mercoledì 19 dicembre 2018

Post Twit Accedi o iscriviti

Amianto, Fumo … Campi elettromagnetici!

I campi elettromagnetici sono il nuovo amianto.

Nel 1906, la prima morte documentata di un lavoratore dell’amianto da insufficienza polmonare fu registrata dal dottor Montague Murray al Charring Cross Hospital di Londra.

L’autopsia della vittima di 33 anni ha rivelato grandi quantità di fibre di amianto nei suoi polmoni.

Ci sono voluti un totale di 99 anni fino a quando l’Unione Europea ha finalmente imposto un divieto totale sull’amianto … e sta ancora uccidendo più di 10.000 persone ogni anno negli Stati Uniti da soli.

Aggiungo la mia esperienza di pochi giorni fa. Ad Asti durante un incontro su temi ambientali ho parlato con un giornalista che riportava che a suo suocero 65enne è stata diagnosticata l’asbestosi 3-4 anni fa: indagando sulle cause lui è arrivato alla conclusione che pur avendo  lavorato in ambienti ospedalieri, appena diplomato aveva lavorato per 6 mesi a Casale Montefato presso la (tristemente nota) Eternit!  sei mesi!  silente per trentanni!

Lascia che ti spieghi questo …

Nel 1906 – sapevano che l’amianto era un killer.

Nel 2005 l’UE ha finalmente preso provvedimenti per fermare la follia.

Se seguiremo l’esempio dell’ amianto , ci vorrebbe fino all’anno 2100 prima di aggiornare definitivamente la tecnologia per  rendere gli EMF (campi elettromagnetici)  perfettamente sicuri.

Ma perché aspettare così a lungo?

Perché ripetere gli stessi errori?

I campi elettromagnetici sono il nuovo fumo.

Non mi credi?

Ricordi cosa è successo con l’industria del tabacco molto tempo fa?

Ricordi quando i medici fumavano con i loro pazienti davanti o quando consigliavano di fumare come  cura per il mal di gola?E i personaggi dei cartoni animati che fumano sigarette?

Questo era tutto normale.

Quando arrivarono le prime prove del fatto che il fumo causasse il cancro ai polmoni …  ma tutti negavano.

L’industria del tabacco (che ricavava molti soldi dal fumo delle persone) spendeva molti soldi per coprire le prove e assunse i propri scienziati per produrre ciò che ora viene definito “scienza del tabacco“.

Questo inganno ha funzionato per 50 anni!

Questo è chiamato “Tobacco Playbook”.

Bisogna arrivare fino agli anni ’90, quando le prove del danno sono diventate così travolgenti che le aziende del tabacco sono state finalmente colpite.

Chi erano le vere vittime però?

I milioni di persone che sono state portati a credere che qualcosa fosse sicuro (il tabacco), quando in realtà non era davvero …

La gente stava morendo – tutto perché qualcuno  temeva di perdere denaro.

I medici in questo scenario, che avrebbero potuto essere d’aiuto, erano anche disinformati. La maggior parte di loro si faceva beffe dell’idea sciocca che il tabacco potesse causare il cancro.

Che cosa ha a che fare con i campi elettromagnetici? “

Diamo un’occhiata ai fatti.

Nel 2011: gli EMF di telefoni cellulari, wifi e Bluetooth sono dichiarati cancerogeni “Possibili” di Classe 2B.

Novembre 2018 (pochi giorni fa!): Lo studio NTP da 25 milioni di dollari mostra “Clear Evidence” di tumori cardiaci nei ratti, indicando che i campi elettromagnetici potrebbero presto essere riclassificati come cancerogeni “definiti” di classe 1.   Contemporaneamente l’Istituto bolognese Ramazzini sta concludendo uno studio durato diversi anni su un numero molto più alto di animali rispetto a quello del NTP e che porterà ad identiche conclusioni.

“Tabacco” e “Amianto” sono anche confermati come cancerogeni “Definiti” di Classe 1.

Siamo esposti a quantità di CEM  superiori a 1.000.000.000.000.000.000 di volte rispetto ai nostri antenati.

I campi elettromagnetici sono stati collegati con affaticamento, disturbi del sonno, diminuzione della fertilità, ansia, depressione, cancro, vertigini, perdita di memoria, ADHD e una manciata di altri sintomi e condizioni.

Quando si tratta di campi elettromagnetici, o che  si fuma o non si fumi, …  TUTTI sono fumatori di seconda mano.

L’industria delle telecomunicazioni sta seguendo il “Tobacco Playbook” alla lettera, e sta funzionando egregiamente!

Tutto questo può sembrare triste, ma credimi che c’è luce alla fine del tunnel …

Non dobbiamo essere tutti …… “fumatori di seconda mano”. Possiamo chiedere tecnologie più sicure. Possiamo vincere questa battaglia.

Commenti

3 risposte a “Amianto, Fumo … Campi elettromagnetici!”

  1. Il nostro territorio, Giorgio, conosce bene, sulla sua pelle, gli effetti dell’amianto e non solo a causa della contaminazione dell’Inar di Romanengo (lo stesso titolare è stato vittima dell’amianto): conosco casi di persone che non hanno lavorato né in fabbriche che usavano l’amianto né nel settore edile, che pure sono state vittime di asbestosi (addirittura un docente universitario)
    L’amianto è un killer che uccide a distanza anche di decenni.
    Tragedie che si sarebbero potuto evitare: hai fatto bene a ricordarci che già all’inizio del secolo scorso si sapeva già della pericolosità dell’amianto.

    Tragedie che si potranno evitare se si prenderanno oggi le misure contro le radiofrequenze (il tuo cavallo di battaglia che dovrebbe diventare anche il nostro).

  2. Mi piacerebe sentire dei tecnici che ci spiegano come abbatere i campi elettromagnetici senza distruggere una cultura: già, perché al proposito fumo (fattore individuale) e amianto (tecnoogia) sono bazzecole. Da parte mia avevo già rilevato che con la tecnologia quantistica, tempo dieci anni, non ci sarà più bisogno di campi d’onda, ma può essere che non ci abbia capito niente, come può essere che gli anni non siano dieci e comunque non sia il caso di attendere. Chi ne sa di più mi dica!

    • Gentile Adriano
      è un argomento importante: quale balance tra ipertecnicismo e salute umana? Ovvero quanto si sta attuando con il 5G (protocollo di trasmissione che va su frequenze MAI TESTATE ) è per attuare l’ IoT internet delle cose. Dialogare con il frigorifero oppure inviare automaticamente gli ordini di acquisto di latte a Amazon quando il livello della bottiglia arriva sotto un certo limite o guardare il gatto cosa fa … vale elettrosensibilità e tumori ?
      Secondo me, no. Ho un bell’articolo del Prof Olle Johansson (Stoccolma) che tratta questo argomento … lo tradurrò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

Ultimi twit

Ultimi post

Ambiente, La città

Sono tornati

Pietro Martini

5/12/2018

6 Commenti

Leggi »

CONTRIBUTI E COMMENTI

Puoi segnalare una situazione critica, avanzare una proposta, dare il via a un dibattito. Il tema è completamente libero e ciò che conta è che abbia un interesse collettivo; puoi anche postare una storia significativa, una recensione di un libro o di un film, una produzione letterario-artistica, un’immagine-simbolo, un video. Clicca su "Post" o su "Twit" in alto a destra (devi essere registrato) per partecipare alla discussione.

Puoi commentare se sei registrato (consigliato) oppure indicando nome ed email nei campi previsti.

Contatti: redazione@cremascolta.it

Seguici su facebook

designed by Mattia Bressanelli