici che sostengono queste tesi sono Centro Astalli (un’associazione gesuita dedicata all’accoglienza, inserita nel circuito SPRAR e legata a progetti di Open Society) e Fondazione Moressa, finanziata anch’essa dalla Open per “occuparsi di temi migratori”. Questa è Bonino. In realtà negli anni scorsi mi sono sempre chiesta per quale motivo Pannella l’aveva allontanata, dopo le battaglie degli Anni ’70 combattute insieme, poi ho capito.

  43. Tornando al match, mi preme dire che la campagna elettorale ha bisogno proprio di “confronti televisivi”: è qui – dal dialogo serrato sui singoli temi – che viene fuori la consistenza o l’inconsistenza dei nostri leader politici.
    Salvini ieri sera ha dimostrato la sua inconsistenza su certi temi e la fragilità del castello di slogan che ha costruito (non ha saputo neppure rispondere alla obiezione del suo compagno di partito, Maroni – che è stata riportata – secondo cui non si può rimpatriare un migrante senza accordi con i Paesi di origine.
    Laura Boldrini non doveva difendere nulla in quanto non faceva parte né del governo né di una maggioranza e non ha neppure votato alcuna legge stigmatizzata da Salvini: questi, quindi, pur insistendo a battere questo chiodo, sbagliava bersaglio.

    Sarebbe bello vedere un match tra Berlusconi e Calenda sulla flat tax.

    • Sei troppo partigiano, Piero.
      “Laura Boldrini non doveva difendere nulla in quanto non faceva parte né del governo né di una maggioranza”??? Ma come, non è stata eletta nelle file di Sel? Se Sel non avesse sostenuto il governo Letta, la Boldrini (una perfetta sconosciuta politica, militante di una Ong) sarebbe finita alla presidenza della Camera? Non facevi prima a dire che tra i due, Salvini e Boldrini, ieri sera hai preferito Boldrini? Era più semplice.

      Non so cosa abbia dichiarato Maroni, né personalmente m’interressa visto che Maroni non è candidato da nessuna parte, ma non è affatto vero che non si possono reimpatriare i clandestini. E’ vero invece che si possono rimpatriare solo coloro che provengono dagli Stati con cui l’Italia ha siglato accordi: Nigeria, Tunisia, Marocco, Egitto. Il che significa che oltre la metà dei 600mila attualmeente bighellonanti sul nostro territorio ce li possiamo togliere dalle scatole fin da domani mattina. Per gli altri, si continuerà a lavorare.

  44. Nessuna partigianeria, Rita, e credo di averlo dimostrato (o almeno ci ho provato) nei numerosi commenti al presente post.
    Non mi interessa né applaudire né condannare, ma capire per poter essere più libero di scegliere: tutto qui.

    Salvini è un grande retore e per questo ieri sera mi ha deluso perché di fronte a precise obiezioni ha… dribblato. Per questo che ho avuto la sensazione di avere di fronte un… colosso d’argilla.
    Questo non significa che non avrà fortuna elettorale: sono anni che sta lavorando sul tema della sicurezza perché sa benissimo che è su questo fronte che può intercettare un’ampia fetta di elettori, una fetta che è cresciuta a dismisura nel tempo.
    La sua abilità, quindi, non è fuori discussione.

    Che poi tu sia più brava di lui a rispondere alle obiezioni sul rimpatrio dei non aventi diritto non ho dubbi: mi piacerebbe vederti nel ruolo di ministro degli Interni e magari anche degli Esteri (per affrontare un tema del genere ci vogliono ambedue le figure).
    Sarebbe interessante vederti all’opera e passare dalle “parole” ai “fatti”!

    • Ma, non so, da quello che ho visto su you tube (abbastanza per non fare indigestione) ho avuto la netta sensazione che Salvini stesse “tatticando” e offrendo la versione “moderata” di se stesso. Immagino che sappia fare i suoi conti, avrà valutato che in quel contesto era meglio così piuttosto che mettersi a insultare la sciamannata. Te li immagini i media del giorno dopo?

      Sui rimpatri, è noto, non c’entra la bravura (cos’hanno gli altri Stati europei rispetto a noi?) ma la VOLONTA’. Inesistente, come sappiamo. Di cosa vivrebbero altrimenti centinaia di associazioni, albergatori, cooperative e compagnia bella? I quattro Stati che ho menzionato hanno tutti siglato i rimpatri. Sai dirmi perché non vengono fatti? Ovviamente, si, certo che lo sai, ormai lo sappiamo tutti.

      Il 75% degli italiani non vede l’ora che qualcuno passi dalle “parole” ai “fatti”, e prima o poi, stanne certo, saranno obbligati a farlo.

  45. Se ci fosse qualcuno in grado di fare di più sul fronte dei rimpatri, io lo voterei, ma chi mi garantisce che coloro che promettono oggi di farlo, viste le difficoltà, opteranno per la scelta di Maroni di legalizzare i clandestini?

    • Anch’io lo voterei, Piero. Ma come tu ben sai i politici (tutti, nessuno escluso) sono dei fanfaroni spesso ignoranti e sempre ammaliati dal profumo dei soldi.

      Lo abbiamo detto innumerevoli volte anche su questo blog: essendo l’Italia, per tradizione secolare, un Paese culturalmente mafioso e costituendo l'”affare migranti” un business a triplo e quadruplo zero, i rimpatri non si fanno anche se si potrebbero fare. Non c’è bisogno di andare a ravanare in chissà quali meandri oscuri, la verità è semplice.

  46. Questa sera un altro match: Brunetta e una economista.
    E’ così che si fa la campagna elettorale: è in tale confronto che si misura chi ha davvero le carte da giocare.
    Brunetta, di sicuro, se l’è cavata meglio di Salvini (anche Brunetta è un economista), ma ha anche ammesso candidamente che le ottimistiche stime di crescita sono state effettuate perché “siamo in campagna elettorale”.
    E’ qui, allora, che si svela la credibilità delle promesse: far quadrare i conti sulla carta perché poi nella realtà sarà un’impresa “difficile”. Questo vale anche per l’azzeramento della riforma Fornero.
    Brunetta non ha saputo rispondere ad alcune obiezioni forti: alleggerire i conti sul fronte delle pensioni e puntare sulla piena occupazione dei giovani è una contraddizione (si tratta di interessi contraddittori).
    Non ha saputo giustificare la sostenibilità di una discesa (pilotata) del debito pubblico.
    L’economista (Veronica De Romanis, che collabora con Carlo Cottarelli all’Osservatorio della Università cattolica), da parte sua, ha ammesso – contro le critiche di tanti politici – che la flat tax, così come è stata concepita da Forza Italia, non manca di una certa “progressività”, prevedendo una tax-area.
    Ha anche affermato che le due impostazioni della flat tax (di Forza Italia e della Lega) non sono conciliabili.

  47. Rimpatriarne 600mila? È stato fatto un calcolo: per rimpatriarne 200 al giorno ci vorrebbero 8 anni. Senza considerare i costi.

    • Siamo pazienti. Una volta era di moda autotassarsi a favore di una certa famiglia africana (ora non piu’ perche’ s’e’ capito dove andavano i soldi), se dovessero chiedere alle famiglie italiane 10 € al mese per un anno per pagare i biglietti di ritorno, gli italiani aderirebbero in massa.

      Complimenti, comunque, ai buontemponi che fanno conti del genere (900 mld. all’anno di spesa pubblica!!! non avremmo fondi?) chissa’ su quali parametri, Alitalia o Ryanair? Buisiness class o popular? Ci sono anche gli aerei dell’aeronautica, invece di andarmi a prendere li riportiamo.

  48. Il bello di Rita è che ha sempre una soluzione per tutte le cose. Ma forse ha ragione, cosa ci vuole? Una coletta, una bella caccia al clandestino che a trovarli tutti ci vuole niente, da chiudere man mano dentro un filo spinato, militari, cani lupo, altrimenti scappano, del resto sono un numero esiguo, non tutti insieme naturalmente, difficili da tenere a bada, magari recuperiamo le carrette del mare con cui sono arrivati e via. Rubando la battuta a Piero, Rita prossimo Ministro degli interni. Altro che quel pappamolla di Minniti. Qui ci vuole qualcuno con le palle. Basta volerlo.

    • Hai visto troppi film a tema.
      Rilassati con un po’ di fantascienza, c’è sempre da imparare.

      Sul prossimo Ministro degli Interni (battutona) è inutile fare pronostici, tra poche settimane sapremo chi sarà. Ma, soprattutto, vedremo cosa farà.

  49. E comunque, visto che il prossimo Ministro sarà presumibilmente di destra, se non leghista, vedremo cosa riuscirà a fare. Per quanto mi riguarda credo che voterò chi le spara meno grosse. Basta informarsi un po’ e la graduatoria è bellefatta.

  50. Spesso e volentieri si spara contro la tv e la stessa Rete, ma è un fatto che i massi media possono diventare uno strumento importante di controllo dello stesso Potere: oltre ai siti che ho più volte citato (dall’Osservatorio di Cottarelli a lavoce.info, da valigia blu a pagina politica e al post. Ora vedo volentieri anche La7: oltre ai due match Salini-Boldrini e Brunetta-De Romanis, ho scoperto i queste sere il programma, sempre su La7 “Var condicio” dove degli economisti passano al vaglio le dichiarazioni e le promesse elettorali dei politici.
    So che sono programmi di nicchia, ma sarebbe una bella cosa che avessero una maggiore diffusione.
    La democrazia non può poggiare sulle menzogne o, meglio, sulle mezze menzogne.

  51. Segnalo che il programma di La7 “var condicio”, che verifica le dichiarazioni dei politici di giorno in giorno, è trasmesso alle 19,15.
    Cercando, poi, detto programma su Google, troviamo tutte le puntate precedenti.
    Una documentazione utile per chi volesse arrivare al voto con un minimo di preparazione.
    La democrazia non è solo… sfogo, ma anche… studio paziente (di più “verifiche”).

  52. Con un ampio e corposo articolo su La Stampa Carlo Cottarelli (a cui ho fatto molti riferimenti a commento del presente post) scrive sconsolato che, a leggere i programmi delle forze politiche, verrebbe voglia di non andare a votare, tanto sono contraddittori, vaghi e senza coperture.
    Complessivamente i costi delle promesse dei partiti ammontano a 420 miliardi (di cui 140 solo l’abolizione della Fornero).
    I più generosi nelle promesse sono, naturalmente (essendo una coalizione), i partiti del centro-destra, il più contenuto – tra le forze maggiori – è il Pd (56 miliardi).
    Il M5S non è – a dispetto dei critici – particolarmente generoso: … solo 63 miliardi, mentre Leu si assesta sui 30 miliardi.

    Una considerazione più che ovvia: grazie al sistema elettorale voluto da Pd, Forza Italia e Lega, nessun partito si sente responsabilizzato a fare “promesse credibili” perché quello che si realizzerà non sarà il loro programma, ma un compromesso di più programmi.
    La legge elettorale, quindi, di fatto deresponsabilizza le forze politiche.
    Ma… se si fosse scelto il Mattarellum, qualcuno avrebbe gridato alla morte della democrazia perché avrebbe sacrificato la “rappresentatività” a favore della “governabilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

Ultimi twit

Ultimi post

CONTRIBUTI E COMMENTI

Puoi segnalare una situazione critica, avanzare una proposta, dare il via a un dibattito. Il tema è completamente libero e ciò che conta è che abbia un interesse collettivo; puoi anche postare una storia significativa, una recensione di un libro o di un film, una produzione letterario-artistica, un’immagine-simbolo, un video. Clicca su "Post" o su "Twit" in alto a destra (devi essere registrato) per partecipare alla discussione.

Puoi commentare se sei registrato (consigliato) oppure indicando nome ed email nei campi previsti.

Contatti: redazione@cremascolta.it

Seguici su facebook

designed by Mattia Bressanelli