menu

ADRIANO TANGO

Una ragazza da fine del mondo!

Più volte mi sono chiesto se valga la pena insistere con temi scientifici, poi Silvestro mi passa questo, e scopro che c’è almeno una giovane donna di scienza che è anche grande comunicatrice, visto che Katie Mack su Twitter, o meglio il suo account @AstroKatie ha oltre 350.000 follower! E allora caro Silvestro, a noi

Più volte mi sono chiesto se valga la pena insistere con temi scientifici, poi Silvestro mi passa questo, e scopro che c’è almeno una giovane donna di scienza che è anche grande comunicatrice, visto che Katie Mack su Twitter, o meglio il suo account @AstroKatie ha oltre 350.000 follower! E allora caro Silvestro, a noi ne basterebbe un centinaio dei 1500 iscritti al blog, vero? Ma attualmente è anche docente presso la North Carolina State University. E allora rimesse tutte le F e carattere successivo, qualunque esso sia, che il sistema cancella quando passo in word i temi di Silvestro, vedrò di ridurre l’articolo, un’intervista per l’uscita del suo libro A Brief History of Time, e proporvelo.
Ma le lettere F dove finiranno mai? Misteri dell’universo: buchi neri alfabetici?
Procediamo con Katie:

“La distruzione dell’intero universo: non c’è niente di più grande e drammatico di così”, ha detto…
Katie iniziava gli studi universitari al California Institute of Technology, i cosmologi stavano elaborando la scoperta del 1998 che un’entità misteriosa chiamata “energia oscura” stava allontanando le galassie l’una dall’altra… poi i primi risultati della Wilkinson Microwave Anisotropy Probe (WMAP) sono usciti, fornendo “la nostra prima contabilità davvero dettagliata dei contenuti dell’universo… ed era estremamente eccitante… Perché è importante studiare l’universo, anche in un momento in cui ci sono problemi più urgenti che richiedono l’attenzione degli scienziati? … So che ci sono molti fisici che provano a fare una sorta di modellizzazione della malattia.., Ma in termini di “perché pensare all’universo quando il mondo è difficile e le cose stanno accadendo?” – Beh, perché l’arte, perché la musica? Perché la letteratura? Fa parte della condizione umana… La distruzione dell’intero universo: non c’è niente di più grande e drammatico di così. Mi piacciono quelle grandi domande.
Hawking… L’ho incontrato, in realtà; Probabilmente avevo 15 anni. Hawking stava tenendo un discorso a Caltech… Mentre stavamo lasciando l’aula, in qualche modo siamo finiti nella stessa direzione di Hawking. Quindi ci siamo imbattuti in lui mentre camminavamo verso la macchina. Ed ero troppo timida per dire qualcosa. Ma il mio amico gli si avvicinò e gli disse: “Il mio amico vorrebbe dirti qualcosa”. E così sono andata e ho detto qualcosa del tipo: “Ammiro davvero il tuo lavoro”. E disse: “Grazie mille.”
Alla domanda “se sente la responsabilità di fare divulgazione scientifica risponde: “Sono profondamente consapevole della responsabilità che deriva dall’avere una piattaforma, avere una voce e quindi avere un’influenza sulle persone. E più visibilità hai, maggiore è la responsabilità che devi garantire che ciò che stai dicendo sia responsabile e non dannoso in alcun modo… E alcune persone mi hanno detto che vedere una giovane donna in questo campo ha dato loro la fiducia, in quanto donne, di avvicinarsi da sole. L’ho sentito da alcune giovani donne al liceo o al college.”
Risponde quindi alle domande precise sull’Universo: “Per molti anni, se prendessi un libro di cosmologia, elencherebbe tre possibili destini: che potrebbe espandersi per sempre; che potrebbe crollare in una “grande crisi”; o, in una specie di caso limite, che potrebbe espandersi per sempre ma a malapena. Queste sono le tre possibilità che hanno senso in un universo senza una costante cosmologica o senza energia oscura. Ma quello che abbiamo imparato alla fine degli anni ’90 è che c’è qualcosa che sta causando un’accelerazione dell’espansione. Quindi è molto difficile vedere come potrebbe accadere una grande crisi. È qui che entra in gioco l’idea della “morte termica” dell’universo. La morte per calore dell’universo è lo stato finale di un universo che è governato da un’espansione accelerata per sempre. Ogni sistema gravitazionalmente legato – galassie, ammassi di galassie – viene sempre più isolato, l’uno dall’altro.
E poi ognuno finisce da solo, e tutto il resto viene portato sempre più lontano in modo da perdere il contatto. Non saremo in grado di vedere altre galassie a un certo punto… alla fine la formazione stellare si interrompe, perché non è stato introdotto alcun nuovo materiale… Molte cose cadono nei buchi neri, quindi i buchi neri evaporano. Decadimento delle particelle. E se lo lasci da solo abbastanza a lungo, alla fine otterrai un universo in cui l’unica cosa che rimane sono alcune strane particelle e alcune radiazioni.
Dal punto di vista della fisica, se si definisce la freccia del tempo come la direzione della crescente entropia, una volta raggiunta la morte per calore, la freccia del tempo cessa di esistere. E se non c’è la freccia del tempo, non so più quale sia il punto del tempo. Altri destini sono possibili come il “grande strappo”.
Se hai una specie di energia oscura in cui la densità di energia non è costante… l’energia oscura inizierà a sopraffare il legame gravitazionale di ogni galassia. E l’energia oscura in questa stanza inizierà a schiacciare il legame delle cose in questa stanza. Inizia a separare le cose che altrimenti non dovrebbero essere influenzate dall’espansione dello spazio. Quindi lo spazio stesso viene distrutto, in sostanza.
[Ma] il decadimento del vuoto è forse ancora più terrificante. Il decadimento del vuoto è l’idea che l’universo in cui viviamo non sia completamente stabile. Sappiamo che quando è iniziato l’universo, era in questo stato molto caldo e denso. E sappiamo che le leggi della fisica cambiano con la temperatura ambiente, l’energia ambientale. Lo vediamo nei collettori di particelle. Vediamo che se hai una collisione di energie abbastanza alte, allora le leggi della fisica sono un po’ diverse. E così, nell’universo primordiale – i primi pochi microsecondi o qualunque cosa fosse – ha attraversato una serie di transizioni. E dopo una di quelle transizioni, siamo finiti in un universo che ha – che ha l’elettromagnetismo e la debole forza nucleare, la forte forza nucleare e la gravità. Ha creato le leggi della fisica che vediamo oggi. E se questo è vero, allora alcuni disturbi del nostro universo attuale potrebbero finire per dare una spinta alle leggi della natura in uno stato diverso in cui le leggi della fisica sono diverse, con differenti particelle e campi fondamentali. Se ciò accade, nel punto nello spazio in cui si verifica, si forma una bolla di questo “vero” vuoto, questo altro stato di vuoto dell’universo, che si sta formando. E quella bolla si espanderebbe alla velocità della luce in tutto l’universo e distruggerebbe tutto ciò che incontra. I fisici prendono l’idea del decadimento del vuoto più seriamente o meno seriamente del grande strappo… perché non viola alcun principio fondamentale che conosciamo. Tuttavia, direi che la maggior parte dei fisici, sebbene lo prendiamo molto sul serio, per lo più non credono che accadrà… È indolore; non lo vedi arrivare. Non ti accorgi quando succede. Non puoi vederlo E poi non esisti più. È una cosa enorme con cui ho lottato nel corso della stesura di questo libro e non credo di essere giunta a una conclusione solida. È diverso da una morte personale, perché le persone pensano alla propria morte e pensano, beh, vivrò in qualche modo attraverso i miei figli o le mie grandi opere, o solo l’impatto che ho avuto sulle persone intorno a me. Ci sarà un po’ di eredità nella mia esistenza in qualche modo. Ma se sta finendo l’intero cosmo, non è più vero. E non credo che abbiamo gli strumenti emotivi o filosofici per affrontarlo.”

Ma in una sezione fuori campo dell’intervista Kate si definiva un’ottimista, una persona per niente cupa.
Sarebbe bello averla qui, e chiederle, ma tutto ciò quando dovrebbe succedere? Ben oltre la vita della nostra specie, figuriamoci la nostra personale, tranquilli! Tuttavia quel che ci interessa è che questi temi possono affascinare oltre 350.000 seguaci, quindi tributiamo un po’ di sforzo personale alla metabolizzazione di questi concetti, non ci fate fare brutta figura con gli Americani!

ADRIANO TANGO

03 Lug 2020 in Senza categoria

2 commenti

Commenti

  • Sono sempre stato affascinato, Adriano, da questi temi che sono tra lo scientifico e il filosofico. Certo, sono molto sofisticati anche se sono spesso presentati, come in questo caso, da divulgatori. Lo stesso Hawking, che si è preso del tempo per pubblicare testi divulgativi, non sempre ci riusciva: pensiamo al concetto di “tempo”, un concetto che, mutatis mutandis, era misterioso anche per S. Agostino.

    • Grazie. la scienza, momento di comnoscenza, è la calce e mattoni della coscienza del”universo, una filosofia che può contare su strumenti mai prima disponibili. Non peerdiamo l’occasione per crescere nel vero senso della nostra esistenza!

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti