mercoledì 19 dicembre 2018

Post Twit Accedi o iscriviti

Avrò cura di te: il debutto dell’opera

Un libro? Un cammino? Un evento?

Tutte queste cose insieme, per  lasciare  nella memoria collettiva la storia della moderna Sanità cremasca, rivelata nei cinquant’anni di evoluzione nel suo centro di vita pulsante: l’Ospedale. Non che sia l’unica sede, non tolgo certo niente alla Medicina territoriale, ma chi non identificherebbe la casa della cura del proprio simile, colto nel suo impatto con l’inabilità, in un luogo diverso dall’Ospedale? E in mezzo secolo, se tanto è cambiato nella Società, immaginiamo, prima ancora di sfogliar le pagine, quanto è successo nel crogiolo dell’evoluzione tecnologica e metodologico-gestionale ospedaliera! Ha affrontato questo percorso, come promotore e coordinatore generale, Felice Lopopolo, alla città ben noto per le tante pubblicazioni del Centro Ricerche Galmozzi da lui curate. Lo sforzo del suo team è stato teso a far sì che nulla andasse perso nella memoria con la, più o meno lontana, ma inesorabile, dipartita dei protagonisti, e hanno scelto per questo la via più diretta, quella dell’intervista: mettere le figure di spicco sotto il riflettore e l’obiettivo della cinepresa, letteralmente. Già, perché c’ero anche io avanti a quell’obiettivo.

E così i ricordi sono scaturiti spontanei, fra le facezie e il dramma, fra senso del dovere, slanci di sincera abnegazione, e ire, per quanto sempre è mancato e  sempre mancherà per il perfetto funzionamento della grande macchina, potente nel soccorso , ma perfettibile nei comportamenti e nell’allocazione di risorse.

In questi due anni hanno lavorato al fianco di Lopopolo Nicoletta Bigatti, per la ricerca storica e testo,  Davide Severgnini (fra l’altro uno degli ideatori originari di Cremascolta) per il progetto grafico, e ancora Davide con Francesco Bianchessi per le riprese, il cui montaggio è stato affidato a  Lorenzo Basso Ricci, Francesco Bianchessi, Ottavio Bolzoni, Carlo Alberto Madoglio. E arriviamo alla presentazione con film documentario, “H – L’ospedale di Crema” di Daniele Grosso, a regia di Elisa Tagliati con musiche originali di Ottavio Bolzoni, letture di Massimo Lanfredi e Alessia Parolari.

Non male vero? staff degno di un film cinematografico! E aggiungiamo che le riprese originali saranno visibili tramite un link inserito nel testo. Il libro è già prenotabile facendone richiesta a info@centrogalmozzi.it.

E allora appuntamento alle 16 di Sabato 15 Dicembre al Teatro San Domenico!

 

Commenti

4 risposte a “Avrò cura di te: il debutto dell’opera”

  1. Un’opera che ho visto nascere: un lavoro imponente, risultato di centinaia di ore di video-interviste, frutto dell’intelligenza e della bravura di una ricercatrice qual è Nicoletta Bigatti.
    Un’opera che – come dici tu, Adriano – non è solo testo (con un ricchissimo apparato fotografico), ma anche una efficace documentazione video.
    Un’opera che ha un valore aggiunto rispetto alle tante dignitose pubblicazioni… made in Crema.

  2. La regia è stata magistrale.
    Buona la selezione delle interviste (tra le oltre 170 videoregistrate).
    Una in particolare ha commosso tutti: una signora dopo tre mesi di cure palliative che dichiara, tutta bella, il suo amore per la vita e la sua ferma volontà di assaporare fino all’ultimo istante ciò che la vita può dare.
    La signora (bello il suo messaggio che dimostra anche l’efficacia del nostro servizio delle cure palliative) non ha potuto essere presente alla presentazione del docu-libro: se ne è andata prima.
    Ma il suo messaggio rimane.

    • E.. sì Piero, ha quasi commosso anche me che ero nella torre di controllo: tanti visi “antichi” e nuovi ( e tu non potevi, come non addetto ai lavori, riconoscere i defunti del personale, e io non m sarei mai aspettato i riconoscermi sullo schermo! Una bella storia, la vita in una storia, per tanti, una storia di incontro occasionale con la Medicina, per tanti pazienti. Nel mio ruolo attuale post Ospedale li incontro ancora, ingrigiti e rugosi, e, anche se si parla di un’occasione dolorosa, quelli che ancora ci sono, mi appaiono teneri, nostalgici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

Ultimi twit

Ultimi post

Ambiente, La città

Sono tornati

Pietro Martini

5/12/2018

6 Commenti

Leggi »

CONTRIBUTI E COMMENTI

Puoi segnalare una situazione critica, avanzare una proposta, dare il via a un dibattito. Il tema è completamente libero e ciò che conta è che abbia un interesse collettivo; puoi anche postare una storia significativa, una recensione di un libro o di un film, una produzione letterario-artistica, un’immagine-simbolo, un video. Clicca su "Post" o su "Twit" in alto a destra (devi essere registrato) per partecipare alla discussione.

Puoi commentare se sei registrato (consigliato) oppure indicando nome ed email nei campi previsti.

Contatti: redazione@cremascolta.it

Seguici su facebook

designed by Mattia Bressanelli