menu

GIORGIO CINCIRIPINI

Una stima realistica degli effetti avversi dei vaccini anti-Covid e del rapporto rischi-benefici

Il mio contributo qui è minimo.

Vi allego un link ad un recentissimo articolo del mio amico Dr Mario Menichella della Fondazione Hume (fondata da Piero Ostellino e Luca Ricolfi) che ha La missione  di produrre analisi indipendenti (non targate politicamente) su temi rilevanti (o dimenticati) del dibattito pubblico.

Il Lavoro di Mario è di ben 80 pagine (pdf) con oltre duecento riferimenti bibliografici recentissimi.

 

 

In sintesi:

 

”¬† viene tentata una stima del rapporto rischi-benefici, che pare spostare il punto in cui essi si bilanciano verso i 40-45 anni di et√† (nella mia stima di marzo, il punto di pareggio si collocava invece intorno ai 25 anni, cosa di fatto poi confermata dall‚ÄôEMA per Astrazeneca, per il quale l‚Äôha collocato a 30 anni).¬† ”

 

” considerare la vaccinazione dei giovani poco sensata, mentre quella dei bambini risulta essere addirittura ‚Äúpoco responsabile‚ÄĚ, come sottolineato ormai in modo sempre pi√Ļ ampio da medici e specialisti qualificati. ”

 

” Va invece sottolineata l‚Äôenorme importanza della vaccinazione contro il Covid degli over 50 e dei soggetti fragili, onestamente ben realizzata dalle Autorit√† sanitarie italiane ”

 

Il testo non √® per epidemiologi … √® per tutti (quelli che sono interessati a comprendere).

Una stima realistica degli effetti avversi dei vaccini anti-Covid e del rapporto rischi-benefici

 

 

GIORGIO CINCIRIPINI

10 Nov 2021 in Salute

1 commento

Commenti

  • Il punto √® ben altro che Covid: se non si modificano le nostre modalit√† di vita, e volontariamente non lo faremo fin quando non troveremo la maniera di far coincidere l’interesse economico degli “sfoltiti terrestri”, vivremo di vaccini, per ceppi influenzali, ceppi corona, e altri fratellini in arrivo. Non dubito che il bilancio dell’Autore sia sincero e competente, ma √® il sentito del concetto di rischio che cambier√†, ritornando al sentito di minor male, come negli scorsi secoli, non garantisti.

Scrivi qui il commento

Commentare è libero (non serve registrarsi)

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nostri contenuti