menu

GIORGIO CINCIRIPINI

Oltre Orwell

Orwell √® superato.   Vi invito a leggere questo articolo https://www.buzzfeednews.com/article/carolinehaskins1/gaggle-school-surveillance-technology-education in cui si parla di un “App” che fa un monitoraggio di 5 milioni di studenti americani. Tecnicamente, installato sullo smartphone interagisce con Google (suite) e con Microsoft 365, pu√≤ tracciare TUTTO ci√≤ che ogni singolo utente fa. Quindi software di “Intelligenza Artificiale” ovvero

Orwell è superato.

 

Vi invito a leggere questo articolo https://www.buzzfeednews.com/article/carolinehaskins1/gaggle-school-surveillance-technology-education

in cui si parla di un “App” che fa un monitoraggio di 5 milioni di studenti americani.

Tecnicamente, installato sullo smartphone interagisce con Google (suite) e con Microsoft 365, può tracciare TUTTO ciò che ogni singolo utente fa.

Quindi software di “Intelligenza Artificiale” ovvero di tracciamento di parole e/o immagini ‘sensibili’, con ausilio di persone pagate (ovviamente poco) dovrebbero evidenziare situazioni di pericolo¬† (interessante leggere la lista che hanno definito)

Questo dovrebbe bloccare le tante sparatorie nelle strade e nelle scuole americane.   Ovviamente il Governo USA fa tutto meno che proibire le armi, che sono vendute negli ipermercati!

 

Qualcuno si pone problemi di privacy … ma gli USA l’hanno cancellata questa parola da tempo, perch√© i sistemi di controllo della popolazione eseguita con sistemi avanzati sono gi√† segretamente operativi da anni (vedi questo post) .¬† Di alcuni sistemi se ne parla solo quando diventano obsoleti!

GIORGIO CINCIRIPINI

17 Nov 2019 in Scuola

2 commenti

Commenti

  • Si sa che sono un antiprivacy: aumnentare la tolleranza e la comprensione, creare condivisione. Per me bene cos√¨

  • Io spero proprio (ma √® possibile che mi illuda) che quanto prima si arrivi a un “equilibrio” tra esigenza di “sicurezza” (prevenire atti delittuosi) e la sacrosanta esigenza della “privacy”.
    Un equilibrio che non pu√≤ che essere dato dalla “politica”, ma la politica si muove se la societ√† civile spinge in questa direzione.
    In fondo in fondo, siamo sempre noi “cittadini” che dobbiamo rimanere “vigili” e svolgere fino in fondo la nostra parte.

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti