menu

ADRIANO TANGO

Il micio e il leone

  Dietro le cose che compaiono in rete sul blog c’è spesso un carteggio di e mail private, che ovviamente omettiamo! Ma questa volta… Mi ricollego alla mia citata ultima esposizione in tema di vaccini, alla quale, intervenendo in diretta, Giorgio Cinciripini mi informa che mi ha mandato un bel numero di estratti di articoli

 

Dietro le cose che compaiono in rete sul blog c’è spesso un carteggio di e mail private, che ovviamente omettiamo! Ma questa volta…
Mi ricollego alla mia citata ultima esposizione in tema di vaccini, alla quale, intervenendo in diretta, Giorgio Cinciripini mi informa che mi ha mandato un bel numero di estratti di articoli di qualificati ricercatori su eventi avversi. E allora, per trasparenza, perché non si dica che voglio tranquillizzare tutti a tutti i costi (mica mi paga Pfizer!), penso giusto mettere all’attenzione di tutti sia uno stralcio del materiale (originale inglese) che le conclusioni.
A proposito, che c’entra il dubbio del gatto e del leone? Alla fine lo si capisce! Buona traduzione!

 

“if viral antigens are present in the tissues of subjects who undergovaccination, the antigen specific immune response triggered by the vaccine will target those tissue sand cause tissue inflammation and damage”

“Dr. Noorchashm’s prognostications of harm in elderly individuals with cardiovascular diseasecoincides with the numerous reports of unexplained cardiovascular deaths following COVID-19vaccination in Norway, Germany, the UK, Gibraltar and the U.S.,” said Lyn Redwood, RN, MSN,director and president emerita of Children’s Health Defense.

“When viral antigens are present in the vascular endothelium, and especially in elderly and frail withcardiovascular disease, the antigen specific immune response incited by the vaccine is almost certainto do damage to the vascular endothelium. Such vaccine directed endothelial inflammation is certainto cause blood clot formation with the potential for major thromboembolic complications, at least in asubset of such patients. If a majority of younger more robust patients might tolerate such vascularinjury from a vaccine immune response, many elderly and frail patients with cardiovascular diseasewill not.”
“Additionally, if the immunological risk I am prognosticating herein is in reality material, over the nextmonths as millions more Americans are immunized, it will become quite visible to the public.”
Thromboembolic complications, 10–20 days following activation of a vaccine induced antigen specificimmune response, in elderly frail vasculopaths, will not register as classical “vaccine relatedcomplications”….But SARS-CoV-2 is a virus with tropism for the vascular endothelium….So, ourPfizer and Moderna vaccines could easily direct an antigen specific immune attack to that very targetorgan

Apotential reasonable solution, would be to use antibody screening as a surrogate means ofexcluding/delaying vaccination in persons who might have been exposed to the virus and have viralantigens lingering in their tissues.”

He developed idiopathic thrombocytopenic purpura (ITP), aka immunethrombocytopenia, a rare autoimmune disease where the body destroys its own platelets, within 3days after receiving the first dose of vaccine and died two weeks later after all treatments to reversethe thrombocytopenia failed and he died of a cerebral hemorrhage

A case of thrombocytopenia was reported with Moderna’s mRNA vaccine during its clinical trials in a72-year old man with Crohn’s disease (an autoimmune disease). According to the FDA, he was”hospitalized for thrombocytopenia and acute kidney failure due to obstructive nephrolithiasis [kidney stone] 40days after dose 2 and developed complications resulting in multiorgan failure and death.” There have also been several studies showing associations of ITP following

In Norway, about 0.1% ( 23 post-vaccine deaths out of roughly 25,000 shots ) of vaccinerecipients have died after receiving the vaccine. After completing autopsies on 13 who havedied, which is more than half the deaths, the Norwegian Medicines agency concluded that “sideeffects from the mRNA vaccines… may have led to deaths.” and Norway changed itsCOVID-19 vaccination guide to not give “very frail” people the vaccines. Those who diedwere old and frail, all aged 80 and above. “The reports might indicate that common side effects frommRNA vaccines, such as fever and nausea, may have led to deaths in some frail patients,” saidSigurd Hortemo, chief physician at the Norwegian Medicines agency.

One reasonthey cite is that the mRNA vaccine triggers your body to produce antibodies against spike proteinsfound in the SARS-CoV-2, but syncytin-homologous proteins that are essential for the formation ofplacenta are also in spike proteins. If a woman’s immune system starts reacting against syncytin-1, then there is the possibility she could become infertile. This is an issue that none of the vaccinestudies is evaluating. Mass vaccinating women of childbearing age against COVID-19 couldpotentially have the devastating consequence of causing mass infertility if the vaccine triggers animmune reaction against syncytin-1. The petition states that this possibility must be “absolutelyruled out” before mass vaccination takes place.

The U.S. government (Pentagon) has a contract to purchase500 million doses of Moderna’s vaccine – the current population in the U.S. is ~ 330 million, so at 2doses per person, that’s enough to vaccinate 75% of the US population with Moderna’s vaccinealone! It seems pretty clear from this number that the plan is to vaccinate everyone in the country. What is not well publicized is that the U.S. National Institute of Allergy and Infectious Diseases(NIAID) , which owns the critical patents on the Moderna vaccine, will reportedly receive half the royalties. Fauci is director of NIAID. Six of his employees may also receive $150,000 ANNUALroyalties, paid from taxes, for their work on thevaccine.

Note that Pfizer excluded from its clinical trial anyone who had a history of severe allergies such asones related to adverse reactions associated with a vaccine (and because these people were notincluded, Pfizer said “they saw no serious allergic reactions” to their vaccine during the clinicaltrials)

Long -term reactions in these mRNA reactions have NOT been studied,which are impossible to do in the few months of development of these vaccines, which couldhave potential side effects including local and systemic inflammatory responses that couldlead to autoimmune conditions.

“A possible concern could be that some mRNA-based vaccine platforms induce potent type Iinterferon responses, which have been associated not only with inflammation but alsopotentially with autoimmunity,” they wrote. “Thus, identification of individuals at an increasedrisk of autoimmune reactions before mRNA vaccination may allow reasonable precautions to betaken.”

There have been many adverse effects with vaccines, which have occurred after days, weeks,months, years, and decades following vaccinations. They could affect the severity of future wild virusexposures, or future vaccine adverse effects. It may take years or decades of serious safety testingand tracking to identify such effects. None of that was possible in the present COVID vaccine trials. This is especially concerning for children and young adults who get vaccinated with the COVIDvaccine (even though they are in general basically not at risk for serious effects from COVID) couldhave a lifetime of potential suffering if the vaccine they get has been inadequately tested for long termeffects.

Toplak et al. reported the production of autoantibodies (such as antinuclear andantiphospholipid antibodies) in 92 healthy medical workers up to 6 months after influenzavaccination.

Pandemrix vaccine for H1N1 Swine Flu caused narcolepsy in European children, increaseddeaths
In 2009, for the H1N1 swine flu pandemic, the Pandemrix vaccine caused severe, life-long, adverseneurological reactions, including narcolepsy and cataplexy (the sudden, brief loss of voluntary muscletone triggered by strong emotions), in at least 1,300 children across Europe
There are 2 COVID vaccines approved for use in the US, the Pfizer and Moderna vaccines, both ofwhich are mRNA vaccines that use polyethylene glycol 3350, which has been identified as the agentcausing anaphylactic reactions

Polyethylene Glycol (PEG 3350), used in Pfizer and Moderna vaccines, has been determined to be theculprit for the anaphylaxis reactions.

This 2018 studyis about hypersensitivity reactions to PEG being more common than recognized, and says that a
person can get PEG skin test to check for sensitivity (very doubtful that those administering thevaccines would check a person for PEG sensitivity before giving the vaccine

 

30.1.2021Mattino
Caro Giorgio, ci sto riflettendo con attenzione. In linea di massima comunque le segnalazioni non si discostano dalle mie interpretazioni generiche di “tempesta immunitaria”.
Utile la determinazione accertata dell’organo bersaglio, il cuore. Sempre bene quando lo studio scende nelle profondità della segnalazione generica.
Nello studio stesso si intravede anche una soluzione nei dosaggi anticorpali nei più anziani, per escludere la pregressa infezione. Del resto si dice già che gli infetti è inutile vaccinarli, adesso per i più anziani potrebbe essere addirittura pericoloso!
Alcune cose riguardano rischi generici allergici, e quindi non contano in via esclusiva per il “nostro settore”. Certo, di allergie ho parlato, e si riferiscono a sostanze chimiche incluse volontariamente, cui si può essere allergici, non al principio attivo, la molecola che ne è il cuore.
Interessante l’appunto sull’esclusione dalla sperimentazione dei pazienti affetti da malattie immunitarie, giustificato. Tuttavia vale sempre il discorso del micio e del leone. Addirittura io asmatico rischierò di più, quando mi vaccinerò, speriamo…
Sulla possibile sterilità femminile immunitaria l’obiezione è sensata, vedremo.
C’è da dire che le proteine spike sono presenti solo in gravidanza nella placenta, e l’immunità vaccinale si presuppone non resti a vita. Si tratta quindi di sfalsare temporalmente i due eventi.
Le veramente rare ipersensibilità al poletilenglicole (PEG) possono essere prevenute da un test cutaneo, lo dicono le fonti stesse. I PEG sono utilizzati in prodotti farmaceutici e di uso comune come dentifricio, shampoo, ammorbidenti. Per molto tempo si è ritenuto che i PEG fossero biologicamente inerti, ma esistono prove crescenti sul fatto che queste sostanze potrebbero non essere affatto inerti. Si tratterà di definire chi siano i soggetti a rischio, tenendo presente che la crisi potrebbe verificarsi a questo punto anche lavando i denti, ma l’industria non eliminerà certo questi costituenti dai prodotti commerciali. Direi che ogni paziente con una storia di allergie deve essere un sorvegliato speciale.
Io per esempio, quando finalmente mi vaccinerò.
Sugli effetti a distanza nulla è impossibile, ma lo sai che nei pazienti pagetici (quella malattia che da ad alcuni tratti leonini, e non fa più entrare il cappello sempre usato perché “gonfia” le ossa, così addirittura possono sviluppare tumori), sono stati ritrovati pezzi di virus del morbillo? Cosa c’entri non sappiamo, ma i virus meglio combatterli che lasciarli entrare senza difendersi.
Dimenticavo: il problema delle trombocitopenie è comune anche ai vaccini morbillo-parotite-rosolia (MMR), ma il rapporto tra il rischio di sviluppare ITP e beneficio rimane largamente a vantaggio della vaccinazione. Infatti la relazione tra vaccinazione MMR e ITP è stata riscontrata molto raramente, invece l’insorgenza di ITP in seguito alla malattia naturale è più frequente ed inoltre non dobbiamo dimenticare che morbillo-parotite-rosolia risultano legate a complicanze gravi, e della possibile correlazione fra morbillo infantile e Paget senile abbiamo parlato, a parte le complicanze immediate, anche mortali, nei pazienti infetti.
Vale sempre il discorso del micio e del leone!
Adriano

 

Stessa giornata. Pomeriggio. Giorgio risponde

Le tue sono, sempre, parole sensate.

Purtroppo viviamo in un Truman Show e quindi sperimentiamo su noi stessi senza avere a disposizione la prova in bianco!

L’unica cosa che mi fa incazzare è che nella valutazione del rischio la singola persona non ha capacità di decisione e che nel beneficio c’è quello del … guadagno di grandi imperi finanziari ed industriali (vale sia per l’industria farmaceutica – che non perde mai! – che per la elettronica & telefonia per l’incontrollata implementazione del 5G).

Un salutone

Giorgio

ADRIANO TANGO

01 Feb 2021 in Sanità

7 commenti

Commenti

  • Ovviamente può esserci chi non parla inglese come chi legge ma non capisce di cosa si parla: son qui per questo, ma mi sembrava fondamentale il fatto che che Giorgio che solleva i dubbi concorda sulle conclusioni

  • Evidentemente i miei “double seven” suonati si fanno sentire e cmq non me ne posso liberare; ciò posto, io direi che in una società civile, magari democraticamente organizzata sono definite regole e ruoli che, intendiamoci, non sono scolpiti immutabili nelle roccia, si possono/devono “aggiustare”, ma cmq una volta decisi , vanno rispettati.
    Se no è anarchia e caos.
    Che non è la …..fine del mondo è.
    Solo che …..basta dirlo, dichiararlo!
    Dopodiche le decisioni che attengono alla “persona” sono “personali” (Ferrini avrebbe detto “lo dice il ragionamento stesso”!) e la persona che decide, magari “contra regulam”, non potrà che accettarne le conseguenze, oppure non accettarle, le coseguenze e …….allora sono solamente c, pardon, fatti suoi!

    • Ovvio! poi, educato da un colonnello, e figlio di colonnello, e figlio… basta così. Quando sento delle percentuali di medici del Trentino che non si vaccineranno, per cui grazie alle loro dosi partirà prima la campagna anziani, resto eterefatto. Se avessimo una buona scorta di medici in attesa di impiego pronti a prender il posto dei licenziati, se sul curriculum restasse scritto a demerito in futuri concorsi, saremmo al sicuro da queste follie. Certo, in medicina se non togli il bisturi di mano al tuo primario che da segni di instabilità sei un criminale, ma il punto di vista è uno, quello che ha il consenso, e se si sospetta che il consenso sia “condizionato” si fa un assalto al palazzo, non ognuno a modo suo. Ma io sono un uomo antico!

    • Che poi sarebbe meglio esterefatto di quanto ho scritto: eterefatto.
      Ma magari se polpastrellite e etere si sovrappongono non c’è attenzione e buona disposizione che basti!

  • Uno stralcio da un contributo di Silvestro sulla modellizzazione del comportamenti e diffusione del virus (traduzione forse zoppicante, ma la lascio così):
    Seguendo la guida del modello, l’Università dell’Illinois ha formulato un piano. Testerebbe tutti i
    suoi studenti per il coronavirus due volte a settimana, richiederebbe l’uso di maschere e
    implementerebbe altre considerazioni e controlli logistici, tra cui un e􀁽cace sistema di tracciamento
    dei contatti e un’app telefonica di notiô€¿ca dell’esposizione. La matematica suggeriva che questa
    combinazione di politiche sarebbe stata suô€½ciente per consentire la ripresa dell’istruzione di
    persona senza provocare la di􀁼usione esponenziale del virus.
    Ma il 3 settembre, a una sola settimana dall’inizio del semestre autunnale, l’università ha dovuto
    a􀁼rontare una realtà desolante. Quasi 800 dei suoi studenti erano risultati positivi al coronavirus, più
    di quanto il modello avesse previsto durante il Ringraziamento. Gli amministratori dovevano
    emettere una sospensione immediata a livello di campus delle attività non essenziali.
    Cosa era andato storto? Gli scienziati avevano apparentemente incluso così tanto spazio per l’errore,
    così tante contingenze su come gli studenti avrebbero potuto comportarsi. “Quello che non ci
    aspettavamo era che avrebbero infranto la legge”, ha detto Goldenfeld – che alcuni studenti, anche
    dopo essere risultati positivi e aver ricevuto l’ordine di quarantena, avrebbero comunque partecipato
    alle feste. Questo si è rivelato fondamentale: dato il modo in cui COVID-19 si di􀁼onde, anche se solo
    pochi studenti fossero andati contro le regole, il tasso di infezione potrebbe esplodere.
    Conslante che abbiamo tutti gli stessi problemi!

    • E avviandomi alle conclusioni:
      “Il problema più grande siamo noi
      Ma di gran lunga, la più grande fonte di incertezza nei modelli COVID-19 non è come si comporta il
      virus, ma come si comportano le persone. Ottenere quel fattore X almeno in qualche modo corretto è
      fondamentale, dato quanto le azioni delle persone guidano la trasmissione della malattia. Ma le
      persone sono capricciose e diô€½cili da capire; non sempre agiscono razionalmente – e certamente non
      prevedibilmente.”

  • E ancora da fonte Silvestro: “Un modello teorico prevede che entro alcuni anni il nuovo coronavirus da pandemico diventerà endemico e infetterà per la prima volta in età infantile, causando sintomi lievi e
    conferendo un’immunità protettiva da conseguenze gravi ma non dalle reinfezioni. Molto
    dipenderà tuttavia dalla risposta immunitaria al virus sviluppata dalla popolazione nel
    prossimo futuro, anche in funzione dei vaccini – Jennie S. Lavine e colleghi della Pennsylvania State University
    … se i vaccini inducono una protezione di breve durata contro la reinfezione, ma riducono la gravità della malattia come nel caso di altri coronavirus endemici, SARS-CoV-2 può diventare endemico più velocemente.

Scrivi qui la risposta a Adriano Tango

Annulla risposta

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti