menu

WALTER VENCHIARUTTI

I Macchiaioli

Si è aperta il 20 Ottobre e rimarrà allestita fino al 25 febbraio 2018 presso il  GAM MANZONI di  Milano la mostra dedicata ai Macchiaioli. Si tratta di una rassegna straordinaria che raccoglie i capolavori dei nomi noti e meno noti del gruppo di artisti, prevalentemente costituito da toscani, ribelli nel politico e nell’arte,  che

Si √® aperta il 20 Ottobre e rimarr√† allestita fino al 25 febbraio 2018 presso il¬† GAM MANZONI di¬† Milano la mostra dedicata ai Macchiaioli. Si tratta di una rassegna straordinaria che raccoglie i capolavori dei nomi noti e meno noti del gruppo di artisti, prevalentemente costituito da toscani, ribelli nel politico e nell‚Äôarte,¬† che caratterizzarono con la ‚Äúrivoluzione della macchia‚ÄĚ la stagione figurativa del secondo Ottocento. L‚Äôinvito √® irripetibile, non capita spesso di poter ammirare queste stupende tele oggi, in gran parte, custodite nelle¬† diverse collezioni private lombarde. Con un breve viaggio vale quindi la pena, per gli amanti della ‚Äúbella pittura‚ÄĚ, di recarsi alla volta di¬† Milano. Non ne rimarranno delusi. La variet√† dei temi trattati, la preziosa leggerezza descrittiva degli interni, come¬† la luminosit√† degli ampi spazi¬† che si aprono all‚Äôinfinito, offrono stupendi¬† spaccati¬† in grado di¬† saper colpire l‚Äôocchio dell‚Äôosservatore frettoloso e incatenare il pi√Ļ impaziente dei critici.

Restiamo  felicemente travolti  osservando gli scorci di vicoletti ombreggiati, cieli cinerei  contrastano con le piazze assolate e i campi verdeggianti  di Telemaco Signorini. Mentre l’occhio si posa sulle silenti baie marine di Giuseppe Abbati  e le distese di grano maturo di Raffaello Sernesi,  la mente corre alle manovre militari descritte  da Giovanni Fattori e indaga le intimità domestiche, svelate  dai pennelli di  Stefano  Bruzzi,  Adriano Cecioni , Cristiano Banti. Osserviamo i sereni paesaggi agresti di Odoardo Borrani, interrotti  dall’operoso lavoro  dei contadini rappresentati da Luigi Bechi. Molte immagini paiono derivare dalla piacevolezza nordico borghese del  Biedermeier, altre  dall’Impressionismo francese. Come non  considerare gli influssi antichi e recenti,  trasmessi dalla corrente di questi Macchiaioli,  assorbiti dalla pittura locale. Ad un attento osservatore  cremasco non possono sfuggire  le analogie tra i giochi infantili, immortalati  da Silvestro Lega  e i delicati esercizi puerili delle  rappresentazioni famigliari,  dedicati da Eugenio Conti all’infanzia delle figlie. E infine le mattinate sull’Arno dipinte dal Signorini, con le loro sperdute campagne,  solcate da stradine fangose,  affiancate dall’argine, rispecchiano i nostri  sentieri melmosi, quegli argini solitari di cui ci ha lasciato memoria Federico Boriani.

WALTER VENCHIARUTTI

18 Nov 2017 in Eventi

3 commenti

Commenti

  • Grazie, Walter, per i tuoi periodici stimoli a sprovincializzarci.
    Milano è qui vicina, ma spesso siamo frenati dalla pigrizia.
    E così perdiamo delle opportunità uniche.
    Magari , un domani, CremAscolta potrà organizzare una trasferta collettiva per chi fosse interessato.
    La bellezza non salverà il mondo, ma potrà ridurne le brutture .

  • Le arti figurative sono campo di mia moglie, ma se lo suggerisce Walter ben volentieri la accompagner√≤. Grazie

  • ….si, una proposta espositiva di “facile” lettura, anche per un’utenza meno “smaliziata” che comunque avvicina alla lettura del “bello” dipinto ed invoglia a frequentare le Gallerie d’arte.
    Le “opere” possono/devono “operare” nell’attento, disponibile visitatore e farlo cos√¨ crescere nella sua sensisibilit√† ad accogliere il linguaggio visivo, poetico, che trascende, supera la mera comunicazione verbale.

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti