menu

FRANCESCO TORRISI

Limoni Limoni Limoni Limoni Limoni – Recensione

Gran bella sorpresa ieri sera al “Galilei” di Romanengo, con la splendida interpretazione di Elisa Benedetta Marinoni e Loris Fabiani, per la regia di Alessandro Tedeschi, di “Limoni …. (5 volte)! Il testo è scritto dal giovane drammaturgo britannico Sam Steiner e la versione italiana è stata prodotta da “Bottega Rosenguild” [ http://www.bottegarosenguild.it/ ]  che ha ricevuto

Gran bella sorpresa ieri sera al “Galilei” di Romanengo, con la splendida interpretazione di Elisa Benedetta Marinoni e Loris Fabiani, per la regia di Alessandro Tedeschi, diLimoni …. (5 volte)!

Il testo è scritto dal giovane drammaturgo britannico Sam Steiner e la versione italiana è stata prodotta da “Bottega Rosenguild” [ http://www.bottegarosenguild.it/ ]  che ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Romanengo.

Lo spettacolo è davvero godibilissimo, oltre che per la modernità, intelligenza, ritmo serrato del testo, anche (…. soprattutto!?) per l’ interpretazione di Benedetta e Loris, duetto perfetto quanto a capacità interpretativa e contrappunto senza una sbavatura, decisamente con professionalità “al top”, di assoluto livello! Bravi (5 volte)!

La regia, asciutta, essenziale, serrata, è stata all’altezza della bellezza del testo del quale, butto li solo uno spunto (peraltro al nocciolo della scrittura: “...cosa succederebbe se una legge riducesse il numero di parole che ognuno di noi può usare al giorno? E se fossero solo 140? “ …. intrigante no?

La scenografia …ridotta all’osso, in alleanza con le luci, a favore del “focus” sul testo, sui personaggi e sugli splendidi interpreti.

Il pubblico (“Galilei” sold out!) attento e partecipe, non ha proprio lesinato gli entusiastici applausi allo spegnersi delle luci (al “Galilei” non c’è sipario!) e Benedetta e Loris, visibilmente soddisfatti e commossi hanno addirittura improvvisato un …balletto di ringraziamento.

Questo è il “TEATRO” giovane, fresco, intelligente che ci piace! Il “GALILEI” con una collaudata tradizione in questo senso alle spalle, ha il pregio di aver “sposato” questo “Teatro”, e gliene va dato atto.

Chissà che il “SANDOMENICO”, magari conseguentemente alla avvenuta attrezzatura (bene!) della Sala “Bottesini”, oltre alla stagione ….”paludata” si avvii anche su questa strada. Realtà come la “Bottega Rosenguild” se lo meritano proprio!

Nota: la locandina dello spettacolo è stata affidata alla “nostra”giovane, bravissima, dolce artista Silvia Trappa, che è entrata in felice sintonia con la proposta

FRANCESCO TORRISI

02 Dic 2017 in Recensioni

1 commento

Commenti

  • Il San Domenico, a quanto constatato da qualche tentativo di utilizzo delle sale, ma potrei esere stato mal informato, non può permettersi cose così fresche, ha bisogno di restar paludato per il peso della spesa base. O sbaglio?
    Ciao amico, e informami quando qualcosa di realmente nuovo si muove all’orizzonte!

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti