menu

ADRIANO TANGO

PIL e coronavirus

A prima vista il nesso appare chiaro, nel senso di un’azione deprimente sul PIL della malattia. Ma è ancora possibile che non riusciamo a vedere la situazione rovesciata, come la scalata al PIL sia fondamento della gravità stessa di quanto sta accadendo? Non abbiamo capito proprio niente, e le elezioni statunitensi ancora in bilico lo

A prima vista il nesso appare chiaro, nel senso di un’azione deprimente sul PIL della malattia. Ma è ancora possibile che non riusciamo a vedere la situazione rovesciata, come la scalata al PIL sia fondamento della gravità stessa di quanto sta accadendo?
Non abbiamo capito proprio niente, e le elezioni statunitensi ancora in bilico lo dimostrano.
Già, perché la confederazione, con un PIL ultimo di oltre ventimila miliardi di dollari, è inerme contro la falcidie, mentre il vecchio nemico, il Vietnam, con un PIL di 262 miliardi, il 4% pro capite degli statunitensi, ancora una volta ne esce con una scrollatina di polvere dalle spalle: 35 decessi.
Ma gli Statunitensi si son sempre vantati di aver studiato il turnover perfetto dell’occupazione dei letti ospedalieri, messi in condizione di non raffreddarsi mai, con un indice di 2,8 letti per mille abitanti, e sappiamo bene come li abbiamo scimmiottati, assimilando il sistema DRG (diagnosis-related group) fino all’attuale incapacità di far muro, a nostra volta. Per fortuna ci ha differenziato l’energica reazione iniziale, in cui la paura ci ha fatto ragionare, imitando così il modello cinese, ma il vantaggio immediato è stato dissipato.
Cosa vuol dire in generale questo discorso? Semplicemente che un sistema che punta tutto sulla propria velocità è perdente, che l’asserzione di Robert Kennedy “Il PIL misura tutto, eccetto quello che rende la vita degna di esser vissuta” non è una provocazione, ma la pura realtà. Già, e inoltre, se anche decidessimo di sacrificare la nostra generazione in nome del profitto, sperando che maggior ricchezza significhi in futuro capacità di fronteggiare i rischi, la macchina sarebbe destinata comunque a deragliare, o meglio a consumare tutta l’energia fino a soffocare dentro i propri fumi.
L’inciampo può essere una pandemia come una bolla speculativa, l’effetto è comunque magnificato dall’investimento in forza motrice anziché in sicurezza di guida.
Ce ne parla su “le scienze” del mese l’exconomista premio Nobel Joseph E. Stiglitz.
Storia travagliata la sua, come quella di tanti profeti, con vicende oscillanti fra la comprensione e il boicottaggio più acerrimo da parte dei poteri forti.
Fra i suoi sostenitori possiamo citare Sarcosy, e il ministro delle finanze Grant Robertson, gente che ha spinto verso misuratori d benessere e di rispetto ambientale come fattori di successo nella crescita economica stessa, ma alla somma dei fatti viviamo ancora, a un passo dal baratro, nell’illusione della deregolamentazione.
Non serve che aggiunga altro, i fatti parlano da soli.
Beh, ma se non siete concordi spero almeno vi sia piaciuto il mio fotomontaggio.

ADRIANO TANGO

04 Nov 2020 in Economia

4 commenti

Commenti

  • Ma, Adriano, a dire il vero il tuo “fotomontaggio”, così come lo hai chiamato, mi è risultato da un lato provocatoriamente suggestivo (le due icone/pesi ai due lati dell'”altalena a bilancia”), e dall’altro terribilmente tragico: la bilancia, sotto i due enormi pesi, si è “snervata”, piegandosi fino a provocare una staticità bloccata che non da speranza alcuna di recupero!
    Personalmente sposo convintamente le parole di Bob K (ricordo: candidato alla presidenza USA assassinato nel Giu ’68 dopo aver vinto le primarie democratiche) e ….sto elaborando, non senza grosse difficoltà, (rendendomi conto di non disporre dell’…….”attrezzatura necessaria”) la nuova terribile esperienza alla quale sono/siamo costretti dalla potente ripresa pandemia in atto.
    L’unica certezza che sento di possedere è quella di non essere nemmeno sfiorato dalla tentazione negazionista!
    Stolta soluzione, a portata della diffusa becera ignoranza (artatamente diffusa a piene mani), che ci ha portato allo stato nel quale siamo piombati dopo un’estate caratterizzata dalla più ibecille gaglioffaggine.
    Tristemente, pessimisticamente incazzato ……

    • Il PIL, come il DRG in medicina, può servire a prender le misure a investimenti finanziari e simili, una misura del fare produttivo, ma anche ai bambini si insegna che fare per fare, si rischia di far del male. Le pompe funebri .alzano il PIL, le spese sanitarie idem, e un’altra certezza è che prevenire è meno costoso che curare.
      Il paradosso è che ciò vale per l’economia stessa: un”economia che non tien conto di risorse e ambiebìnte è una pianta autofaga che si mangia le radici. Ma su tutto ciò primeggia il fattore uomo: non è vero che la crescita economica fa stare tutti un po’ meglio a cascata. In poche parole dove c’è deregolarizzazione c’è semplicemente casino, non c’è spazio di programmazione e attenzione alla prevenzione.

  • Trovo pleonastico mettere in prima pagina un nuovo pezzo, quindi incollo qui questo qualificato parere scientifico:
    “Quando tutti i voti saranno espressi e contati per le importanti elezioni del 3
    novembre di quest’anno , i risultati avranno impatti profondi e potenzialmente
    di lunga durata su numerose aree della società, compresa la scienza . Il
    presidente Donald Trump e il suo sfidante, l’ex vicepresidente Joe Biden, hanno
    presentato visioni molto diverse per la gestione di questioni cruciali, che
    vanno dalla mortale pandemia di coronavirus agli impatti dannosi dei
    cambiamenti climatici e delle politiche sull’immigrazione.

    Il risultato delle elezioni – non solo chi vince la Casa Bianca ma chi controlla il
    Congresso – determinerà quali leggi verranno approvate, come vengono
    assegnati i budget e quale direzione prenderanno le principali agenzie legate
    alla scienza (come la NASA e la National Oceanic and Atmospheric
    Administration). Gli ultimi quattro anni sono stati contrassegnati da ampi
    sforzi di deregolamentazione che hanno ripercussioni sul clima e sulla salute
    pubblica . L’amministrazione Trump ha anche intrapreso varie misure che
    potrebbero ridurre l’accesso all’assistenza sanitaria. E ha nominato funzionari
    del settore in comitati consultivi scientifici e ha fatto altre mosse che
    potrebbero diminuire il ruolo e l’influenza della competenza scientifica.
    Questo approccio si è dimostrato acutamente in quella che molti esperti di
    sanità pubblica vedono come la gestione disastrosa della pandemia a livello
    federale, che a sua volta ha minato la reputazione di agenzie leggendarie,
    inclusi i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

    Qui, Scientific American dà un’occhiata a come le elezioni potrebbero dare
    forma ad alcune questioni scientifiche chiave, a seconda di chi vince.

    Indubbiamente il problema più immediato che Biden o Trump dovranno
    affrontare in qualità di presidente è la pandemia COVID-19, che fino ad oggi ha
    ucciso più di 227.000 persone negli Stati Uniti. Trump e la sua amministrazione
    hanno costantemente minimizzato la minaccia per il pubblico. Non sono
    riusciti a far fronte a gravi carenze di test, hanno infranto le linee guida di
    base sulla salute pubblica organizzando grandi manifestazioni e rifiutando di
    indossare maschere (mentre deridono coloro che lo fanno) e si sono persino
    dimostrati incapaci di contenere focolai nella stessa Casa Bianca .
    L’amministrazione è stata accusata di interferire con le agenzie sanitarie
    federaliper guadagno politico. Ha rifiutato i finanziamenti agli stati e alle
    comunità più colpiti e, di concerto con i repubblicani al Senato, si è opposto
    alle proposte di legge in caso di pandemia che includevano l’estensione dei
    sussidi di disoccupazione extra di $ 600, lasciandoli così scadere. * Sebbene
    diversi potenziali vaccini siano in fase finale fasi di prova, nessuna è in
    procinto di essere approvata prima delle elezioni . Lo stesso presidente ha
    ripetutamente diffuso disinformazione sul COVID-19, promuovendo terapie
    inefficaci e pericolose e definendo falsamente la malattia non peggiore
    dell’influenza. Ha ripetutamente affermato che gli Stati Uniti stanno “voltando
    l’angolo” sulla crisi della sanità pubblica, nonostante il numero record di casi e
    ricoveri. Il suo capo del personale ha recentemente ammessoche “non
    controlleremo la pandemia”.

    Biden, al contrario, ha presentato un piano COVID-19 dettagliato per rendere i
    test più ampiamente disponibili e per garantire che i test e il trattamento siano
    gratuiti. Il piano continuerebbe anche a sostenere lo sviluppo di vaccini e
    garantirebbe che gli Stati dispongano di attrezzature protettive e personale
    adeguati. Inoltre, fornirebbe sollievo economico ai lavoratori e alle piccole
    imprese e congedo di emergenza retribuito. Biden si è impegnato a mettere
    scienziati ed esperti di salute pubblica in prima linea e al centro dei briefing
    quotidiani sulla pandemia. Il suo piano include inoltre la preparazione del
    paese per future pandemie sostenendo la ricerca e sviluppando solidi
    programmi di sorveglianza delle malattie. Ha promesso che nel suo primo
    giorno in carica, gli Stati Uniti sarebbero rientrati nell’Organizzazione
    mondiale della sanità (che ilL’amministrazione Trump si è ritirata all’inizio di
    quest’anno). Mira anche a ripristinare la Direzione per la sicurezza sanitaria
    globale e la biodifesa del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca,

    PIEGHEREMO LA CURVA PANDEMICA?

    istituita dall’allora presidente Barack Obama nel 2014 e sciolta
    dall’amministrazione Trump nel 2018. Biden ha smesso di chiedere un
    mandato di maschera nazionale ma ha detto che avrebbe bisogno di maschere
    in tutti gli edifici federali e nel trasporto interstatale .

    “La priorità più grande sarà porre fine alla pandemia e continuare a curare i
    vaccini”, afferma Angela Rasmussen, virologa della Columbia University. “Sarà
    molto impegnativo a causa della perdita di fiducia nelle agenzie sanitarie come
    il CDC”. Biden avrebbe bisogno di coinvolgere nuovamente il pubblico e
    ricostruire quella fiducia, e dovrebbe anche investire pesantemente nella
    ricerca e nella preparazione e risposta alle pandemie, aggiunge Rasmussen.

    Nonostante gli impegni di Trump di garantire che gli Stati Uniti abbiano aria e
    acqua pulite, la sua amministrazione ha intrapreso significative
    deregolamentazioni ambientali. Alcuni dei più grandi cambiamenti sono stati
    le norme relative ai gas serra e ad altri inquinanti atmosferici.
    L’amministrazione ha abrogato il Clean Power Plan dell’era Obama (che fissa
    limiti alle emissioni di carbonio dalle centrali elettriche a carbone e gas) e ora
    consente agli stati di stabilire le proprie regole. Ha anche indebolito gli
    standard di efficienza del carburante per le automobili, consentendo più
    emissioni dallo scarico di gas serra e ha allentato le restrizioni sulle emissioni
    di mercurio tossico dalle centrali elettriche a petrolio e carbone.

    Un secondo mandato Trump probabilmente continuerebbe lungo lo stesso
    percorso. Potrebbe, tuttavia, affrontare alcune sfide legali: le agenzie non
    hanno sempre seguito procedure chiaramente stabilite per la
    regolamentazione, il che lascia alcuni cambiamenti dell’era Trump aperti al
    rovesciamento dei tribunali. “La storia di questa amministrazione in tribunale
    è piuttosto negativa”, osserva Hillary Aidun, collega del Sabin Center for
    Climate Change Law della Columbia.

    QUANTO SARÀ PULITA L’ARIA?

    Secondo un’analisi del Rhodium Group, un centro di ricerca indipendente, gli
    attuali rollback dell’amministrazione Trump aggiungerebbero l’equivalente di
    circa 1,8 miliardi di tonnellate di anidride carbonica in eccesso nell’atmosfera
    entro il 2035. Le analisi di scienziati accademici e dell’Agenzia per la
    protezione dell’ambiente hanno dimostrato che normative meno rigorose
    sull’inquinamento atmosferico possono portare a migliaia di morti premature
    e causare o esacerbare malattie polmonari.

    Biden ha parlato apertamente di invertire le azioni di Trump e rafforzare le
    normative, oltre ad affrontare i danni sproporzionati che l’inquinamento
    causa nelle comunità nere, brune e a basso reddito. Alcune azioni sarebbero
    più facili da annullare rispetto ad altre. Sarebbe relativamente semplice
    revocare o modificare gli ordini e le linee guida dei dirigenti, come la direttiva
    dell’amministrazione Trump di non utilizzare le stime dell’era Obama per il
    costo sociale del carbonio.

    Biden può anche emettere i propri ordini esecutivi, come si è impegnato a fare
    per fissare un obiettivo per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050.
    Le modifiche alle regole completate negli ultimi 60 giorni legislativi potrebbero
    essere annullate dal nuovo Congresso, anche se questo è solo probabile
    accadrà se i democratici ottengono il controllo di entrambe le camere. Alcuni
    regolamenti precedenti, come le revisioni agli standard di efficienza del
    carburante, dovrebbero essere modificati attraverso il laborioso processo di
    regolamentazione federale, che può richiedere anni. (C’è un’eccezione alla
    regola degli standard sui combustibili: un’amministrazione Biden potrebbe
    revocare il ritiro della rinuncia della California a stabilire le proprie normative
    più rigorose, che altri stati sarebbero poi liberi di adottare.)

    Trump e i repubblicani del Congresso hanno ripetutamente tentato di abrogare
    l’Affordable Care Act, o ACA. La legge fornisce un’assicurazione sanitaria a più
    di 20 milioni di americani e protegge fino a 129 milioni di persone con
    condizioni preesistenti (che potrebbero includere COVID-19). Gli sforzi per
    l’abrogazione sono finora falliti e l’amministrazione Trump non ha rivelato un
    piano per sostituire la copertura. Invece Trump ha emesso un ordine esecutivo
    sdentato affermando che proteggerà l’assicurazione per coloro con condizioni
    preesistenti. Ha firmato diversi altri ordini esecutivi che, secondo lui,
    ridurranno i prezzi dei farmaci, ma i dettagli sono oscuri e gli ordini sono lungi
    dall’essere implementati. Nel frattempo, con una mossa molto insolita e
    ampiamente condannata, il suo partito repubblicano ha speronato la nomina
    di Amy Coney Barrett per occupare il seggio della Corte Suprema di Ruth Bader
    Ginsburg, solo una settimana prima delle elezioni. All’inizio di novembre il
    tribunale dovrebbe esaminare un caso per decidere se l’intero ACA è
    incostituzionale a causa del suo mandato individuale di acquistare
    un’assicurazione sanitaria. La maggioranza conservatrice sei su tre della corte
    potrebbe anche minacciare di ribaltare Roe v. Wade ,la storica sentenza del
    1973 che garantisce il diritto all’aborto. L’amministrazione Trump ha già
    intaccato i diritti riproduttivi delle donne attraverso una serie di regole che
    minacciano la copertura assicurativa per aborti e contraccezione. Se rieletto,
    potrebbe annullare ulteriormente questi diritti.

    Biden faceva parte dell’amministrazione Obama, che ha creato l’ACA, e ha
    detto che se sarà eletto, si baserà su di essa piuttosto che sostituirla. Il suo
    piano sanitario aggiungerebbe un’opzione pubblica all’ACA, aumenterebbe i
    crediti d’imposta per abbassare i premi e fornirebbe copertura per gli
    americani che sarebbero diventati idonei per Medicaid se il loro stato non
    avesse rifiutato di espanderlo. Il piano di Biden mira a rendere l’assistenza
    sanitaria più accessibile consentendo alla sezione delle opzioni pubbliche di
    negoziare i costi con i fornitori e abrogando l’eccezione che consente alle
    aziende farmaceutiche di evitare di negoziare con Medicare sui prezzi dei
    farmaci. Lavorerebbe anche per sostenere l’accesso alla contraccezione e
    all’aborto proteggendo Roe v. Wade,ripristinare i finanziamenti a Planned
    Parenthood e revocare la cosiddetta politica di Città del Messico che vieta i
    finanziamenti federali alle organizzazioni sanitarie globali che praticano o
    promuovono l’aborto come metodo di pianificazione familiare. Biden afferma
    anche di voler ridurre il tasso di mortalità materna inaccettabilmente alto tra
    le donne di colore e di tutelare le protezioni sanitarie dell’ACA,
    indipendentemente dal sesso, dall’identità di genere o dall’orientamento
    sessuale. Sostiene i permessi retribuiti per i lavoratori e ha lanciato un piano
    per affrontare la violenza armata .

    Ma le idee di Biden affrontano alcuni potenziali ostacoli. “Una cosa che è
    davvero importante realizzare, [con una maggioranza conservatrice di sei su
    tre nella Corte Suprema e 200 giudici confermati nominati da Trump], è:
    qualsiasi cosa faccia Biden sarà immediatamente contestata”, afferma Tim Jost,
    un professore emerito presso la Washington and Lee University School of Law.
    E, naturalmente, per far passare qualsiasi legislazione sanitaria,
    probabilmente avrebbe bisogno di una maggioranza democratica al Senato.

    CHI MANTERRÀ GLI STATI UNITI E IL MONDO AL SICURO?

    Nell’arena ad alto rischio delle armi nucleari, le differenze tra i due candidati
    non potrebbero essere più chiare. Biden ha espresso sostegno agli accordi
    esistenti sul controllo degli armamenti come un modo per prevenire la
    proliferazione nucleare e l’annientamento . Al contrario, Trump ha
    costantemente cercato di indebolire la partecipazione degli Stati Uniti a tali
    accordi, sostenendo che la libertà di azione unilaterale è migliore che accettare
    le norme di miglioramento della sicurezza stabilite dai partenariati
    internazionali.

    Questo approccio “America First” ha portato a numerose battute d’arresto nella
    non proliferazione nucleare durante il primo mandato di Trump, in
    particolare il ritiro degli Stati Uniti dal Piano d’azione globale congiunto nel
    2018. Più comunemente noto come “accordo con l’Iran”, questo accordo del
    2015 tra Teheran e le nazioni membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni
    Unite avevano lo scopo di fermare il programma di armi nucleari iraniane in
    cambio della revoca di sanzioni economiche paralizzanti, molte delle quali ora
    l’amministrazione Trump ha ripristinato. L’Iran ha risposto allo stesso modo
    continuando la sua ricerca di armi nucleari. Biden ha dichiarato che cercherà
    di far rientrare gli Stati Uniti nell’accordo.

    Allo stesso modo, Trump ha denunciato l’unico accordo attivo sulle armi
    nucleari tra gli Stati Uniti e la Russia: il nuovo trattato START emanato nel
    2010, che mira a prevenire una rovinosa corsa agli armamenti in stile guerra
    fredda limitando le dimensioni degli arsenali nucleari di entrambe le nazioni .
    Il trattato scade a febbraio, 15 giorni dopo la prossima inaugurazione
    presidenziale, ma include una disposizione che può essere rinnovato fino a
    cinque anni. Trump aveva precedentemente chiesto alla Cina di aderire al
    trattato (il che sarebbe improbabile) prima che gli Stati Uniti si rinnovassero,
    ponendo New START nel limbo. La Russia e l’amministrazione Trump
    sembrano ora andare verso un’estensione a breve termine, ma il destino del
    trattato rimane incerto. Biden ha detto che la sua amministrazione lo
    rinnoverà.

    Nonostante il suo corteggiamento di alto profilo nei confronti del leader
    autoritario della Corea del Nord Kim Jong-un, Trump non è riuscito a
    contenere lo sviluppo in corso da parte dello stato nucleare canaglia di missili
    a testate che minacciano gli Stati Uniti ei loro alleati. Biden, al contrario, ha
    paragonato Kim a Hitler e ha promesso di assumere una posizione più dura
    contro le aspirazioni nucleari aggressive del suo regime. Ma anche così,
    secondo Jeffrey Lewis, un esperto di armi nucleari presso il Middlebury
    Institute of International Studies, all’indomani delle azioni di Trump, “non è
    chiaro che [un’amministrazione Biden] possa rimettere insieme Humpty
    Dumpty”. Per quanto riguarda altri quattro anni di Trump? “Probabilmente è
    tornato alla corsa agli armamenti e alla proliferazione”, dice Lewis.

    Trump ha mantenuto la sua promessa elettorale di limitare l’immigrazione ,
    stabilendo una serie di barriere per ridurre il numero di partecipanti
    autorizzati e non autorizzati negli Stati Uniti Biden si è impegnato non solo ad
    abbattere le restrizioni di Trump ma anche a riformare il sistema di
    immigrazione statunitense per incoraggiare iscrizione. “Attualmente, non
    stiamo sfruttando la capacità dell’America di attrarre i migliori e più brillanti
    lavoratori del mondo”, si legge in una dichiarazione sul sito Web della sua
    campagna. Le prove suggeriscono che gli immigrati stimolano l’economia in
    generale e svolgono un ruolo particolarmente significativo nel mondo
    accademico e tecnologico.

    Le politiche e la retorica anti-immigrazione del presidente stanno già
    influenzando la capacità degli Stati Uniti di attrarre talenti nati all’estero. Il
    numero di nuovi studenti internazionali è diminuito ogni anno dal 2016 ,
    privando i college e le università delle loro tasse scolastiche e il settore
    tecnologico delle loro capacità. Dopo la laurea, molte di queste persone

    CHI POTRÀ ENTRARE NEL PAESE?

    continuano a lavorare qui: ad esempio, oltre l’80% degli studenti
    internazionaliche conseguono dottorati in intelligenza artificiale presso
    istituzioni statunitensi rimangono nel paese dopo la laurea. In effetti, più della
    metà dei lavoratori di intelligenza artificiale della nazione sono nati all’estero
    e, poiché la Cina si sforza di superarlo in questo campo, la capacità degli Stati
    Uniti di attrarre ricercatori di intelligenza artificiale sarà vitale. L’intelligenza
    artificiale è solo un esempio. Qualsiasi campo di ricerca altamente tecnico,
    come l’informatica quantistica, si basa su lavoratori qualificati con conoscenze
    specialistiche, molti dei quali provengono da oltre i confini degli Stati Uniti.
    Questa dipendenza è così importante sia per il mondo accademico che per le
    società tecnologiche che le nuove e onerose regole sui visti
    dell’amministrazione Trump per lavoratori qualificati hanno attirato cause
    legali da entità in entrambi i campi.

    Se Biden vincesse le elezioni, la sua proposta di politiche favorevoli agli
    immigrati potrebbe ripristinare la reputazione degli Stati Uniti come
    destinazione attraente per gli scienziati di tutto il mondo. Se Trump rimane al
    potere, la sua amministrazione continuerà probabilmente a impedire alle
    persone nate altrove di entrare nel paese, spingendo molte stelle
    dell’intelligenza artificiale, dell’informatica quantistica e altri campi a portare i
    loro preziosi talenti altrove.

    La prossima amministrazione deve decidere se proseguire verso l’obiettivo di
    Trump di rimandare gli astronauti sulla Luna entro il 2024 e poi su Marte negli
    anni ’30 del XX secolo nell’ambito del programma Artemis. Le incertezze di
    bilancio e le sfide tecniche rendono la scadenza per uno sbarco sulla luna
    stretta. Il principale ostacolo al ritorno al satellite terrestre è il trasporto e la
    NASA sta sviluppando il suo razzo per trasporto pesante Space Launch System
    (SLS) per la missione. Sta inoltre stipulando un contratto con tre società
    commerciali per sviluppare veicoli per atterrare sulla superficie lunare e
    quindi riportare gli astronauti nell’orbita lunare per il viaggio di ritorno.

    Le nuove amministrazioni presidenziali hanno una storia di cambiamenti nei
    piani di esplorazione spaziale , con l’inevitabile risultato di ritardare qualsiasi
    obiettivo finale costringendo la NASA a cambiare marcia. L’ex presidente

    DOVE ANDREMO NELLO SPAZIO?

    George W. Bush aveva incaricato l’agenzia di dirigersi verso la luna nell’ambito
    del programma Constellation, ma il suo successore Obama ha annullato
    Constellation e ha ordinato alla NASA di addebitare invece un asteroide.
    Quando Trump è entrato in carica, gli Stati Uniti hanno puntato di nuovo gli
    occhi sulla luna, con il risultato che nessuno dei due obiettivi è stato raggiunto
    finora. Se Trump vince di nuovo, presumibilmente continuerà sul corso
    attuale. Biden non ha dichiarato esplicitamente i suoi obiettivi spaziali, ma
    potrebbe almeno ritardare la linea temporale di Artemis , come suggerito da
    un disegno di legge della Camera degli Stati Uniti introdotto nel gennaio 2020.

    Il destino di più di un quarto della terra della nazione – e con esso, una parte
    considerevole delle sue emissioni di gas serra Р̬ nelle mani del prossimo
    presidente. Il governo federale possiede circa 640 milioni di acri di terra negli
    Stati Uniti, gestendone l’uso per scopi che vanno dalla conservazione allo
    sviluppo energetico. Quasi il 20% delle emissioni del paese proviene dalla
    produzione e dall’utilizzo di petrolio, gas e carbone estratti da queste terre
    pubbliche, che comprendono aree naturali importanti dal punto di vista
    ecologico, nonché monumenti nazionali culturalmente e scientificamente
    significativi. Sono sempre esistite tensioni su come bilanciare la conservazione
    della terra con lo sviluppo delle risorse naturali. Ma sullo sfondo della crisi
    climatica in atto, la posta in gioco è ora più alta che mai.

    L’amministrazione Trump ha reso disponibili vasti tratti di terreno pubblico
    per l’estrazione di risorse. Ha aperto parti dell’Arctic National Wildlife Refuge
    dell’Alaska allo sviluppo di petrolio e gas, e ora si propone di fare lo stesso con
    la maggior parte della vicina National Petroleum Reserve in Alaska.
    Quest’ultimo è il più grande pezzo di suolo pubblico del paese; contiene habitat
    critici per orsi polari, caribù e altri animali. A settembre l’amministrazione ha
    pubblicato il suo piano per aprire più della metà della foresta nazionale di
    Tongass in Alaska, una foresta pluviale temperata intatta che immagazzina
    circa l’8% del carbonio contenuto in tutte le foreste dei 48 stati inferiori messi
    insieme, al disboscamento, che avrebbe liberato la serra. gas di nuovo
    nell’atmosfera.

    Nello Utah, Trump ha ridimensionato drasticamente i monumenti nazionali
    Grand Staircase-Escalante e Bears Ears, che contengono centinaia di fossili e
    siti archeologici chiave. Questo cambiamento lascia quasi due milioni di acri di
    terreno precedentemente protetto aperto all’estrazione dell’uranio, alla
    perforazione di petrolio e gas e alla costruzione di strade. Nel New Mexico, la
    sua amministrazione sta cercando di vendere contratti di locazione di petrolio
    e gas nell’area intorno al Chaco Canyon, i sacri terreni ancestrali dei popoli
    Navajo e Pueblo. Da quando è entrata in carica, l’amministrazione Trump ha
    offerto milioni di acri di terreni pubblici in tutto il paese per la vendita di
    locazione di combustibili fossili. E a luglio ha riscritto il National
    Environmental Policy Act (NEPA), una legge fondamentale sulla conservazione,
    per limitare, tra le altre modifiche, la revisione ambientale e il contributo del
    pubblico ai progetti infrastrutturali proposti.

    Se Biden viene eletto, si è impegnato a intraprendere un’azione esecutiva il
    primo giorno che includa “la protezione permanente dell’Arctic National
    Wildlife Refuge e altre aree colpite dall’attacco del presidente Trump alle terre
    e alle acque federali” e “il divieto di nuove locazioni di petrolio e gas al
    pubblico terre e acque. ” È importante sottolineare che Biden sarebbe in grado
    di nominare nuove persone per guidare il Dipartimento degli interni e le sue
    sotto-agenzie, incluso il Bureau of Land management, che controlla la maggior
    parte del suolo pubblico. E potrebbe, con il sostegno di un Congresso
    Democratico, annullare le modifiche di Trump alla NEPA.”

  • P.S. Dimenticavo la paternità intellettuale: Di Andrea Thompson, Tanya Lewis, Lee Billings, Sophie Bushwick, Clara Moskowitz, Kate Wong

    ottobre 2020

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti