menu

FRANCESCO TORRISI

Un saluto a Gino Strada di EMERGENCY

Ritengo doverosa la partecipazione al lutto di EMERGENCY per la morte di Gino Strada, Fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l’anima di EMERGENCY. Emergency il 13/08/2021 18:31 ci inviava questa mail:   < Il nostro amato Gino è morto questa mattina. È stato fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l’anima di EMERGENCY. “I pazienti vengono sempre prima di tutto”,

Ritengo doverosa la partecipazione al lutto di EMERGENCY per la morte di Gino Strada, Fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l’anima di EMERGENCY.

Emergency il 13/08/2021 18:31 ci inviava questa mail:

 

< Il nostro amato Gino è morto questa mattina.

È stato fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l’anima di EMERGENCY.
“I pazienti vengono sempre prima di tutto”, il senso di giustizia, la lucidità, il rigore, la capacità di visione: erano queste le cose che si notavano subito in Gino. E a conoscerlo meglio si vedeva che sapeva sognare, divertirsi, inventare mille cose.

Non riusciamo a pensare di stare senza di lui, la sua sola presenza bastava a farci sentire tutti più forti e meno soli, anche se era lontano.

Tra i suoi ultimi pensieri, c’è stato l’Afghanistan, ieri.

È morto felice.

Ti vogliamo bene Gino. >

FRANCESCO TORRISI

14 Ago 2021 in Comunicato Stampa

7 commenti

Commenti

  • La morte ci può vincere una volta sola, ma la vita la possiamo vincere più volte.

    • Bravo: la vita resta comunque un’opera finita in se stessa.

  • Certo, Adriano, e Gino ne ha resituito all’esistenza centinaia di migliaia!!!
    Purtroppo la sua, di vita ha finito il suo percorso, ma EMERGENCY e’ una splendente realta’ che continua.
    Grazie Gino Strada!

  • Nessun politico ha visitato la camera ardente.

  • Avevano paura si tirasse su e gliene dicesse quattro come lui sapeva fare!!!!!

    • 🤗

  • Intitolazione del nostro ospedale a Gino Strada. Non si deve e non si può, alcuni preferirebbero Ablondi, direttore dello stesso e morto di Covid. Insomma.

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti