menu

FRANCESCO TORRISI

Mettiamola in versi, almeno!

Mi piace davvero questa sintonia al limite della telepatia con il mio fratello/Presidente Adriano: mi sono messo al pc mosso dallo stimolo…. dai, usciamo da questa cappa opprimente da Covid-19, parliamo d’altro, ed ecco che me lo ritrovo già titolato sul blog! E allora? Allora per la legge del “contrabbasso” (si sente è, che per

Mi piace davvero questa sintonia al limite della telepatia con il mio fratello/Presidente Adriano: mi sono messo al pc mosso dallo stimolo…. dai, usciamo da questa cappa opprimente da Covid-19, parliamo d’altro, ed ecco che me lo ritrovo già titolato sul blog!

E allora?

Allora per la legge del “contrabbasso” (si sente è, che per 10 anni ho diretto la Scuola Internazionale di Liuteria A.Stradivari a CR è?!?) pubblico di seguito l’”augurio scaramantico” in rima ed in vernacolo, dal nuovo amico Valeriano:

 

AL MÓRBE CON LA CURÙNA

(Corona virus)

 

L’è rüàt, par da la Cìna

i la purtàt ’na persùna

al sumèa ’na balìna

con an cràpa la curùna

 

An dal gir da na quài dé

da pèr töt ’l sa spantegàt

se al sa tàca póre tè

ta finéset lunch tiràt

 

Se ta óret mìa ciapàl

e schià ’l paltò da lègn

ghè pròpe mìa da fà ’l gàl

ma con la crus, fàs an bèl sègn

 

Se amò ’n pó ta ót campà

e ta và da stà amò ché

’ncrùsa i dic da le dó mà

e pò chèi da i tò dù pé

 

E per mìa fàs truà

sèra sö ànte e cancèl

stòpa apò al cül dal cà

con cadenàs e batadèl.

 

Che non so come la prenerà il suo cane di casa!

Io ho due gatti …..

FRANCESCO TORRISI

04 Apr 2020 in Attualità

23 commenti

Commenti

  • Maestro la musichiamo? Corona Crema sound!

  • E se proprio la scaramanzia non funziona consoliamoci con questa poesia di Totò.
    A LIVELLA
    Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
    Per i defunti andare al Cimitero.
    Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
    Ognuno adda tené chistu penziero.
    Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
    Di questa triste e mesta ricorrenza,
    Anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
    Il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.
    St’anno m’é capitato ‘navventura…
    Dopo di aver compiuto il triste omaggio.
    Madonna! si ce penzo, e che paura!,
    Ma po’ facette un’anema e curaggio.
    ‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
    S’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
    Io, tomo tomo, stavo per uscire
    Buttando un occhio a qualche sepoltura.
    “Qui dorme in pace il nobile marchese
    Signore di Rovigo e di Belluno
    Ardimentoso eroe di mille imprese
    Morto l’11 maggio del’31”
    ‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
    …sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
    Tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
    Cannele, cannelotte e sei lumine.
    Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
    Nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
    Abbandunata, senza manco un fiore;
    Pe’ segno, sulamente ‘na crucella.
    E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
    “Esposito Gennaro – netturbino”:
    Guardannola, che ppena me faceva
    Stu muorto senza manco nu lumino!
    Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
    Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
    Stu povero maronna s’aspettava
    Ca pur all’atu munno era pezzente?
    Mentre fantasticavo stu penziero,
    S’era ggià fatta quase mezanotte,
    E i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
    Muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.
    Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
    Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
    Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
    Stongo scetato… dormo, o è fantasia?
    Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
    C’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
    Chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
    Tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.
    E chillo certamente è don Gennaro…
    ‘Omuorto puveriello…’o scupatore.
    ‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
    So’ muorte e se ritirano a chest’ora?
    Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
    Quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
    S’avota e tomo tomo.calmo calmo,
    Dicette a don Gennaro:”Giovanotto!
    Da Voi vorrei saper, vile carogna,
    Con quale ardire e come avete osato
    Di farvi seppellir, per mia vergogna,
    Accanto a me che sono blasonato!
    La casta è casta e va, si, rispettata,
    Ma Voi perdeste il senso e la misura;
    La Vostra salma andava, si, inumata;
    Ma seppellita nella spazzatura!
    Ancora oltre sopportar non posso
    La Vostra vicinanza puzzolente,
    Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
    Tra i vostri pari, tra la vostra gente”
    “Signor Marchese, nun è colpa mia,
    I’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
    Mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
    I’ che putevo fa’ si ero muorto?
    Si fosse vivo ve farrei cuntento,
    Pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
    E proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
    Mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.
    “E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
    Che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
    Se io non fossi stato un titolato
    Avrei già dato piglio alla violenza!”
    “Famme vedé.-piglia sta violenza…
    ‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
    ‘E te senti; e si perdo ‘a pacienza,
    Mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…
    Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
    Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
    …Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
    Ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.
    “Lurido porco!…Come ti permetti
    Paragonarti a me ch’ebbi natali
    Illustri, nobilissimi e perfetti,
    Da fare invidia a Principi Reali?”.
    “Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
    T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
    Che staje malato ancora è fantasia?…
    ‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.
    ‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
    Trasenno stu canciello ha fatt’o punto
    C’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
    Tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?
    Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
    Suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
    Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
    Nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

  • Sempre bella,ma mica in tema vero? Scaramanzia l’hai detto!

  • Che bello il dialetto cremasco!! Nel lodigiano, dove ho lavorato negli ultimi anni, mi chiedevano, a volte di parlare in cremasco, e loro, che hanno un dialetto meno grasso del nostro, imparentato col milanese, si divertivano con nualtre de Crema…..(a Bagnòl i dis: nòtre).

  • Psicologo di professione, naturalista e storico di passione e… poeta: quale virtù ti manca, Valeriano?
    Il tuo dialetto ha un sapore autoctono.
    Grazie per il dono.

  • Vedo in questa parte del blog, Francesco, il tuo post sul “metterla in versi”. Dopo una decina di giorni di assenza, mi piacerebbe seguire il tuo invito. Sono tutt’altro che un verseggiatore ma ho apprezzato le pregevoli composizioni apparse su CremAscolta, oggi e in passato, in lingua madre o in vernacolo (e anche certi altri satirici motteggi). Stiamo vivendo momenti drammatici e pericolosi e molti di noi hanno già perso parenti, amici, conoscenti. Tuttavia, anche se restiamo molto preoccupati per la nostra salute, la nostra vita e la nostra famiglia, forse provare a “metterla in versi” potrebbe essere un modo, come dici tu, per non perdere di vista la gravità della situazione ma per commentarla in modo un po’ diverso. “Parlare d’altro”, come suggerisce il Presidente nell’altro post, forse è ancora abbastanza difficile, anche se probabilmente dovremmo cominciare a provarci. Per adesso, si può provare a “parlarne diversamente”, appunto “in versi”. Ovviamente, se qualche mia scherzosa improvvisazione, senz’arte né pretesa, dovesse risultare inopportuna o molesta, togli pure, senza alcun preavviso al sottoscritto, il testo ritenuto inappropriato. Bene, cominciamo.

    • Caro Pietro, Valeriano è un giocoso fratello anche per me, e mi piace ascoltar versi, sentir pizzzicare le corde nella profondità dei meandri che Valeriano conosce e io immagino solo, ma, sarà lo spirito adolescenziale dei miei settanta, ma, in onore di quegli amici morti, ora sento salire il turbine del voler fare, e vorrei dei compagni di avventura. E come fu per i Greci, che alla lotta ben alternavano il canto dei poeti, non intendo con ciò minimamente sminuire il senso della comunicazione più sottile e imperiosa, quella che sotto glii occhi e l’udito di tuttti funziona come un linguaggio in codice: parole, con un senso per adepti.

  • 1

    Tutti a casa, nessuno vada fuori!
    Resta in casa, perché altrimenti muori
    per il virus, oppure vai intubato
    chissà dove, se sei più fortunato.
    Resta in casa, rinchiuso per dei mesi
    e stai certo che i giorni da te spesi
    dentro casa ti renderan più saggio,
    anche se un po’ ingrassato. Un gran vantaggio
    hanno quelli che possono, ogni volta
    che ne han voglia, mandare a CremAscolta
    commenti sopra questo e sopra quello,
    ingannando la noia. Quant’è bello
    navigare, cliccare e commentare
    qualcosa, tra la siesta e il desinare!
    Ovviamente, non è che tutto brilli
    su quel blog. Qualcuno ha strani grilli
    tra la testa e la penna. Ma va bene
    ugualmente, perché quel che conviene
    è scribacchiar qualcosa, finché dura
    questo lungo periodo di clausura.
    Quattro passi in cortile o intorno ai muri
    dei palazzi d’intorno, gli insicuri
    percorsi con l’autodichiarazione
    tentati fuori porta, l’impressione
    d’avere solo il nulla tutto attorno,
    di esser diventato un perdigiorno:
    che noia, che tristezza, che menata!
    Per fortuna che almeno l’hai scampata
    fino ad ora. Ricorda che alla guerra
    andavano i tuoi avi e sottoterra
    finivano distesi. Tu, al contrario,
    te ne vai solamente, a un certo orario,
    disteso con un libro sul divano.
    Ogni lamento è quindi stolto e vano.
    Intanto fuori la campagna tutta
    fiorisce e in ogni campo spinge e butta
    tutto il verde che può, perché il contagio
    tocca solo gli umani. Ed un randagio
    desiderio di prati, rogge e piste
    tra i campi fa il confino ancor più triste.
    Ma adesso ritorniamo a curiosare
    su CremAscolta, dove sembra andare
    alla grande del virus l’argomento,
    come è logico sia, visto il momento.

    • Resto ammirato dall’estemporaneità e classe! Grazie, ora ci serve un musicista che scriva l’inno di Cremascolta! Franco tu non…

  • 2

    Quali sono sul blog le cose viste?
    Leggiamone qualcuna. C’è chi insiste
    nel dire che l’Europa è ormai finita.
    La via, la verità e pure la vita
    è la Cina di oggi: il suo modello,
    senza dubbio, è il migliore ed il più bello.
    Però potrebbe esserci di meglio:
    c’è la Russia, che può darci il risveglio
    dal nostro Kali-Yuga. L’Occidente
    è ormai morto e sepolto ma l’Oriente
    è più vivo che mai, per cui non resta
    che diventare tutti, con gran festa
    di popolo plaudente, gli inquilini
    dell’Eurasia futura, i cittadini
    d’un paese di gran democrazia,
    ricchezza e libertà. La pandemia
    lì non gira e la gente è più contenta
    e felice che mai. Nessuno tenta
    di scappare lontano o ribellarsi.
    Lì nessuno ha mai dubbi sul da farsi.
    D’altra parte, l’Europa e l’Occidente
    hanno proprio deluso, di recente.
    Non abbiam più la forza e i tommasei
    degli antichi antenati indoeuropei.
    Avrà dunque ragione chi prevede,
    come a volte s’è letto in questa sede,
    che in futuro saremo governati
    dai cinesi o dai russi comperati?
    Mangeremo serpenti e pipistrelli
    giunta Pasqua, invece degli agnelli?
    Lo vedremo. Non tutto sta già scritto
    nel libro della Storia. A buon diritto,
    si dice di non vendere la pelle
    dell’orso ancora vivo. Tra le stelle
    dell’Europa ce n’è qualcuna in meno,
    altre sono di troppo. Adesso, almeno,
    è il momento di scegliere se stare
    solo uniti per finta o diventare
    tutti uniti sul serio e per davvero.
    Altrimenti c’è solo il cimitero.

    • Sono ammirato e sbalordito dalla tua fluente inventiva Pietro.
      Certo sei facilitato dal possedere grande cultura associata ad una competenza lessicale davvero fuori misura!
      Davvero godibilissimo, grazie per la tua …..leggerezza!

  • 3

    C’è chi ha fede nel Papa e sempre spera
    che Francesco ci salvi dalla nera
    disgrazia del contagio e caracolli
    nuovamente per Roma e che non molli
    con le preci: la santa piazza è vuota
    ma speriam che lassù qualcun si scuota
    dalla sua pennichella, dopo tante
    preghiere andate a vuoto e croci sante
    e sindoni e madonne immacolate
    che però sembran poco interessate.
    Già qualcuno comincia a sussurrare
    che il Santo Padre, nel comunicare
    coi piani alti, stenti a interloquire
    perché c’è un concorrente che ha l’ardire
    di porsi al posto suo tra terra e cielo
    come santo demiurgo, con un pelo
    sullo stomaco senza precedenti.
    È lui, che mette i morti sull’attenti
    dalla D’Urso, così che dian manforte
    alle sue invocazioni: anche le porte
    dell’aldilà si schiudono al comando
    del novello messia, che rosariando
    e giaculatoriando è il consacrato
    salvatore del popolo, il crociato
    della fede mandato a governare
    il paese, sul trono e sull’altare.
    È divino ed è sacro il suo mandato!
    Ed infatti, col cuore immacolato
    di Maria lui mantiene uno speciale,
    esclusivo rapporto personale,
    grazie al quale possiamo spalancare
    ogni chiesa: c’è lui a tutelare
    i fedeli dal morbo, a garantire
    protezione celeste, a convertire
    tutti coi suoi sermoni. Il Papa vero
    non è Francesco. È questo il veritiero.

    • Mah, Pietro per me più che papa ha del ….. pappa!

  • Una scoperta di una valenza non certo dovuta al virus! Quanto c’è di buono nelle nostre menti! Ma Pietro, ti uso come pietra di paragone ponendoci in minus, intendiamoci!

  • 4
    Si combatte sui media la battaglia
    tra chi crede al contagio e chi si scaglia
    invece contro gli organi ufficiali,
    negando che quei rischi sian reali.
    C’è chi crede che sia tutto un complotto,
    perché morti e ammalati, sotto sotto,
    son gli stessi di sempre e che si tratti
    di normale influenza. A conti fatti,
    questo virus è solo una gran scusa
    del Potere economico, che usa
    il terrore del morbo senza cura
    per imporre un’infame dittatura.
    Morti, contagi e terapie intensive
    sono solo manovre diversive
    di Big Pharma, che poi, a lungo andare,
    riuscirà tutti quanti a vaccinare.
    Il morbo è un falso, è saggio chi l’ignora:
    lo dice su ByoBlu pure Messora.
    Di certo va lodata la costanza
    di chi mostra notizie in abbondanza
    per dirci che noi siamo tutti matti
    a credere nel morbo e che si tratti
    soltanto di psicosi collettiva.
    Di continuo, dai loro link arriva
    la notizia che il morbo sia invenzione
    per fare d’ogni uomo un pecorone.
    Chissà. Vedremo. Solo il risultato
    ci dirà chi ha ragione e chi ha sbagliato.
    Ai posteri lasciam l’ardua sentenza,
    s’abbian ragione loro oppur la scienza.
    Ma allora, col vaccino, cosa fare
    se l’avremo? Potremmo vaccinare
    tutti: uomini, donne, gatti e cani
    ma escludendo i no-vax ed i vegani.
    Così saremmo tutti un gran contenti:
    loro non vaccinati, noi viventi.
    Comunque, sia apprezzata la coerenza
    di chi dice una cosa e, a differenza
    di altri, poi la fa. Infatti adesso,
    col morbo che fa strage, molto spesso,
    gli omeopatici se la fanno addosso,
    gli ayurvedici fanno il saltafosso
    e persino i no-vax stanno a pregare
    di potersi al più presto vaccinare,
    mollando il Tao, il Qi Gong, le tisane,
    il Neijing, le campane tibetane,
    che col virus non servono a una mazza,
    perché solo il vaccino farà piazza
    pulita del contagio. Dunque sia
    elogiato chi manterrà la Via
    ed il Prana, negandosi al vaccino.
    Auguri (ma non troppo da vicino).
    Forse proprio il vaccino spiega tutto:
    se virus non è in fondo così brutto,
    il vaccino non serve. E questo è quanto,
    senza ancora dover discuter tanto.

    • Detto fatto promosso sul campo “blog-rapper” ufficiale di CremAscolta!!!

  • 5
    Continuiamo sul blog a curiosare,
    profittando del tempo da passare.
    C’è il borghese che teme si rivolti
    il popolo in miseria e che, sconvolti
    da questa povertà, dei disperati
    possan compiere i gesti più insensati.
    Oltretutto, con questi Cinquestelle
    al governo, le scelte saran quelle
    volute da estremisti e da Sardine:
    gogne, forche, capestri e ghigliottine.
    C’è aria di sommossa: il malcontento
    già esisteva tra chi campava a stento
    ma col virus la vita è ancor più dura
    e il borghese ha sempre più paura
    che gli taglino ancora la pensione,
    che rimettan di nuovo lo scaglione
    del settanta per cento e che, al finale,
    lo si trombi con la patrimoniale.
    Ma si tratta, sul blog, di un’eccezione.
    Tutti gli altri dan sempre attestazione
    d’altruismo e d’amore eccezionale
    verso il prossimo e verso chi sta male.
    Pare strano che un blog così corretto
    lasci spazio a un borghese così gretto,
    che all’amore del prossimo ed al bene
    collettivo del popolo ritiene
    d’anteporre il vantaggio personale
    del proprio tornaconto materiale.
    Proprio adesso che il virus fa più male
    sia ciascuno più equo e solidale.
    Che il contagio convinca il ricco abbiente
    a donare al povero indigente.
    Ogni lucro che sia particolare
    si condanni con forza, per pregare
    con Francesco che questo grande male
    del denaro non guasti la morale.
    Dove regna il profitto e il capitale
    non esiste l’amore universale.
    Finché un solo borghese sarà vivo
    l’universo sarà sempre cattivo.
    Possa il mondo mondarsi dai borghesi
    ritrovando lo Spirito e l’ascesi.
    Possan tutti tornare ai tempi santi
    quando a Dio si volgevano gli oranti,
    mentre oggi a Mammona son rivolti,
    dallo sterco del Diavolo travolti.
    Sia bruciato ogni uomo di bottega,
    come un tempo, sul rogo della strega.
    E dal blog sia bandito ogni borghese,
    con le sue borghesissime pretese.

  • Pietro il grande. Bravissimo.

  • 6
    C’è chi dice che il virus stia spegnendo
    la libertà nel mondo, riducendo
    l’umanità a una massa di belanti
    e stupidi animali, come i tanti
    che oggi stanno in casa. Lui sostiene
    che siamo tutti pecore e ritiene
    sia meglio esser leoni coraggiosi
    (e intubati) che gregge di paurosi.
    Come pecore tutti finiremo,
    tosati e macellati. Il mondo è scemo
    perché crede che il danno principale
    sia morire col virus, mentre un male
    ben maggiore sarà il liberticida
    regime autoritario, l’omicida
    sistema di governo che da questo
    contagio si svilupperà funesto.
    Per fortuna che siamo migliorati,
    in poco più di un anno. Da appestati
    che eravamo, siam diventati ovini.
    Da untori siam promossi a burattini.
    Sarà vero che siamo pecoroni?
    Siamo tutti così dei gran minchioni?
    Avrà torto o ragione il nostro autore?
    Di sicuro sarebbe un gran dolore
    ammettere che presto tutti quanti
    saremo solo automi replicanti
    di un’unica entità prestabilita
    che ha già deciso della nostra vita.
    Vedremo. Per adesso meditiamo
    su quanto, del contagio, già sappiamo:
    “immunità di gregge” vuole dire
    il prezzo da pagare per guarire?
    Ma allora, a conti fatti, cosa fare?
    Se il virus è una scusa, tutti al mare.
    Ma attenzione: qui non si vuol dire
    che il virus sia una scusa ed asserire
    che il contagio sia falso e via dicendo.
    Qui i vaccini non stiam maledicendo.
    Non si nega la gravità dei fatti,
    leggendo attentamente. Non son matti
    quelli che contan morti ed intubati
    ogni giorno tra amici e apparentati.
    Qui si dice soltanto che siam gregge
    obbedendo ai decreti ed alla legge.
    Per cui, se veramente il rischio è forte
    (e si tratta del rischio della morte),
    che fare per non esser degli ovini?
    Uscire e starnutire sui vicini?
    Oppure andare in giro a dritta e a manca
    tossendo in ogni ufficio, in ogni banca,
    nei negozi, sui mezzi e pure in chiesa?
    È da pecore starsene in attesa
    dentro casa, se fuori il morbo ammazza?
    Da leoni è l’andarsene giù in piazza
    e beccarsi un contagio che t’uccide?
    Quando mai, tra chi ha un cerebro, si vide
    qualcuno alla ricerca del piacere
    di lasciarci le penne e anche il sedere?
    Temo dunque che forse qui il concetto
    di pecora non sia proprio perfetto.
    E che quello, al contrario, di leone
    assomigli al concetto di …………

    • Complimenti, Pietro, la filastrocca è assai bella, una cantata che trova l’ironia giusta e necessaria.

  • 10
    Su CremAscolta ai tempi del contagio
    molto resta da dire. Ma il disagio
    nel toccar certi aspetti fa esitare
    a procedere oltre, a pubblicare
    pasquinate ulteriori. E poi, già siamo
    dentro il clima pasquale ed il richiamo
    di pace e di bontà di questa festa
    fa togliere ogni lancia dalla resta.
    Rami d’ulivo e candide colombe
    ispirino noi tutti. Già le tombe
    di tanti e troppi amici e conoscenti,
    di colleghi, di affini e di parenti
    si son chiuse in un tempo troppo breve
    intorno a noi. La terra gli sia lieve.
    Ed a noi sian leggeri questi giorni,
    evitando rancori, risse e scorni.
    Torniamo a navigare volentieri
    su CremAscolta, ancora più di ieri,
    dovendo rimanere in gran clausura,
    rinchiusi dentro queste quattro mura.
    Grazie a tutti gli amici che ci danno
    l’occasione di limitar l’affanno
    del confino forzato: da lontano,
    grazie a Piero, Francesco ed Adriano,
    a Rita e a tutto l’ittico suo gotha,
    ai blogger d’esistenza certa e nota,
    a quelli che chissà, poi a chi cura
    il blog tecnicamente, anche all’oscura
    ma preziosa funzione di chi mette
    i soldi per tirare al ventisette.
    Grazie, insomma, a tutta quella gente
    che qui su CremAscolta ci consente
    di sfogare, in qualche modo, i vari
    pensieri più bizzarri o più ordinari,
    con commenti non sempre decorosi,
    a volte errati, talvolta anche noiosi.
    Evviva questo blog che tanto abbiamo
    imparato ad amare e che vogliamo
    ringraziare per tutto quanto ha fatto
    durante il domicilio più coatto.
    Verrà il tempo in cui saran riprese
    le belle iniziative oggi sospese.
    Ci contiamo, di questo siam sicuri.
    Intanto, occhio al virus. Tanti auguri!

  • Pietro, mi par divederti, novello Mimmo Cuticchio a de/cantare in rima le gesta dei tuoi pupi/paladini!!!! Na goduria !!!!

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti