menu

GIORGIO CARDILE

Crema, ascolta!

Dopo 5 anni di intenso lavoro e splendidi risultati, si rinnova il consiglio direttivo di Cremascolta, che saluta e ringrazia l’amico Piero Carelli per la passione e l’impegno profuso e vede l’ingresso di Renato Costantini e dei giovani Mattia Bressanelli e Giorgio Cardile. In un freddo e atipico Lunedì di Maggio, infatti, il consiglio direttivo

Dopo 5 anni di intenso lavoro e splendidi risultati, si rinnova il consiglio direttivo di Cremascolta, che saluta e ringrazia l’amico Piero Carelli per la passione e l’impegno profuso e vede l’ingresso di Renato Costantini e dei giovani Mattia Bressanelli e Giorgio Cardile.

In un freddo e atipico Lunedì di Maggio, infatti, il consiglio direttivo si è riunito per definire i nuovi incarichi sociali. Al posto di Piero, sarà Giorgio Cardile a ricoprire la carica di segretario, mentre Adriano Tango subentrerà nel ruolo di presidente a Rita Remagnino.  Confermati, invece, Francesco Torrisi, Mariangela Torrisi e Mattia Bressanelli rispettivamente nei ruoli di capo redattore, tesoriere e direttore creativo. All’ex presidente Remagnino, infine, il compito di gestire la parte e-book in qualità di editor.

Stabilite le cariche sociali, sono stati tanti i temi intorno ai quali si è soffermata l’attenzione del direttivo. Tra tutti è stata sottolineata l’importanza di continuare a lavorare sul tema dell’ambiente e del rispetto del verde pubblico e a ragionare sull’annoso problema degli stalloni, insistendo sul concorso di idee.

Relativamente al verde pubblico Francesco Torrisi ha sottolineato che gli alberi e il verde pubblico urbano costituiscono un bene collettivo la cui tutela, la corretta gestione e il loro incremento deve rientrare tra gli obiettivi privilegiati dell’Amministrazione comunale.

Per questo motivo in occasione dell’incontro con il neo assessore Gramingnoli, in qualità di coordinatore del Gruppo di interesse APAC( ambiente-patrimonio arboreo cittadino), ha ribadito l’importanza di una collaborazione che possa esplicarsi in un’azione continuativa di sostegno alle attività dell’assessorato, trovando piena apertura da parte dell’assessore.

Tra i punti emersi ne primo incontro si ribadisce la necessitĂ  di censire il patrimonio arboreo cittadino, di predisporre un Regolamento del Verde Pubblico e Privato, di verificare i Capitolati di appalto sulla manutenzione del Verde Pubblico e di individuare azioni di informazione della cittadinanza rispetto alle corrette modalitĂ  di intervento nell’ambito della manutenzione/valorizzazione del patrimonio arboreo.

Non è mancata, poi, l’occasione per ricordare quanto importante possa essere la raccolta dei tappi di sughero, sostenuta su queste pagine  da Adriano Tango. Si tratta di un piccolo gesto, che può abituare alla cultura del riciclo, tutelare un grande numero di alberi e garantire una produzione sostenibile di pannelli isolanti utilizzabili dalle ditte specializzate in edilizia ecologica.

Rispetto alla questione “stalloni”, che con cadenza regolare torna sui giornali ad infuocare il dibattito pubblico, invece, Cremascolta ribadisce la propria linea: continuare con il concorso di idee per offrire proposte e soluzioni a chi deve compiere scelte politiche e strategiche.

Insomma, tanti argomenti all’ordine del giorno e grande entusiasmo per ripartire sulla strada tracciata in questi anni: ascolto, dialogo e proposte concrete per provare, come sempre, a migliorare la qualità della vita nella nostra città.

E allora, Crema, continua ad ascoltare e a fare proposte!

 

Redazione

 

GIORGIO CARDILE

18 Mag 2018 in Editoriale

9 commenti

Commenti

  • Ho scelto di fare (come si usa oggi dire) un passo di lato per lasciare spazio ai giovani.
    Mattia e Giorgio, pur molto diversi in termini di competenze, hanno tante energie, idee nuove e una grande determinazione: non ho dubbi che saranno fondamentali per il futuro del “nostro” blog.
    Renato, poi, da sempre (prima ancora che nascesse CremAscolta) sta svolgendo un ruolo di pressing sull’Amministrazione comunale su problemi concreti, avanzando precise ipotesi di soluzione.
    Tre new entry che non potranno che dare un contributo importante alla crescita, soprattutto in termini di qualitĂ  delle proposte, del nostro piccolo, ma vivace spazio democratico (uno sazio democratico che ha un valore aggiunto rispetto alla media dei social in quanto qui ci confrontiamo con interlocutori che, su alcune tematiche, hanno una lettura del mondo molto differente).

    I miei amici co-fondatori, poi, hanno saputo costruire un team che, pur con sensibilitĂ  politiche diverse, ha condiviso una miriade di idee e di proposte che hanno poi avuto una ricaduta sul territorio (dal concorso letterario alle iniziative di carattere ambientale, dalla scuola di educazione all’economia alla rassegna di narrativa fino all’orma pronto (o quasi) concorso di idee sul futuro degli Stalloni).

    Un connubio di “energie fresche” e di “esperienza” renderĂ , di sicuro, CremAscolta uno strumento ancora piĂą importante di “democrazia”, offrendo possibilmente anche la voce a chi non ha canali per esprimerla.

    Un impegno da parte mia: pur da esterno, vi seguirò da vicino, permettendomi pure, magari, di suggerire qualche idea.
    Il mio augurio è che proseguiate le iniziative rivolte alla nostra comunitĂ : siamo nati per “costruire”, per contribuire a “risolvere problemi”, per lasciare un segno, magari piccolo, per rendere piĂą bella la cittĂ  (anche per il verde: plaudo all’iniziativa di offrire una collaborazione stretta all’assessore all’ambiente), piĂą bella anche in termini di relazioni sociali, piĂą impegnata nella lotta alla povertĂ  e nella creazione di opportunitĂ  lavorative per i giovani: non facciamo cadere la bella idea di un Festival dell’economia tutto orientato allo sviluppo del nostro territorio, come non lasciamo cadere l’idea – prima di Ivano e ora rilanciata da Adriano – di fare di Crema la capitale della cultura (la strada sarĂ  lunga e l’esito tutt’altro che scontato, ma giĂ  percorrere la strada farĂ  bene a noi e alla nostra comunitĂ ).

  • Leggo volentieri che è sempre vostra intenzione continuare con l’edizione online di pubblicazioni di autori di casa nostra.
    La felice idea di Rita e di Adriano, a mio avviso, andrebbe valorizzata al massimo: CremAscolta, oltre ad essere un luogo di “proposte” (dalla protesta alla proposta) è deve essere sempre di piĂą “un luogo di servizio”, di “condivisione”. Tante sono le persone che hanno quale sogno nel cassetto un libro d narrativa o di poesie o un saggio, un sogno che non riesce a realizzarsi in assenza di sponsor. Ecco: CremAscolta deve… ascoltare queste persone ed offrire loro la visibilitĂ  di un ebook.
    Così vale anche per lo spazio da offrire agli artisti locali che possono vedere il nostro blog come una vetrina per le loro “mostre virtuali permanenti”.
    CremAscolta è un piccolo blog, ma ha una grande potenzialità.

  • Mi permetto di fare un’aggiunta secondo me importante.
    Mi ricolgo ai tanti “lettori” che si limitano, appunto, a “leggere”: “scrivere”, misurarsi con chi la pensa diversamente, confrontarsi su argomenti, è una vera e propria scuola di formazione.
    Confesso di avere letto un sacco di libri stimolato da altri blogger.
    CremAscolta è un prezioso luogo di crescita personale se ognuno “ascolta” l’altro, “ascolta” le argomentazioni degli altri: un potente stimolo a cercare argomentazioni – se si è convinti dell’opposto – ancora piĂą solide, piĂą convincenti.

    E non solo: CremAscolta è una scuola in cui ciascuno di noi può rafforzare il suo carattere.
    E’ proprio così: riuscire ad andare oltre le eventuali offese (che possono… scappare in una piazza del tutto libera, senza censure) e condurre l’interlocutore a “ragionare pacatamente”, a confrontare argomenti senza insultare nessuno.
    Una vera e propria… palestra per il nostro carattere!
    Fuggire è una perdita per chi fugge e anche per chi continua a credere nel “dialogo” come il cuore di una “democrazia vera”.

  • Grazie Piero.
    Faccio mio il proverbiale modo di dire: TROPPA GRAZIA, SANT’ ANTONIO.

  • Custodiremo queste tue “parole d’amore” per la creatura di tua ideazione che ci hai affidato. Come quando mi coinvolgesti ho posto mille obiezioni sull’opportunitĂ  di un mio ruolo attivo, così ho provato a fare per l’attuale posizione propostami, ma proprio dai giovani è venuto il desiderio di un accompagnamento di percorso. E allora cercherò di essere piĂą giovane possibile anche io. Ma tu Fratello maggiore non pensare di squagliartela: ti riacciufferemmo presto, perchĂ© lo spirito di inventiva e rinnovamento vive giovane e permanente proprio in te.

  • Non me la squaglio: ve l’ho promesso.
    Non è un caso che ogni giorno cerco di dare il mio contributo misurandomi (che grande scuola!) con gli altri blogger: non immaginate quanto mi “ha dato” in termini di stimoli CremAscolta (magari, in cinque anni, qualche stimolo spero l’abbia dato anch’io agli altri).

    Si cresce insieme, grazie al dialogo: chi ascolta solo se stesso (o solo le opinioni del suo mondo) perde qualcosa di preziosissimo.

  • trovo il dibattito per lo piĂą interessante

  • Occasione di confronto e fonte di informazioni,ho trovato molto
    coinvolgenti le lezioni di economia…
    Buona continuazione.

  • il dibattito è per lo piĂą interessante

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti