martedì 18 Giugno 2019

Post Twit Accedi o iscriviti

Da Internet of Things a … Idiocy of Things

Da Internet of Things a …Internet of Totalitarian Control a … Idiocy of Things

Riporto uno stralcio di un lungo lavoro pubblicato in un recentissimo libro Essays on Consciousness – Towards a New Paradigm (ed. I. Fredriksson), Balboa Press, Bloomington, IN, USA, del Professore Olle Johansson, che è riconosciuto il primo ricercatore che ad inizi anni ’70 individuò le alterazioni dermatologiche nei lavoratori che passavano molto ore difronte ai (dump) terminali. Capo of the Experimental Dermatology Unit,  Department of Neuroscience, at the Karolinska Institute in Stockholm, ha pubblicato oltre 500 articoli, libri, speaker in tanti congressi, ha testimoniato in molte commissioni parlamentari di diversi Paesi.  Sarà primo relatore in un evento in via di preparazione a metà Marzo 2019, a Milano.

Poiché siamo tutti costretti ad entrare nella nuova generazione di gadget elettronici e servizi wireless, a volte indicati come “Internet of Things” e principalmente basato sulla quinta generazione (5G) di comunicazione wireless, da seguire presto da 6G e 7G ,  qualcuno  si  sta chiedendo se il sempre crescente livello di campi elettromagnetici artificiali (EMF) è davvero sicuro per gli organismi viventi.

Se le  varie attrezzature sono lì solo per piacere personale o per scopi di sorveglianza politica, militare e commerciale è già evidente che potrebbe facilmente svilupparsi nell ‘”Internet del Controllo totalitario “, con aspetti incredibilmente oscuri legati all’uso di intelligenza artificiale,  controllo del cervello umano e quindi  il Digital New World Order è appena dietro l’angolo!

Se alcuni gadget portano anche a rischi di incendio, se violano considerazioni di integrità, se sono aperti a avanzati attacchi informatici della privacy di case, scuole e luoghi di lavoro,  se generano profitto per le aziende private ma   costi per la salute pubblica e sistema di welfare,  e se i campi elettromagnetici connessi rappresentano una minaccia per noi tutti  e per   la salute delle nostre famiglie, così come per l’ambiente  … allora stiamo parlando allora di Idiocy of Things

In realtà, questo problema è semplice:  i campi elettromagnetici moderni e artificiali devono essere considerati come un’esposizione ambientale altamente tossica. Vorrei tanto poter annunciare che ci sarà un “Fine” a questo ‘esperimento’ che coinvolge la flora,  gli animali, l’Uomo, 24 ore su 24, … il più grande esperimento di sempre su questo pianeta, ma bisogna sottolineare che questi organismi sicuramente non sono stati informati o hanno dato alcun consenso, completamente in contrasto con il Codice di Norimberga di Etica del 1947

“In connessione con i processi di Norimberga dopo la seconda guerra mondiale è stato formulato per la prima volta un codice pubblico di etica per esperimenti medici coinvolgendo esseri umani: il Codice di Norimberga del 1947. Tra le altre cose ha dichiarato che è richiesto il consenso informato e che i rischi per i soggetti sono minimizzati. È stato sottolineato che ogni partecipante ha il diritto in qualsiasi momento di cancellare la sua partecipazione a un esperimento, e che chiunque ne faccia parte dovrebbe cancellarlo se sembra probabile che un partecipante sia ferito.

Quando possiamo sospendere la nostra partecipazione all’esperimento di radiazioni in corso? ”

Il mio personale viaggio professionale di ricerca è iniziato alla fine degli anni ’70, quando il primo caso di ciò che alla fine sarebbe stato definito come menomazione  funzionale (ovvero disabilità o handicap) la  l’elettroipersensibilità, si evidenziò prima in Norvegia e negli Stati Uniti, e più tardi in altri paesi del mondo, oggi in Taiwan.  Comprendere gli effetti negativi sulla salute dei campi elettromagnetici artificiali impegnò ricercatori innanzitutto in Germania e Svizzera.  Oggi guardo le persone elettroipersensibili come normali, con comportamenti di evitamento biologico e strumentale, e il resto della popolazione (che noi oggi chiamiamo “normale“) in realtà è … electrohyposensitive.

È tempo che tutti noi, scienziati, politici, funzionari pubblici e comuni cittadini, ci  rendiamo conto che i campi elettromagnetici artificiali rilasciati e usati dai nostri vari gadget elettrici ed elettronici – come linee elettriche, trasformatori e cablaggio all’interno di articoli per la casa, telefoni cellulari, telefoni DECT, tablet, computer portatili, game control, strumenti di informazione, accessori Bluetooth, baby monitor e monitor intelligenti  senza fili per gas, acqua ed elettricità   – sono potenzialmente pericolosi per  l’uomo . Se tutto ciò non fosse vero,   …    i rapporti pubblicati e pertinenti – ora conteggio più di 26.000 in numero secondo EMF-Portal (https: //www.emf-portal.org/en) –    dovrebbero essere sbagliati nello stesso tempo  …  ma la probabilità che ciò sia vero è – a dir poco – infinitamente piccola!

Il gigante assicurativo britannico Lloyd’s – insieme ad altre compagnie di assicurazione e riassicurazione – ha lanciato una mossa vigile. Danni alla salute dovuti all’esposizione diretta o indiretta alla radiazione elettromagnetica del nostro moderno mondo guidato dai gadget non sono più coperti dalle loro polizze assicurative. Quindi non chiamate le compagnie assicurative in futuro se si è ammalati   a causa delle radiazioni dei telefoni cellulari, o se il bambino è cresciuto con leucemia infantile a causa di una forte esposizione al campo magnetico, o un tumore al cervello aggressivo o cancro al cuore maligno a causa di radiazione del telefono cellulare o Wi-Fi tablet, dal momento che la vostra assicurazione sanitaria non lo copre

In una società democratica dovremmo anche – come l’industria del tabacco è stata costretta a fare – etichettare ogni pacchetto con un avvertimento che informa l’utente che potrebbe danneggiare la loro salute, che la loro assicurazione non copre  danni provocati (i produttori, loro stessi ti dicono di tenere gli apparati ad almeno un centimetro e mezzo dal tuo corpo).  Dovrebbe essere richiesto ai produttori, operatori e autorità di radioprotezione, di  assumersi la responsabilità personale delle loro dichiarazioni secondo le quali la radiazione è innocua.

Durante circa 5.000.000 di anni l’umanità ha fatto la sua ascesa verso la nostra attuale sottospecie, l’Homo sapiens, che è   “in giro” da circa 200.000 anni. Il  recente massiccio lancio di varie tecnologie wireless dovrebbe essere considerato criticamente anche da questo punto di vista. Negli ultimi 100 anni noi siamo stati improvvisamente esposti alla radio, TV, computer, telefoni cellulari, internet wireless, luce tubi a raggi, lampade fluorescenti compatte e apparecchi domestici di vario genere.  Sorge spontanea la domanda centrale: “Possiamo contare davvero sull’evoluzione darwiniana per assicurarci che le nostre cellule si siano attrezzate con uno scudo protettivo automatico contro la potenza, campi elettrico e magnetico, segnali radio e TV pulsati e polarizzati, microonde, ecc., ?

Siamo in grado di resistere ad esposizioni  che non sono mai state presenti sul nostro pianeta, almeno in modo così massiccio e potente? ”

E la risposta è così semplice (e non c’è bisogno di “fantascienza”!)  …

 

 

Il lavoro è disponibile per il download qui

https://drive.google.com/open?id=1cA8Prr1IbI0AZQ-hlW6feBJJISMghamJ

Commenti

2 risposte a “Da Internet of Things a … Idiocy of Things”

  1. Fai bene, Giorgio, a insistere nella tua battaglia, una battaglia che dovrebbe diventare di tutti noi se vogliamo salvare sia la specie umana che il pianeta Terra.
    Ma ho l’impressione che tutti noi siamo troppo impegnati a “godere” della comodità degli strumenti che tu elenchi per pensare ai possibili danni per noi e per le future generazioni.
    Capisco benissimo, come capisco perché da parte delle multinazionali che gestiscono un immenso business con tali “beni” ci tengano nascosti i potenziali pericoli.
    Noi ci lamentiamo dei nostri politici che non sono in grado di guardare oltre i sondaggi quotidiani, ma anche noi continuiamo a rimanere prigionieri del nostro presente (dorato o foriero di mali incalcolabili?).

    • Piero, SEMBREREBBE che il Governo abbia deciso di avviare questa massiva, immanente implementazione di antenne per il %G senza chiedere un parere al Ministero della Salute, ovvero al Consiglio Superiore di Sanità!
      Io non posso immaginare che i ns leader politici e/o governativi e/o ministeriali possano essere allo oscuro non tanto della rilevanza scientifica mondiale di ‘warnings’, ma – semplicemente – che l’ente SCIENTIFICO dell’Organizzazione Mondiale della Sanità abbia definito le radiofrequenze come possibilmente cancerogeni … per cui questa fretta – a quanto pare l’Italia sarà tra le prime a investire, con la discussa tecnologia cinese, nel 5G – mi sembra molto sospetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

Ultimi twit

Ultimi post

CONTRIBUTI E COMMENTI

Puoi segnalare una situazione critica, avanzare una proposta, dare il via a un dibattito. Il tema è completamente libero e ciò che conta è che abbia un interesse collettivo; puoi anche postare una storia significativa, una recensione di un libro o di un film, una produzione letterario-artistica, un’immagine-simbolo, un video. Clicca su "Post" o su "Twit" in alto a destra (devi essere registrato) per partecipare alla discussione.

Puoi commentare se sei registrato (consigliato) oppure indicando nome ed email nei campi previsti.

Contatti: redazione@cremascolta.it

Seguici su facebook

designed by Mattia Bressanelli